Array ( [0] => 17 )

Primo piano

  • Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    A meno di due mesi dall’uscita ufficiale del regno Unito dall’Unione Europea e alla vigilia dei negoziati per gli accordi in diversi settori, tra cui il trasporto, Londra minaccia che di ridurre la fase transitoria di sei mesi se nelle prossime settimane non avverranno “buoni progressi”.

Podcast K44

Normativa

Hyster e CLS potenziano la collaborazione


Il management di NMHG – Hyster ha dichiarato che: "Insieme al nostro partner CLS abbiamo messo a punto una strategia nell'ottica di offrire servizi d'alto livello a partire dalle nostre soluzioni tecnologiche di qualità, e abbiamo investito sul territorio per garantirli. Infatti abbiamo di recente presentato novità quali SAT, Hyster Warehouse Simulator e AVG VNA che rispondono alle esigenze del magazzino moderno."
CLS offre consulenza per tutte quelle attività di logistica che servono a garantire il funzionamento delle soluzioni Hyster. E' necessario innanzitutto capire quali macchine rispondono meglio alle esigenze di ogni cliente, cosa acquistare, quanto utilizzarle e se scegliere la formula dell'acquisto o del noleggio. "Ed è qui che entra in gioco il nostro personale, forte di una esperienza decennale, che propone dei piani di logistica avanzati, dal semplice disegno del layout di un magazzino fino alla definizione di strumenti più sofisticati per la gestione del magazzino stesso, adattati alle esigenze specifiche del cliente." ha detto Michele Calabrese, Marketing Manager di CLS.
La fabbrica dei carrelli da interno del gruppo Nacco Materials Handling Group è presente sul territorio italiano da 20 anni, ed è cresciuta nel tempo all'insegna della qualità. La sede storica di Masate, in provincia di Milano, è diventata negli anni un polo produttivo completo in cui operano ingegneri altamente qualificati. Qui vengono progettati i carrelli con sistemi all'avanguardia e si pone grande attenzione ai test sia in fase di sviluppo sia di produzione. Il 100% dei carrelli viene infatti collaudato con dei test dinamici per verificare velocità e frenata oltre che la performance del montante.
La capacità produttiva è cresciuta negli anni e ci sono stati diversi investimenti volti ad ottimizzare l'utilizzo degli spazi. L'innovazione del polo sta portando ad utilizzare sistemi "zero errori" ovvero si stanno ultimando soluzioni che aiutano l'operatore nelle varie fasi e verificano che i componenti che vengono messi sulla dima siano quelli corretti oltre che i controlli sulla qualità. Attualmente l'84% dei carrelli prodotti a Masate è destinato ai mercati dell'area EMEA, il materiale con cui vengono assemblati proviene per il 94% da fornitori europei, e tra questi ben il 71% è italiano.

Fonte:comunicato stampa Hyster
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • L’autotrasporto chiede un incontro su ArcelorMittal

    L’autotrasporto chiede un incontro su ArcelorMittal

    Cinque sigle dell’autotrasporto chiedono un incontro al Governo per affrontare i problemi degli autotrasportatori dell’acciaio che lavorano con l’ArcelorMittal, soprattutto il ritardo dei pagamenti e la revisione delle condizioni contrattuali.

Logistica

  • Cresce il cluster di Covid-19 nella logistica di Bologna

    Cresce il cluster di Covid-19 nella logistica di Bologna

    Dopo i 107 casi di positività al coronavirus, i controlli dell’Ausl di Bologna hanno rivelato almeno diciotto persone positive che operano nella vicina piattaforma Tnt. I sindacati chiedono provvedimenti per fermare il contagio.

Mare

  • Sciopero del SiCobas al Conateco di Napoli

    Sciopero del SiCobas al Conateco di Napoli

    Il sindacato di base SiCobas ha bloccato per alcune ore l’accesso del terminal container del porto di Napoli Conateco nell’ambito di una vertenza contro il licenziamento di alcuni lavoratori. Ripercussioni anche nella viabilità cittadina.