Array ( [0] => 10 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Cronaca

    Federagenti, 2014 in calo per i porti italiani


    "L'anno appena concluso non è stato dei più facili, sicuramente è stato un altro anno di crisi, di grossi problemi", esordisce Michele Pappalardo, presidente della Federazione Federazione Nazionale degli Agenti Raccomandatari Marittimi e Mediatori Marittimi (Federagenti), a margine dell'incontro di fine anno organizzato a Genova da Assagenti. "Da un lato c'è stata la continua evoluzione del mondo dello shipping, dall'altro si continua ad assistere a un immobilismo pressoché totale sulle azioni che si dovrebbero intraprendere in Italia per sviluppare i nostri porti".
    Il presidente degli agenti marittimi nazionali prosegue: "Per alcuni scali, l'anno si chiude comunque in positivo, come nel caso di Genova, ma nel complesso, secondo le prime stime che stanno emergendo, registriamo una flessione sul totale delle merci movimentate. Considerando che quel dato non si muove da dieci anni, è preoccupante rilevare una simile decrescita. Dovremmo riflettere, perché ciò avviene in una fase di aumento, pur lieve, del commercio internazionale. L'Italia e impreparata a sostenere volumi di traffico che vanno nella direzione dei commerci, del gigantismo navale, delle nuove rotte e non riesce ad acquisire i nuovi mercati. Dobbiamo muoverci immediatamente".
    Pappalardo evidenzia che Italia è già in atto una sorta di selezione naturale dei porti - con solo cinque o sei scali coinvolti dalle grandi linee internazionali di traffici container - e invita a guardare anche ad altre opportunità di business: "Affermo da sempre che in Italia non si muovono solo contenitori. Tanto è vero che, quando andiamo a esaminare le merci movimentate, solo circa il 25% viaggia su container. Il resto riguarda liquidi, rinfuse, ro-ro, quindi altre categorie di mezzi di trasporto e di merci".
    Questa situazione, prosegue il presidente di Federagenti, indica che l'intero sistema non può contare solo sui container. "È anche evidente che la realtà dei porti italiani è talmente frammentata e polivalente, che sarebbe assurdo pensare che tutti gli scali debbano avere un segmento che si occupa di contenitori. Bisogna selezionare quei quattro o cinque porti che gestiscono al meglio i container, accogliendo le grandi navi e convogliando i contenitori verso l'hinterland".
    Pappalardo si sofferma anche sulla tendenza al gigantismo navale nei container e le sue conseguenze sui porti: "Per accogliere queste navi, non basta avere un fondale di 16 o 17 metri, banchine e le gru adeguate per lavorare sulle portacontainer di ultima generazione, ma bisogna anche muovere quell'enorme quantitativo di contenitori che sbarca nel porto. Stiamo rilevando che alcuni porti del Nord Europa e degli Stati Uniti stanno già cominciando a soffrire di congestione".
    Il presidente di Federagenti propone quindi una doppia classificazione dei porti: "Per i container, suggerisco di concentrasi su pochi porti che hanno fondali e strutture idonee, una vocazione a essere scali gateway, nonché una seria politica logistica di terra. Gli altri devono ritagliarsi ruoli diversi, che non mancano: innanzitutto le autostrade del mare, soprattutto in Sud Italia, per creare un ponte con l'Africa. Ritengo che lavoro da fare ce ne sia parecchio". Ma con il Piano nazionale della portualità è della logistica si arriverà davvero a un'efficace riforma portuale? "Penso che questo sia l'ultimo tram. Cerchiamo di prenderlo dunque", risponde seccamente Pappalardo.

    Nicola Capuzzo

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata

     


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

     bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee
    Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio
    Menu completo d’intralogistica per gli associati Astre
    LCT collabora con la Protezione Civile contro la Covid-19
    previous arrow
    next arrow
    Slider

     

Videocast K44

Autotrasporto

Mare

TECNICA

K44 videocast: quale sarà il motore del 2040

TECNICA

GM sviluppa un sistema elettrico completo per logistica urbana

TECNICA

Schiphol sperimenta trattore per bagagli autonomo

TECNICA

La Cina progredisce nel camion autonomo

TECNICA

Semirimorchi aerodinamici di Schmitz Cargobull
previous arrow
next arrow
Slider

LOGISTICA

Allarme per l’approvvigionamento dei pallet in legno

LOGISTICA

Supermulta da 773 milioni e denunce a quattro società per i rider

LOGISTICA

Fercam apre da remoto una filiale in Svezia

LOGISTICA

Sindacati interrompono negoziato su Ccnl Logistica e Trasporto

LOGISTICA

K44 videocast: quale sarà il motore del 2040
previous arrow
next arrow
Slider

BREXIT

La Brexit frena anche Amazon in Gran Bretagna

BREXIT

DB Schenker riprende le spedizioni per Gran Bretagna

BREXIT

DHL Express sospende alcune spedizioni verso la Gran Bretagna

BREXIT

Palletways sospende spedizioni per Gran Bretagna

BREXIT

DPD riattiva le spedizioni con la Gran Bretagna
previous arrow
next arrow
Slider

CAMIONSFERA

Altera cronotachigrafo, multa di 5500 euro

CAMIONSFERA

Denunciato camionista in Sicilia per manomissione cronotachigrafo

CAMIONSFERA

Cambio al volante di Scania dal primo maggio

CAMIONSFERA

Pontremolese in concessione per completarla

CAMIONSFERA

Arresti a Napoli contro rapinatori dell’autotrasporto

CAMIONSFERA

Guida 21 ore in un giorno e senza AdBlue, multa per autista e azienda

CAMIONSFERA

Arriva un nuovo operatore per il telepedaggio in Italia

CAMIONSFERA

Indagine per omicidio stradale sul tamponamento dell’A32

CAMIONSFERA

Autotrasporto protesta contro due autovelox sulla Fi-Pi-Li

CAMIONSFERA

Sciopero degli autisti della logistica Amazon di Padova

CAMIONSFERA

Tampone in Germania, lunghe code al Brennero

CAMIONSFERA

Il 2021 inizia in positivo per i veicoli industriali

CAMIONSFERA

Ferrovia trans-afghana tra l’Asia centrale e il Mar Arabico

CAMIONSFERA

Pagamento telematico del pedaggio in Marocco con DKV

CAMIONSFERA

Ispettorato Lavoro concede lavoro a chiamata per i camionisti
previous arrow
next arrow
Slider