Array ( [0] => 9 )

Primo piano

  • Le donne sono il 22% degli occupati nella logistica

    Le donne sono il 22% degli occupati nella logistica

    È ormai da qualche anno che la giornata dell’8 marzo è sempre più un iconico rimbalzo delle donne che nel mondo del lavoro svolgono ruoli o compiti di tradizionale appannaggio maschile. Nel settore della logistica sono solo il 22% degli occupati.

Podcast K44

Normativa

Cronaca

    Non ci sarà alcun fermo dell’autotrasporto

    Il 21 aprile, il segretario nazionale di Trasportounito, Maurizio Longo, ha annunciato che dalla prossima settimana l’associazione promuoverà “azioni di protesta” sulle strade per rilanciare la richiesta d’interventi urgenti del Governo a fronte di una grave crisi, che si manifesta in primo luogo come mancanza di liquidità. Questa dichiarazione è stata trasformata da alcuni giornali e altre fonti associative in una proclamazione di fermo (parola che non è contenuta nelle dichiarazioni di Trasportounito), provocando anche la dissociazione della Confetra, cui Trasportounito aderisce.

    Per chiarire la posizione dell’associazione degli autotrasportatori, TrasportoEuropa ha interpellato direttamente Longo, che risponde: “Non abbiamo mai parlato di fermo dei servizi, perché non ci sono né le condizioni, né la volontà di farlo. La nostra intenzione è far sentire la voce della categoria, senza limitare in alcun modo l’operatività delle imprese. È indispensabile lanciare un segnale perché la categoria sta vivendo un forte disagio e bisogna renderlo visibile e chiedere risposte urgenti dal Governo. Invece, questa manifestazione di dissenso è stata interpretata da qualcuno come la calata dei barbari”.

    Se si fermeranno i camion non sarà quindi per la proclamazione di una serrata, quanto per mancanza di risorse? “Molte imprese moriranno di crediti, perché numerosi committenti stanno ritardando i pagamenti più di quanto accadeva prima dell’emergenza. Ogni camion che fattura 10mila euro al mese ne paga subito 9000 di costi vari, quindi basta un ritardo nel pagamento del trasporto di tre mesi per accumulare un’esposizione di 27mila euro a veicolo. Somma che cresce con l’aumentare del ritardo nei pagamenti. È indispensabile quindi recuperare presto i crediti”.

    Per affrontare la mancanza di liquidità di tutte le imprese, il Governo ha creato un apposito provvedimento che dovrebbe stanziare risorse e distribuirle rapidamente tramite le banche. Gli autotrasportatori non ne beneficiano? “Le imprese di autotrasporto, soprattutto quelle piccole e medie, stanno incontrando molte difficoltà con le banche, che già da prima dell’emergenza non apprezzavano il loro codice Ateco. Abbiamo diverse segnalazioni di banche che creano ostacoli per somme superiori a 25mila euro, ma anche entro questo limite le banche creano escamotage. Per esempio, un autotrasportatore che ha chiesto 25mila euro ha potuto utilizzarne solo 5000, perché con gli altri 20mila la banca ha coperto un fido già esistente. In pratica, ha scaricato il rischio del castelletto allo Stato. Il punto è che il provvedimento dello Stato lascia troppi margini di discrezione alle banche”. 

    Ci sono altri modi per sostenere gli autotrasportatori? “Premetto che ben prima di questa emergenza avevamo chiesto d’istituire un fondo di rotazione per anticipare all’autotrasporto i pagamenti ritardati della committenza, cosa che non è avvenuta. Un primo provvedimento, che si può attuare in tempi brevi, è erogare agli autotrasportatori le risorse già stanziate, come gli incentivi e i contributi relativi agli anni passati. Poi bisognerebbe evitare richieste assurde, come quella dell’Autorità di Regolazione del Trasporto, che nonostante l’emergenza continua a chiedere il pagamento del contributo annuale agli autotrasportatori. Poi ci sono numerosi provvedimenti normativi a costo zero che faciliterebbero l’attività delle imprese”.

    Chiediamo infine a Longo se c’è stato un chiarimento fra Trasportounito e la confederazione cui aderisce, la Confetra, che dopo l’annuncio della protesta si era dissociata dalla forma e dal contenuto: “Alcuni organi di stampa hanno interpretato la nostra manifestazione di dissenso come un’azione di forza e addirittura come un fermo, causando una reazione della confederazione. Poi ci siamo chiariti e ora non ci sono problemi. Non vogliamo contrapporci a nessun’altra associazione, ma è vero che l'autotrasporto sta affrontando problemi e pressioni diverse da quelli di altre categorie. Il vero nodo è che ci sono problemi cui non è fornita un’adeguata risposta”.

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
    Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

      bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

     

     

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

    Teleroute affronta il futuro con un fermo impegno sulla sicurezza
    Accordo tra Astre Italia e Keepintouch sui servizi alle flotte
    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee
    Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio
    Menu completo d’intralogistica per gli associati Astre
    LCT collabora con la Protezione Civile contro la Covid-19
    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    previous arrow
    next arrow
    Slider

     

Videocast K44

Autotrasporto

Mare

  • La Cin Tirrenia rischia il fallimento

    La Cin Tirrenia rischia il fallimento

    Il Tribunale di Milano respinge una nuova richiesta di rinvio del concordato preventivo avanzata da Cin Tirrenia e la Procura chiede la procedura di fallimento. I giudici milanesi aprono anche un’inchiesta conoscitiva per Moby su contributi ai partiti e spese per i vertici aziendali.

TECNICA

Bruxelles studia la cybersicurezza nei veicoli autonomi

TECNICA

Alleanza tra Iveco e Plus per il camion autonomo

TECNICA

Aggancio automatico del semirimorchio di Jost

TECNICA

K44 Tecno: al volante (virtuale) del nuovo Renault Trucks T

TECNICA

Boston Dynamics presenta un robot per caricare i camion
previous arrow
next arrow
Slider

LOGISTICA

K44 podcast: come cambia l’offerta di lavoro nella logistica

LOGISTICA

Venezia vuole produrre idrogeno verde per il trasporto

LOGISTICA

Alibaba.com con Nola Business Park nel commercio elettronico

LOGISTICA

Allarme anche per la carenza di materie plastiche

LOGISTICA

Amazon aprirà tre logistiche in Veneto
previous arrow
next arrow
Slider

BREXIT

Camionisti esonerati dal tampone Covid tra GB e Francia

BREXIT

La Brexit svuota l’export britannico

BREXIT

Eurotunnel offre lo sdoganamento digitale

BREXIT

Nuovo quadro giuridico per eTir dal 25 maggio

BREXIT

La Brexit frena anche Amazon in Gran Bretagna
previous arrow
next arrow
Slider

CAMIONSFERA

Dkv avvia il pagamento telematico in Italia

CAMIONSFERA

Bosch produrrà microprocessori per veicoli in Germania

CAMIONSFERA

Dimezzato il potenziamento della ferrovia di Capodistria

CAMIONSFERA

Camionisti scioperano nei Paesi Bassi per aumento salario

CAMIONSFERA

Parte il bando per la galleria del Verghereto sull’E45

CAMIONSFERA

Ancora ritardi nelle consegne di camion in Europa e Usa

CAMIONSFERA

Piano di sorveglianza ministeriale per le gallerie

CAMIONSFERA

K44 podcast: come funziona l’assistenza 24h dei camion

CAMIONSFERA

Assolti due dirigenti Michelin per incidente a camionista

CAMIONSFERA

Bando per formazione autisti container

CAMIONSFERA

La Francia rifinanzia e rilancia la Torino-Lione

CAMIONSFERA

Ferrovie tedesche in contropiede sulla frana del Reno

CAMIONSFERA

Il Canale di Suez sta potenziando la sicurezza della navigazione

CAMIONSFERA

Il raddoppio della ferrovia adriatica fa solo un mezzo passo

CAMIONSFERA

Progetto di nuovo canale tra Mar Rosso e Mediterraneo
previous arrow
next arrow
Slider