Array ( [0] => 9 )

Primo piano

  • Primi treni merci per la nuova impresa Evm Rail

    Primi treni merci per la nuova impresa Evm Rail

    Dopo la fase di certificazione e formazione del personale, è diventata operativa la nuova compagnia italiana di trasporto ferroviario delle merci Evm Rail, che opera anche in ambito internazionale.

Podcast K44

Normativa

Il network d’autotrasporto Astre espande l’attività in Grecia

Il network di aziende di autotrasporto Astre Italia conta un nuovo associato, la Italkappa Logistics di Campogalliano, in provincia di Modena. È un tassello importante per la rete d’imprese perché apre le porte della Grecia all’intero network europeo. Italkappa Logistics, infatti, è un’azienda italiana controllata dal Gruppo greco Karassulis, che ha sede a Salonicco. Fondata nel 1988 da Athanasios Karassulis, la società greca è nata subito per la fornitura di servizi d’autotrasporto con l’Italia, aumentando progressivamente la flotta in un contesto che oggi come allora è dominato da padroncini. Oggi Karassulis è diventata una delle principali imprese greche di autotrasporto e logistica.

I traffici tra le due sponde dell’Adriatico sono cresciuti fino al punto in cui nel 2002 Athanasios Karassulis decide di aprire una società in Italia, la Italkappa Logistics, che oggi è diretta dal figlio Konstantinos e conta 70 autoarticolati che svolgono trasporto regolare tra Italia e Grecia imbarcandosi a Venezia, Ancona e Brindisi, secondo la provenienza o la destinazione delle spedizioni. Per i carichi frazionati, il Gruppo usa la piattaforma logistica di Campogalliano sulla sponda italiana e quelle di Salonicco e Atene su quella greca per consolidare i carichi e inviare tra i due Paesi autoarticolati sempre pieni.

L’ingresso d’Italkappa Logistics in Astre Italia permette da un lato all’azienda italo-greca di ampliare l’attività aumentando le collaborazioni con i partner italiani ed europei e dall’altro al network Astre di entrare nel mercato del trasporto greco. Karassulis, infatti, è il primo gruppo ellenico a entrare in Astre, portando il network anche in Bulgaria, dove ha un’altra società controllata. “Il progetto è rendere la piattaforma di Campogalliano uno hub europeo nel trasporto da e per la Grecia, con il contributo di tutte le imprese del network”, spiega Konstantinos Karassulis. Italkappa aderisce anche al servizio Astre Plus, che offre spedizioni espresse di piccole partite di pallet, ossia quelle da due a quattro metri lineari. Un servizio nato in Italia e che proprio in questo periodo il network sta ampliando in altri Paesi europei, compresi Grecia e Bulgaria proprio grazie al contributo del Gruppo Karassulis.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Minicontainer Krone per la logistica urbana

    Minicontainer Krone per la logistica urbana

    Il costruttore tedesco Krone presenta una piccola unità di carico che si può trasportare con veicoli da 3,5 tonnellate, destinata alla distribuzione nell'ultimo miglio in ambito urbano.

Logistica

  • Fs studia i treni a idrogeno, dubbi in Germania

    Fs studia i treni a idrogeno, dubbi in Germania

    Il Gruppo ferrovie dello Stato sta valutando l’idrogeno come alimentazione alternativa al gasolio nei locomotori che non si possono collegare alla rete elettrica. Firmato un protocollo di ricerca con Snam.

Mare

  • DB Schenker scende dalle portacontainer di Maersk

    DB Schenker scende dalle portacontainer di Maersk

    Lo spedizioniere tedesco DB Schenker starebbe lasciando le portacontainer di Maersk perché considera la compagnia marittima danese più un concorrente che un fornitore di servizi, dopo che ha integrato Damco nella sua struttura. Potrebbe essere l'inizio di una tendenza.