Array ( [0] => 26 )

Primo piano

  • Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    A meno di due mesi dall’uscita ufficiale del regno Unito dall’Unione Europea e alla vigilia dei negoziati per gli accordi in diversi settori, tra cui il trasporto, Londra minaccia che di ridurre la fase transitoria di sei mesi se nelle prossime settimane non avverranno “buoni progressi”.

Podcast K44

Normativa

GB Railfreight usa i treni passeggeri per le merci

Dopo l’uso degli aerei passeggeri per il trasporto delle merci, la conversione avviene anche nel trasporto ferroviario. Lo sta facendo la compagnia britannica GB Railfreight, che ha sperimentato con successo l’uso di treni dismessi per pendolari per il trasporto espresso di pacchi. Il primo viaggio è avvenuto all’inizio di aprile con un treno Classe 319, che forniva servizi per i pendolari nelle West Midlands. Le prime prove hanno dimostrato che i pacchi si possono caricare e scaricare velocemente usando roll container dalle normali porte e che si possono fissare nelle carrozze rimuovendo i sedili dei passeggeri.

GB Railfreight sta valutando con il Governo l’uso di questi treni soprattutto per affrontare l’emergenza della Covid-19, dedicandoli in primo luogo alla consegna di materiale sanitario agli ospedali del Regno Unito. La consegna espressa dei pacchi era sparita da anni, a parte alcuni servizi di navettamento tra terminal della Royal Mail. Il trasporto avviene prevalentemente nelle ore notturne.

"Ci impegniamo a continuare ad aiutare il Regno Unito a superare questo periodo garantendo la consegna di forniture vitali. Il trasporto merci su rotaia ha il vantaggio di poter movimentare in modo efficiente grandi volumi di merci in modo sicuro e affidabile”, spiega il Ceo della società, John Smit. "Questa prova di successo dimostra come le ferrovie possano svolgere il loro ruolo nell'aiutare la rapida consegna di forniture vitali e noi siamo ansiosi di poter fare la nostra parte per aiutare il NHS ad affrontare la sfida logistica di mantenere i nostri ospedali riforniti durante questo periodo di grande domanda”.

GB Railfreight potrebbe mantenere questo servizio anche dopo l’emergenza: "Dopo la crisi questi servizi potrebbero svolgere un ruolo nella riduzione dell'inquinamento atmosferico e delle emissioni di carbonio associate alla consegna dei pacchi", ha precisato Smit. “Con le consegne che vengono portate nel cuore delle città in treno durante la notte, usando veicoli elettrici per l’ultimo miglio".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    Questo episodio di K44 La voce del trasporto spiega che cosa si deve fare, che cosa non si deve fare e che cosa è consigliato fare nel caso un veicolo industriale sia coinvolto in un incidente di qualsiasi tipo.

Logistica

  • Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    La Guardia di Finanza di Parma ha sequestrato undici milioni di euro a due cooperative del Gruppo Taddei che operano nella logistica per evasione fiscale. Occupano quasi un migliaia di persone, tra soci e dipendenti.

Mare

  • Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Alla Camera è in corso la discussione su un emendamento al Decreto Rilancio che stabilisce con chiarezza l’impossibilità dell'autoproduzione nelle operazioni di rizzaggio e derizzaggio dei traghetti. E si scalda lo scontro tra armatori e sindacati.