Array ( [0] => 31 )

Primo piano

  • Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    A meno di due mesi dall’uscita ufficiale del regno Unito dall’Unione Europea e alla vigilia dei negoziati per gli accordi in diversi settori, tra cui il trasporto, Londra minaccia che di ridurre la fase transitoria di sei mesi se nelle prossime settimane non avverranno “buoni progressi”.

Podcast K44

Normativa

Sindacati pronti alla sfida sul Pacchetto Mobilità


Questi erano i temi al centro del convegno organizzato a Genova per portare al centro della discussione politica la difficile realtà dell'autotrasporto, a partire dal dumping sociale frutto degli effetti della normativa 96/71 CE inerente la libera circolazione di personale comunitario e del relativo recepimento nell'ordinamento italiano. Le sigle sindacali hanno messo in evidenza "le contraddizioni di un sistema che alimenta una vera e propria concorrenza sleale", affermano. "Il sindacato unitariamente continua a chiedere un intervento concreto delle istituzioni per mettere fine alla competizione vissuta sulla pelle dei lavoratori a scapito dei diritti più elementari. Contemporaneamente è necessario riqualificare la rete infrastrutturale stradale per garantire buone condizioni di riposo dei conducenti alla guida dei mezzi pesanti".
A proposito del Pacchetto Mobilità approvato dal Parlamento europeo il 4 aprile 2019, Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti sottolineano l'importanza che sia stata eliminata la norma che "avrebbe comportato un peggioramento dei tempi di guida e riposo per gli autisti". Accolte invece positivamente "le norme sul cabotaggio contenute in questo nuovo pacchetto che renderanno più difficile fare dumping poiché è previsto che, dopo tre giorni in un paese estero, il camion dovrà passare almeno 60 ore nello Stato in cui ha sede". Inoltre è prevista "un'accelerazione dell'introduzione del tachigrafo smart che sicuramente eviterà che gli autisti siano costretti a orari di lavoro più lunghi di quelli previsti dalle legge, evitando così violazioni che comportano pesanti ricadute in termini di sicurezza". La posizione espressa da Mirko Filippi (Fit Cisl), ma firmata anche dal collega delegato Francesco Bottiglieri, oltre che da Marco Gallo e Leonardo Cafuoti (Filt Cgil), Roberto Gulli e Giovanni Ciaccio (Uiltrasporti), conclude spiegando che "dalle votazioni su questo pacchetto del Parlamento europeo, in linea di massima si sono tracciati due fronti: uno dei Paesi europei orientali e uno degli occidentali, a con interessi e linee opposte fra loro".

Nicola Capuzzo

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • L’autotrasporto chiede un incontro su ArcelorMittal

    L’autotrasporto chiede un incontro su ArcelorMittal

    Cinque sigle dell’autotrasporto chiedono un incontro al Governo per affrontare i problemi degli autotrasportatori dell’acciaio che lavorano con l’ArcelorMittal, soprattutto il ritardo dei pagamenti e la revisione delle condizioni contrattuali.

Logistica

  • Cresce il cluster di Covid-19 nella logistica di Bologna

    Cresce il cluster di Covid-19 nella logistica di Bologna

    Dopo i 107 casi di positività al coronavirus, i controlli dell’Ausl di Bologna hanno rivelato almeno diciotto persone positive che operano nella vicina piattaforma Tnt. I sindacati chiedono provvedimenti per fermare il contagio.

Mare

  • Sciopero del SiCobas al Conateco di Napoli

    Sciopero del SiCobas al Conateco di Napoli

    Il sindacato di base SiCobas ha bloccato per alcune ore l’accesso del terminal container del porto di Napoli Conateco nell’ambito di una vertenza contro il licenziamento di alcuni lavoratori. Ripercussioni anche nella viabilità cittadina.