Array ( [0] => 9 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Prosegue la protesta dell’autotrasporto in Russia

È difficile ottenere informazioni precise sui fermi e le manifestazioni indette da alcune associazioni dell'autotrasporto russe contro l'aumento del pedaggio per i veicoli pesanti introdotto dal Governo su alcune vie di grande comunicazione. Le fonti ufficiali ignorano la protesta, i cui echi giungono da fonti indipendenti. Secondo Ndnews, la protesta si sta sviluppando soprattutto nel Daghestan, dove almeno 40mila imprese, soprattutto di piccole e medie dimensioni, hanno attuato presidi. La fonte ne segnala soprattutto a Manas, a circa 150 chilometri dalla frontiera con l'Azerbaïdjan.
Secondo la fonte, il Governo avrebbe inviato corpi speciali per sciogliere i presidi e ci sarebbero stati anche degli arresti e a Ekaterinbourg sarebbero intervenute anche macchine operatrici per isolare i camion dei manifestanti e impedire così che altri veicoli si aggiungano a loro. Altre manifestazioni si registrano in Inguscezia. In Russia basta un piccolo assembramento di persone per subire una denuncia di manifestazione non autorizzata e tale può essere considerato anche un assembramento di camion.
Il pedaggio telematico per veicoli pesanti Platon è entrato in vigore nel novembre 2015, per pagare la manutenzione e la costruzione d'infrastrutture, ed è stato subito contestato dagli autotrasportatori, tanto che il Governo ha ridotto l'importo previsto inizialmente. Inoltre, la riscossione è concessa a una società privata che fa capo a Igor Rottenberg, figlio di Arcadi Rottenberg, una persona molto vicina al presidente Putin.
Il 24 marzo 2017 è entrato in vigore un aumento del pedaggio chilometrico da 1,53 a 1,91 rubli al chilometro, riaccendendo la protesta degli autotrasportatori. Così, dal 27 marzo alcune associazioni dell'autotrasporto hanno proclamato un fermo nazionale a tempo indeterminato, che in realtà avviane soprattutto in alcuni Stati della Confederazione. Gli aderenti alla protesta usato la web-radio Zello per comunicare, che è stata bloccata nello Stato russo.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 Videocast: via libera alla riforma europea dell’autotrasporto

    K44 Videocast: via libera alla riforma europea dell’autotrasporto

    Questo videocast di K44 Risponde illustra le novità introdotte nell’autotrasporto dal Primo Pacchetto Mobilità, approvato definitivamente dal Parlamento Europeo l’8 luglio 2020. Le principali domande cui il videocast risponde sono: come migliora il lavoro degli autisti? Con quale nuovi armi si combatte la concorrenza sleale? Come si contrasta il cabotaggio …

Logistica

  • DB Schenker usa nuovi smart glass nell’intralogistica

    DB Schenker usa nuovi smart glass nell’intralogistica

    DB Schenker ha completato i testo sull’uso di smart glasses nell’intralogistica nelle piattaforme logistiche tedesche di Brema e Rodgau e annuncia la loro implementazione su ampia scala per il prelievo delle merci dagli scaffali.

Mare

  • I container tornano nel porto di Taranto

    I container tornano nel porto di Taranto

    La mattina del 12 luglio ha attraccato al Molo Polisettoriale di Taranto la portacontainer Cma Cgm Nicola, riaprendo così l’attività del terminal che ora è gestito dalla società turca Yilport. Per ora sono previsti servizi feeder nel Mediterraneo.