Array ( [0] => 16 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Allarme sul trasporto illegale di fuochi d’artificio


La prima scoperta è avvenuta all'inizio di dicembre in un magazzino pavese, dove la Guardia di Finanza ha scoperto trecento chili di fuochi d'artificio, la seconda è avvenuta sempre nel pavese il 17 dicembre e in questo caso la quantità di botti illegali ammontava a ben ottocento chilogrammi imballati in scatoloni all'interno del deposito di un'azienda di spedizione. In entrambi i casi, secondo i Finanzieri le aziende di trasporto erano ignare del reale contenuto delle scatole, che sono state quindi stoccate (e sarebbero state trasportate su strada) senza applicare le norme di sicurezza sullo stoccaggio e il trasporto di prodotti esplosivi.
Vien spontanea una domanda: quante scatole di fuochi d'artificio stanno viaggiando sulle strade italiane su veicoli non in regola con l'Adr, magari senza neppure che gli autisti lo sappiano? Ciò può accadere perché i conducenti non conoscono il reale contenuto dei pacchi che caricano e devono basarsi su quanto scritto sui documenti, che possono riportare informazioni false. È una situazione molto pericolosa, perché non solo gli esplosivi viaggiano senza le adeguate misure di prevenzione, ma anche perché in caso d'incidente l'autista e i soccorritori non sanno del rischio di esplosione e non possono quindi intervenire adeguatamente. Inoltre questi camion che trasportano questi botti illegali possono essere imbarcati in traghetti, moltiplicando i rischi.
Ma il trasporto illecito di merci pericolose, soprattutto nel settore del collettame, non riguarda solamente i fuochi artificiali e il periodo del Capodanno. Nel mondo dell'autotrasporto si sa che ciò può avvenire, però non esistono statistiche su questo fenomeno, anche perché controllarlo non è semplice. Infatti, gli agenti dovrebbero aprire i pacchi, azione che comporta sia difficoltà burocratiche, sia operative. È però necessario trovare un modo per verificare se merci pericolose viaggiano su veicoli non a norma o addirittura su quelli adibiti al trasporto di prodotti alimentari.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

Logistica

  • Enel entra nella logistica partendo dai porti

    Enel entra nella logistica partendo dai porti

    Dopo l’annuncio di un nuovo piano mirato a riconvertire aree portuali e retroportuali a depositi doganali per container e merci, il Gruppo Enel ha rivelato alcuni dettagli su quali saranno in concreto le idee e le ambizioni di Enel Logistics in questa nuova area di business.

Mare