Array ( [0] => 9 )

Primo piano

  • Decreto Flussi apre agli immigrati nell’autotrasporto

    Decreto Flussi apre agli immigrati nell’autotrasporto

    Il Decreto Flussi pubblicato nella Gazzetta Ufficiale numero 252 del 12 ottobre 2020 comprende tra le categorie di lavoratori ammesse, in numero chiuso, all’immigrazione in Italia anche gli autisti di veicoli industriali operanti nell’autotrasporto in conto terzi. Soddisfatta l’Anita.

Podcast K44

Normativa

Filt e Conftrasporto contro degrado dell’autotrasporto


Lo scorso 11 aprile un autoarticolato carico di fiori sbandò e saltò la carreggiata tra Lavagna e Sestri Levante, travolgendo una bisarca che proveniva in senso opposto e causando la morte di due autisti, Lorenzo Borgonovo di 49 anni e Tarsio Muniz De Andrade di 24 anni. Mentre sono ancora in corso le indagini per trovare la causa dell'incidente, il sindacato Filt Cgil ha diffuso un comunicato dove condanna "l'estremo degrado" dell'autotrasporto, causato dalla "battaglia per accaparrare lavoro dalla committenza attraverso l'asta al ribasso del trasporto stesso, con il risultato che una certa imprenditorialità malata recupera sulla pelle dei propri dipendenti il mancato guadagno che non è stata in grado di contrattare". Alla base di tale degrado ci sono "la mancata applicazione del contratto nazionale, contratti di somministrazione, agenzie interinali italiane e non, che offrono lavoratori praticamente gratis, senza tutele, senza coperture previdenziali, dumping salariale". Ciò comporta "più lavoro, meno sicurezza, salari da fame, nessuna formazione", cui la Filt contrappone "rispetto delle regole, professionalità, competenza, formazione".
Subito dopo la diffusione di questa nota, è uscito anche un comunicato di Conftrasporto, che condivide la diagnosi sindacale sul degrado dell'autotrasporto che, secondo la confederazione degli autotrasportatori, è causato da "scarsi controlli e dumping sociale". Il vice-presidente di Conftrasporto, Paolo Uggè, spiega che la sicurezza del trasporto è "messa in pericolo da aste al ribasso, operate in gran parte da vettori stranieri, che alimentano l'abusivismo e il dumping sociale in spregio alla professionalità e ai salari minimi del personale e, quel che è più grave, giocano sulla pelle di chi viaggia lungo le nostre strade e autostrade. La carenza di controlli fa il resto". Nella nota, Uggè richiama l'attenzione del ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli, che nei mesi scorsi aveva promesso la ricostituzione della Consulta dei Trasporti e della Logistica, e la pubblicazione nel sito web del ministero dei costi minimi per la sicurezza, chiedendogli di attuare queste due misure il più presto possibile.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

  • Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee

    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee

    Il progetto ADRIPASS ha lo scopo di migliorare l’accessibilità delle reti di trasporto europee con connessioni più efficienti dai porti dell’Adriatico all’entroterra e riducendo i tempi di attese alle frontiere dei Balcani. Ne parla una conferenza online il 2 dicembre.

Videocast K44

Autotrasporto

  • Tornano  costi minimi dell’autotrasporto

    Tornano costi minimi dell’autotrasporto

    Il 27 novembre 2020 il ministero dei Trasporti ha annunciato la pubblicazione del Decreto sui “costi indicativi di riferimento dell’attività di autotrasporto merci”.

Logistica

Mare

  • Porti liguri puntano sulla Svizzera dal 2024

    Porti liguri puntano sulla Svizzera dal 2024

    La connessione ferroviaria tra i porti di Genova e Savona e la Svizzera è stata la centro della terza edizione di “Un mare di Svizzera”. L’anno di svolta sarà il 2024 e PSA annuncia una filiale nella Confederazione Elvetica.