Array ( [0] => 10 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Cronaca

    Retata al porto di Salerno con 69 arresti

    È una vera e propria retata quella attuata all’alba del 5 maggio da ben 250 Finanzieri e 17 funzionari delle Dogane, nell’ambito di un’indagine aperta dalla Procura di Salerno per numerosi reati compiuti nel porto di Salerno. Nelle prime ore della mattina, i militi hanno eseguito 69 ordinanze di custodia cautelare per numerosi reati, tra cui spiccano peculato, corruzione, favoreggiamento personale, falso, traffico di influenze illecite, accesso abusivo a sistemi informatici, ricettazione, contrabbando e traffico internazionale di rifiuti.

    L’operazione soprannominata Tortuga coinvolge enti pubblici e società private e, in particolare, riguarda funzionari doganali, personale sanitario, spedizionieri e dipendenti di società operanti nel porto di Salerno. Secondo gli inquirenti, alcuni spedizionieri avrebbero corrotto alcuni funzionari delle Dogane del porto di Salerno, fino al punto di compilare in anticipo e senza controlli i documenti che hanno approvato le spedizioni. La corruzione sarebbe stata pagata anche con merce scaricata dai container in ingresso al porto.

    Aggiornamento delle 11.00: In una conferenza stampa della mattina del 5 maggio, gli inquirenti hanno fornito dettagli sull’operazione Tortuga. I Finanzieri hanno posto agli arresti domiciliari 39 persone, mentre per 21 persone hanno ricevuto un divieto di dimora e nove altre misure interdittive dall’esercizio negli uffici e delle professioni. Complessivamente sono indagate 87 persone e tra quelle coinvolte ci sono diciassette funzionari doganali, due avvocati, dieci privati, un dipendnete della Procura e un Finanziere. L’indagine è stata svolta per un anno e mezzo dalla pubblico ministero Elena Guarino e dal procuratore aggiunto Luigi Alberto Cannavale.

    Gli episodi contestati riguardano eventi banali, come l'asportazione di oggetti con poco valore dai container, sino al traffico internazionale di rifiuti e il contrabbando di sigarette. E proprio il contrabbando di tabacco ha dato origine all’indagine, sulla base di una segnalazione dell’Olaf, ossia l’ufficio europeo antifrode.

    Aggiornamento delle 12.00: in una nota, la Procura di Salerno precisa che l’inchiesta è iniziata per un traffico di contrabbando di cinque tonnellate di tabacco per narghilè che formalmente doveva transitare nel porto di Salerno per concludersi in Marocco, ma che in realtà è stato venduto in Italia con un’evasione di diritti doganali pari a un milione e duecentomila euro. L’inchiesta, che ha usato anche intercettazioni audio e video, ha coinvolto pure un direttore a interim e un vice-direttore delle Dogane di Salerno per “condotte omissive per eludere le investigazioni dirette ad accertare i potenziali responsabili delle fittizie registrazioni doganali”.

    Procedendo, gli inquirenti hanno scoperto altri fenomeni di corruzione relativi a finti controlli amministrativi e doganali, pagati sia in denaro, sia con altre utilità. Le riprese video hanno mostrato pure l'asportazione di piccole quantità di merce, anche di basso valore, dai container da parte di funzionari doganali, personale fitosanitario, spedizionieri, ausiliari doganalisti e dipendenti di società di facchinaggio.

    Nell’indagine è finito anche un traffico internazionale di rifiuti che ha coinvolto due spedizionieri e altre sette persone e che ha portato al sequestro di oltre 60 tonnellate di rifiuti, oltre mille pannelli fotovoltaici e altrettanti accumulatori di elettricità rubati, tutti stivati in container diretti in Africa. Infine, due avvocati e un dipendente del ministero della Giustizia sono accusati di essere entrati nei sistemi informatici della Procura per scaricare informazioni che riguardano l’indagine, nell’interesse dei funzionari doganali sotto inchiesta.

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
    Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

      bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

     

     

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

    Teleroute affronta il futuro con un fermo impegno sulla sicurezza
    Accordo tra Astre Italia e Keepintouch sui servizi alle flotte
    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee
    Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio
    Menu completo d’intralogistica per gli associati Astre
    LCT collabora con la Protezione Civile contro la Covid-19
    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    previous arrow
    next arrow
    Slider

     

Videocast K44

Autotrasporto

Mare

TECNICA

Bruxelles studia la cybersicurezza nei veicoli autonomi

TECNICA

Alleanza tra Iveco e Plus per il camion autonomo

TECNICA

Aggancio automatico del semirimorchio di Jost

TECNICA

K44 Tecno: al volante (virtuale) del nuovo Renault Trucks T

TECNICA

Boston Dynamics presenta un robot per caricare i camion
previous arrow
next arrow
Slider

LOGISTICA

Operazione antimafia nei trasporti e nel commercio di carburanti

LOGISTICA

Strage in magazzino FedEx d’Indianapolis

LOGISTICA

K44 podcast: come cambia l’offerta di lavoro nella logistica

LOGISTICA

Venezia vuole produrre idrogeno verde per il trasporto

LOGISTICA

Alibaba.com con Nola Business Park nel commercio elettronico
previous arrow
next arrow
Slider

BREXIT

Camionisti esonerati dal tampone Covid tra GB e Francia

BREXIT

La Brexit svuota l’export britannico

BREXIT

Eurotunnel offre lo sdoganamento digitale

BREXIT

Nuovo quadro giuridico per eTir dal 25 maggio

BREXIT

La Brexit frena anche Amazon in Gran Bretagna
previous arrow
next arrow
Slider

CAMIONSFERA

Dkv avvia il pagamento telematico in Italia

CAMIONSFERA

Bosch produrrà microprocessori per veicoli in Germania

CAMIONSFERA

Dimezzato il potenziamento della ferrovia di Capodistria

CAMIONSFERA

Camionisti scioperano nei Paesi Bassi per aumento salario

CAMIONSFERA

Parte il bando per la galleria del Verghereto sull’E45

CAMIONSFERA

Ancora ritardi nelle consegne di camion in Europa e Usa

CAMIONSFERA

Piano di sorveglianza ministeriale per le gallerie

CAMIONSFERA

K44 podcast: come funziona l’assistenza 24h dei camion

CAMIONSFERA

Assolti due dirigenti Michelin per incidente a camionista

CAMIONSFERA

Bando per formazione autisti container

CAMIONSFERA

La Francia rifinanzia e rilancia la Torino-Lione

CAMIONSFERA

Ferrovie tedesche in contropiede sulla frana del Reno

CAMIONSFERA

Il Canale di Suez sta potenziando la sicurezza della navigazione

CAMIONSFERA

Il raddoppio della ferrovia adriatica fa solo un mezzo passo

CAMIONSFERA

Progetto di nuovo canale tra Mar Rosso e Mediterraneo
previous arrow
next arrow
Slider