Array ( [0] => 17 )

Primo piano

  • Il 2019 è peggior anno del cargo aereo del decennio

    Il 2019 è peggior anno del cargo aereo del decennio

    Le rilevazioni della Iata sul trasporto aereo delle merci del 2019 mostrano che è stato il peggiore anno dal 2009, quando scoppiò la crisi macroeconomica da cui il settore è emerso lentamente. Un’eventuale ripresa quest’anno potrebbe essere ostacolata dall’epidemia di coronavirus.

Podcast K44

Normativa

Risultati Boeing secondo trimestre 2015


L'andamento dell'utile per azione (non-GAAP) 2015 si è stabilito tra $7,70 e 7,90, da $8,20 a 8,40, riflettendo l'impatto dell'onere del programma KC-46 nel secondo trimestre ($0,77), parzialmente compensato dalla forte performance. "Il record di consegne di aerei commerciali ai clienti di tutto il mondo ha spinto la crescita dei ricavi, mentre la solidità del nostro portafoglio complessivo e la focalizzazione accurata hanno generato un significativo cash flow operativo durante il trimestre", ha dichiarato il Presidente e CEO Boeing, Dennis Muilenburg.
"La solida performance operativa in tutti i programmi di produzione commerciali e di difesa ha parzialmente compensato l'onere del tanker e ci ha permesso di mantenere i nostri impegni di restituire liquidità ai nostri soci e di investire in innovazione e nelle nostre risorse umane". "Complessivamente, le nostre previsioni per la seconda metà dell'anno restano positive. Sul programma tanker stiamo investendo le risorse necessarie per rispettare la tempistica di questo importante programma per i nostri clienti. Abbiamo ben chiaro il lavoro che andrà fatto e siamo fiduciosi che il valore finanziario a lungo termine del programma ricompenserà il nostro investimento aggiuntivo". "Mantenendo la nostra concentrazione su produttività e crescita, continueremo a consegnare in modo produttivo dal nostro ampio e diversificato portafoglio, ad aggiudicarci nuovi ordini e a garantire valore crescente a tutti i nostri stakeholder".
La divisione aerei commerciali ha aumentato lo scorso trimestre i ricavi del 18% a $16,9 miliardi grazie al volume alto di consegne. Il margine operativo è stato del 7,1%, riflesso del già annunciato onere di $513 milioni sul programma KC-46 tanker e dell'impatto delle consistenti consegne di 787 e 747, parzialmente compensato dalla solida performance sui programmi produttivi. Commercial Airplanes ha ricevuto ordini per 116 aerei 737 MAX. Il programma 737 ha ottenuto oltre 2.800 ordini fermi per il 737 MAX sin dal suo lancio. Sempre nel trimestre, l'azienda ha iniziato l'assemblaggio del primo 737 MAX e il programma 787-10 ha completato la sua Critical Design Review. Gli ordini netti sono stati 171. Il portafoglio ordini rimane solido con circa 5.700 aerei valutati a $431 miliardi.
I ricavi di Defense, Space & Security sono stati di $7,5 miliardi. Il margine operativo è stato del 7,2%, riflesso del già annunciato onere di $322 milioni sul programma KC-46 tanker, parzialmente compensato dalla solida performance sui programmi produttivi. I ricavi di Boeing Military Aircraft (BMA) nel trimestre sono stati $3,5 miliardi, grazie alle tempistiche rispettate delle consegne. Il margine operativo è stato del 3,5% e BMA ha chiuso contratti per sei C-17 Globemaster III airlifters. I ricavi di Network & Space Systems (N&SS) sono stati di $1,9 miliardi e il margine operativo si è mantenuto invariato al 7,8%. In questo periodo, la NASA ha concluso con Boeing il primo contratto commerciale per una missione spaziale umana, come parte dell'esistente Commercial Crew contract. Global Services & Support (GS&S) ha chiuso il trimestre con ricavi per $2,1 miliardi e ha ottenuto un'estensione del contratto per servizi internazionali per l'F-15. Il portafoglio ordini di Defense, Space & Security è stato di $58 miliardi dei quali, il 39% è costituito da ordini da clienti internazionali.
Le previsioni finanziarie e di consegne per il 2015 riflettono l'impatto dell'onere sul programma KC-46 tanker e continuano la solida performance di tutta l'azienda.
Boeing ha stretti rapporti con l'industria aerospaziale e di difesa italiana, con le forze armate e con le compagnie aeree. La collaborazione comprende partnership con Finmeccanica e le sue società controllate come Alenia Aermacchi (per il 787 Dreamliner) e AgustaWestland (per i nuovi elicotteri ICH-47F destinati all'Esercito). Altre attività di collaborazione riguardano Alenia Aermacchi, Oto Melara, Thales Alenia Space Italia, Telespazio e Umbra Cuscinetti. Otto compagnie aeree italiane operano con 57 aerei Boeing. Aerei Boeing AV-8B sono in servizio con la Marina Militare, mentre gli elicotteri Chinook dell'Esercito hanno partecipato a operazioni di aiuto umanitario in diversi continenti. I quattro aerei di rifornimento in volo KC-767A, in configurazione combi, dell'Aeronautica Militare hanno superato le 13.000 ore di volo operative. Boeing ha circa 300 dipendenti in Italia, compresa la divisione marittima della controllata Jeppesen, a Massa.

Fonte: comunicato stampa Boeing
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Dimissioni dei vertici camion dell’Unrae

    Dimissioni dei vertici camion dell’Unrae

    Annunciate le dimissioni improvvide del presidente della Sezione Veicoli Industriali, Franco Fenoglio, e di quello della Sezione Rimorchi dell'associazione dei costruttori di veicoli esteri Unrae.

Logistica

  • Le proposte di Fedespedi per il Recovery Fund

    Le proposte di Fedespedi per il Recovery Fund

    L'associazione degli spedizionieri Fedespedi indica le priorità per il trasporto delle merci e la logistica da inserire nel programma di spesa che il Governo italiano dovrà presentare all'UE per ottenere le risorse del Recovery Fund. Tre temi: digitalizzazione, connettività e sostenibilità.

Mare