Array ( [0] => 30 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Tris vincente per trasporto leggeri in edilizia


La struttura della cassa, realizzata interamente in lega leggera di alluminio e isolata da verniciatura in polvere poliestere termoindurente, è l'allestimento ideale per i lavori edili, grazie alla sua robustezza. Nel contempo, la caratteristica della lega di alluminio di non essere intaccata dalla ruggine, rende il prodotto particolarmente indicato anche per giardinieri e florovivaisti. Inoltre la notevole portata residua garantita dall'allestimento favorisce l'applicazione di una gru idraulica retrocabina ancorata a un controtelaio appositamente progettato per resistere ai carichi dinamici. Questa è la soluzione proposta al Transpotec 2019 basata su un Man Tge con massa complessiva di 5,5 tonnellate su cui è installata una gru retrocabina Fassi F40 e un cassone ribaltabile Onnicar.
Quest'ultimo ha piano di carico autoportante in lega di alluminio con superficie liscia munito di bussole di ancoraggio che assicurano un corretto fissaggio delle merci trasportate, sponda anteriore con montanti rinforzati saldata alla struttura per aumentarne la robustezza e paracabina con rete in acciaio zincato a caldo, struttura e portapali in alluminio. Le sponde perimetrali realizzate con profilo personalizzato Onnicar tipo Heavy, in lega di alluminio, con parte superiore rinforzata ed ergonomica, si aprono lateralmente a 180° e posteriormente nei due sensi, con apertura automatica in fase di ribaltamento posteriore. Le chiusure delle sponde laterali con profilo di sezione rinforzato in alluminio anodizzato sono progettate e costruite per resistere ad intensi cicli di utilizzo.
Il controtelaio, in acciaio zincato a caldo, mantiene le caratteristiche di inattaccabilità alla ruggine così come tutte le altre componenti dell'allestimento tra cui il pistone di sollevamento con fodero zincato e gli steli trattati. Il ribaltabile è dotato di portapali posteriore sfilabile in lega leggera di alluminio e cassetto porta attrezzi in acciaio inox. Ulteriori componenti di sicurezza sono: antiribaltamento anteriore, finecorsa, staccabatteria, impianto elettrico cablato in cavo corrugato ignifugo e con fusibile di potenza a salvaguardia dell'elettronica del veicolo, luce-cicalino di segnalazione, pulsantiera spiralata con comando a due mani, barra fermo cassa. Tra cassone e cabina è montata la la gru F40, che offre un momento massimo di 4 tm e 39 kNm, uno sbraccio fino a 9,40 m con rotazione a 370° con cremagliera e pignone senza biellismo.

Massimiliano Barberis

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Gazzetta Ufficiale UE pubblica la riforma dell’autotrasporto

    Gazzetta Ufficiale UE pubblica la riforma dell’autotrasporto

    La Gazzetta Ufficiale Europa ha pubblicato il 31 luglio 2020 i due Regolamenti e la Direttiva che formano il Primo Pacchetto Mobilità, ossia la riforma dell’autotrasporto internazionale per contrastare il dumping sociale degli autisti e la concorrenza sleale tra le imprese.

Logistica

  • Il porto di Livorno aumenta la quota nell’Interporto Vespucci

    Il porto di Livorno aumenta la quota nell’Interporto Vespucci

    L'Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale annuncia di voler sottoscrivere l’aumento di capitale dell’Interporto Vespucci di Livorno, passando dalla sua quota attuale del 9,59% al 30%. nascerà anche un parcheggio sicuro per i camion.

Mare

  • Assarmatori chiede aiuti per le autostrade del mare

    Assarmatori chiede aiuti per le autostrade del mare

    L’associazione degli armatori Assarmatori rivolge al Parlamento la richiesta di aiuti urgenti per le compagnie che gestiscono il combinato strada-mare, le rotte per le isole maggiori e quelle del cabotaggio.