Array ( [0] => 10 )

Primo piano

  • Romania vuole chiarimenti sul nuovo riposo autisti

    Romania vuole chiarimenti sul nuovo riposo autisti

    Il 20 agosto 2020 entrerà in vigore il primo Regolamento della riforma europea dell’autotrasporto e l’associazione degli autotrasportatori rumena Untrr chiede all’UE chiarimenti sul rientro degli autisti.

Podcast K44

Normativa

Commissione Europea condanna parzialmente i contributi a Tirrenia

La Commissione Europea ha concluso la complessa analisi dei contributi erogati dalla Stato dal 1998 a oggi, quindi sia prima che dopo la privatizzazione della compagnia. Il 3 marzo 2020 ha reso pubblica la sua decisione, che mostra esisti diversi riguardo ai periodi storici e alle formule di finanziamento. La Commissione doveva decidere se tutti i fondi passati dalla Stato alla compagnia sono stati conformi alle normative comunitarie sugli aiuti di Stato, rilevando che alcuni lo sono e altri no. La decisione più importante riguarda il periodo dal 2009 a oggi, posto sono analisi nel 2011 dopo alcune denunce di aiuti illegali presentate alla Commissione dopo la cessione della compagnia al Gruppo Onorato.

La valutazione approfondita relativa agli ultimi dieci anni ha portato a una decisione articolata in cinque punti. Il primo riguarda le compensazioni degli obblighi di servizio pubblico (circa 265 milioni di euro) concesse a Tirrenia per la gestione di dodici rotte marittime dal 1º gennaio 2009 al 18 luglio 2012, che per Bruxelles sono compatibili con la normativa comunitaria perché soddisfano una reale necessità di servizio pubblico e non comportano una sovra-compensazione a favore di Tirrenia. Il secondo punto riguarda le compensazioni degli obblighi di servizio pubblico (pari a circa 581 milioni di euro) concesse a Cin per il periodo dal 18 luglio 2012 al 18 luglio 2020 e la gara d'appalto per la vendita a Cin del ramo d'azienda di Tirrenia, che anch'esse non si configurano come aiuti di Stato.

Gli altri punti viceversa si configurano come illegittimi aiuti di Stato. Il primo è la proroga “illegale” di un anno, oltre il periodo di sei mesi previsto, dell'aiuto al salvataggio concesso a Tirrenia; il secondo è l'utilizzo a fini di liquidità dei fondi destinati alla ristrutturazione delle navi (perché Tirrenia non ha rimborsato tali fondi allo Stato né li ha utilizzati per il loro scopo originario); il terzo punto riguarda le esenzioni dal pagamento di alcune imposte di cui ha beneficiato Tirrenia nel contesto del processo di privatizzazione, che hanno ridotto i costi che Tirrenia avrebbe altrimenti dovuto sostenere. In questi tre casi, Lo stato deve recuperare 14 milioni di euro. La Commissione precisa però che “poiché non vi è alcuna continuità economica tra Tirrenia e il suo acquirente Cin, il recupero dell'aiuto incompatibile riguarderà soltanto Tirrenia, che si trova già in liquidazione”.

Anche per quanto riguarda i contributi pubblici a Tirrenia dal 1992 al 2008 – si tratta di 1,5 miliardi di euro per Adriatica, Caremar, Saremar, Siremar e Toremar - la decisione della Commissione Europea è articolata. Bruxelles è tornata sulla questione dopo l'annullamento da parte del Tribunale dell'Unione Europea, nel 2009, di una decisione della Commissione del 2004 che approvava l'aiuto. Il primo punto considera legittimi, in quanto aiuti esistenti, quelli concessi per la fornitura di servizi di cabotaggio marittimo e il trattamento fiscale relativo agli oli minerali utilizzati come carburanti e quelli concessi per la prestazione di servizi di trasporto marittimo internazionale.

La Commissione aggiunge però che “gli aiuti concessi ad Adriatica per l'esercizio di una rotta da e verso la Grecia nel periodo dal gennaio 1992 al luglio 1994 sono incompatibili con le norme UE in materia di aiuti di Stato in quanto, all'epoca, Adriatica aveva preso parte ad un cartello in cui venivano fissati i prezzi delle tariffe applicabili ai veicoli commerciali su tale rotta”. Quindi lo Stato italiano deve recuperare un milione di euro, anche in questo caso dalla Tirrenia in liquidazione.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 podcast: la formazione degli autisti diventa ibrida

    K44 podcast: la formazione degli autisti diventa ibrida

    Questo episodio del podcast K44 La Voce del trasporto parla di come sta cambiando la formazione erogata agli autisti per la guida economica durante l’emergenza della Covid-19. Anche in questo campo avanza la digitalizzazione.

Logistica

  • Cma Cgm vara la portacontainer a gas naturale liquefatto

    Cma Cgm vara la portacontainer a gas naturale liquefatto

    La portacontainer Jacques Saade è la prima alimentata a gas naturale liquefatto della flotta di Cma Cgm, intitolata al fondatore della compagnia. E questa non è l’unica innovazione, perché per vararla la società ha compiuto un “battesimo digitale”, con i rappresentanti del cantiere a Shanghai e i vertici di Cma …

Mare

  • Cma Cgm vara la portacontainer a gas naturale liquefatto

    Cma Cgm vara la portacontainer a gas naturale liquefatto

    La portacontainer Jacques Saade è la prima alimentata a gas naturale liquefatto della flotta di Cma Cgm, intitolata al fondatore della compagnia. E questa non è l’unica innovazione, perché per vararla la società ha compiuto un “battesimo digitale”, con i rappresentanti del cantiere a Shanghai e i vertici di Cma …