Array ( [0] => 9 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Domanda di autotrasporto crolla del 70% per Covid-19

Il primo aprile 2020, l’associazione Anita lancia un nuovo allarme sulla tenuta dell’autotrasporto italiano di fronte all’emergenza della Covid-19, mettendo a rischio anche le forniture di beni essenziali, come alimentari e farmaci. La chiusura degli stabilimenti ha causato una riduzione della domanda di trasporto stradale del settanta percento, lasciando sulla strada solamente i camion che portano i beni di prima necessita. Ma questo non basta per la sopravvivenza economica delle imprese, afferma l’associazione, perché anche le aziende che continuano a lavorare lo fanno in perdita.

“Le nostre aziende specializzate nel trasporto di alimentari freschi, oltre al forte calo del fatturato, subiscono enormi costi per lo sbilanciamento dei flussi di traffico, i percorsi a vuoto, i lunghi tempi di attesa presso gli stabilimenti aziendali e le frontiere” spiega Umberto Torello, presidente di Anita-Transfrigoroute Italia. “Non possiamo continuare a fornire servizi di trasporto per garantire l’approvvigionamento dei prodotti alimentari in assenza di un adeguato sostegno economico e finanziario da parte dello Stato”.

Gli autotrasportatori di Anita ritengono che le misure contenute nel Decreto Cura Italia non siano sufficienti per affrontare questa emergenza perché, come scrive Anita nella nota, “si limitano a spostare i termini di pagamento di oneri e tributi per lo Stato. Inoltre contributi in conto gestione per le imprese sono irrisori e lo slittamento delle scadenze dei prestiti rateali e mutui non è previsto per le grandi imprese”.

Il presidente dell'associazione, Thomas Baumgartner, afferma invece che per mantenere in vita l’autotrasporto servono interventi più massicci: “Chiediamo al Governo di aumentare adeguatamente il Fondo del Ministero dei Trasporti, previsto per le imprese iscritte all’Albo, per garantire lo sconto massimo dei pedaggi autostradali già accordato, contestualmente all’esonero totale del pagamento per i mesi di aprile e maggio. Chiediamo il temporaneo esonero dalle accise sul gasolio. Sono necessari anche la de-contribuzione degli oneri sociali, da imputare a carico dello Stato e interventi sui costi dei traghetti per garantire la continuità territoriale per le isole”.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • L’autotrasporto chiede un incontro su ArcelorMittal

    L’autotrasporto chiede un incontro su ArcelorMittal

    Cinque sigle dell’autotrasporto chiedono un incontro al Governo per affrontare i problemi degli autotrasportatori dell’acciaio che lavorano con l’ArcelorMittal, soprattutto il ritardo dei pagamenti e la revisione delle condizioni contrattuali.

Logistica

  • Cresce il cluster di Covid-19 nella logistica di Bologna

    Cresce il cluster di Covid-19 nella logistica di Bologna

    Dopo i 107 casi di positività al coronavirus, i controlli dell’Ausl di Bologna hanno rivelato almeno diciotto persone positive che operano nella vicina piattaforma Tnt. I sindacati chiedono provvedimenti per fermare il contagio.

Mare

  • Sciopero del SiCobas al Conateco di Napoli

    Sciopero del SiCobas al Conateco di Napoli

    Il sindacato di base SiCobas ha bloccato per alcune ore l’accesso del terminal container del porto di Napoli Conateco nell’ambito di una vertenza contro il licenziamento di alcuni lavoratori. Ripercussioni anche nella viabilità cittadina.