Array ( [0] => 10 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Cronaca

    Commissione Europea condanna parzialmente i contributi a Tirrenia

    La Commissione Europea ha concluso la complessa analisi dei contributi erogati dalla Stato dal 1998 a oggi, quindi sia prima che dopo la privatizzazione della compagnia. Il 3 marzo 2020 ha reso pubblica la sua decisione, che mostra esisti diversi riguardo ai periodi storici e alle formule di finanziamento. La Commissione doveva decidere se tutti i fondi passati dalla Stato alla compagnia sono stati conformi alle normative comunitarie sugli aiuti di Stato, rilevando che alcuni lo sono e altri no. La decisione più importante riguarda il periodo dal 2009 a oggi, posto sono analisi nel 2011 dopo alcune denunce di aiuti illegali presentate alla Commissione dopo la cessione della compagnia al Gruppo Onorato.

    La valutazione approfondita relativa agli ultimi dieci anni ha portato a una decisione articolata in cinque punti. Il primo riguarda le compensazioni degli obblighi di servizio pubblico (circa 265 milioni di euro) concesse a Tirrenia per la gestione di dodici rotte marittime dal 1º gennaio 2009 al 18 luglio 2012, che per Bruxelles sono compatibili con la normativa comunitaria perché soddisfano una reale necessità di servizio pubblico e non comportano una sovra-compensazione a favore di Tirrenia. Il secondo punto riguarda le compensazioni degli obblighi di servizio pubblico (pari a circa 581 milioni di euro) concesse a Cin per il periodo dal 18 luglio 2012 al 18 luglio 2020 e la gara d'appalto per la vendita a Cin del ramo d'azienda di Tirrenia, che anch'esse non si configurano come aiuti di Stato.

    Gli altri punti viceversa si configurano come illegittimi aiuti di Stato. Il primo è la proroga “illegale” di un anno, oltre il periodo di sei mesi previsto, dell'aiuto al salvataggio concesso a Tirrenia; il secondo è l'utilizzo a fini di liquidità dei fondi destinati alla ristrutturazione delle navi (perché Tirrenia non ha rimborsato tali fondi allo Stato né li ha utilizzati per il loro scopo originario); il terzo punto riguarda le esenzioni dal pagamento di alcune imposte di cui ha beneficiato Tirrenia nel contesto del processo di privatizzazione, che hanno ridotto i costi che Tirrenia avrebbe altrimenti dovuto sostenere. In questi tre casi, Lo stato deve recuperare 14 milioni di euro. La Commissione precisa però che “poiché non vi è alcuna continuità economica tra Tirrenia e il suo acquirente Cin, il recupero dell'aiuto incompatibile riguarderà soltanto Tirrenia, che si trova già in liquidazione”.

    Anche per quanto riguarda i contributi pubblici a Tirrenia dal 1992 al 2008 – si tratta di 1,5 miliardi di euro per Adriatica, Caremar, Saremar, Siremar e Toremar - la decisione della Commissione Europea è articolata. Bruxelles è tornata sulla questione dopo l'annullamento da parte del Tribunale dell'Unione Europea, nel 2009, di una decisione della Commissione del 2004 che approvava l'aiuto. Il primo punto considera legittimi, in quanto aiuti esistenti, quelli concessi per la fornitura di servizi di cabotaggio marittimo e il trattamento fiscale relativo agli oli minerali utilizzati come carburanti e quelli concessi per la prestazione di servizi di trasporto marittimo internazionale.

    La Commissione aggiunge però che “gli aiuti concessi ad Adriatica per l'esercizio di una rotta da e verso la Grecia nel periodo dal gennaio 1992 al luglio 1994 sono incompatibili con le norme UE in materia di aiuti di Stato in quanto, all'epoca, Adriatica aveva preso parte ad un cartello in cui venivano fissati i prezzi delle tariffe applicabili ai veicoli commerciali su tale rotta”. Quindi lo Stato italiano deve recuperare un milione di euro, anche in questo caso dalla Tirrenia in liquidazione.

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
    Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

      bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

     

     

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee
    Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio
    Menu completo d’intralogistica per gli associati Astre
    LCT collabora con la Protezione Civile contro la Covid-19
    previous arrow
    next arrow
    Slider

     

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 podcast: la riforma dell’autotrasporto UE inquina?

    K44 podcast: la riforma dell’autotrasporto UE inquina?

    La Commissione Europea ha diffuso uno studio che mostra come l’obbligo di rientro in sede dei camion che svolgono autotrasporto internazionale dopo otto settimane, previsto dal Primo Pacchetto Mobilità, può aumentare l’impatto ambientale del trasporto. Vero problema o manovra politica per modifiche? Ne parla Paolo Cesaro in questo podcast di …

Mare

  • I porti di Anversa e Zeebrugge uniti rincorrono Rotterdam

    I porti di Anversa e Zeebrugge uniti rincorrono Rotterdam

    I due principali porti container del Belgio, Anversa e Zeebrugge, si fondono per offrire un'unica entità al trasporto globale di container. Nel 2020 hanno movimentato 13,8 milioni di teu, più del traffico dell’intera portualità italiana e vicino a quello di Rotterdam.

TECNICA

K44 videocast: quale sarà il motore del 2040

TECNICA

GM sviluppa un sistema elettrico completo per logistica urbana

TECNICA

Schiphol sperimenta trattore per bagagli autonomo

TECNICA

La Cina progredisce nel camion autonomo

TECNICA

Semirimorchi aerodinamici di Schmitz Cargobull
previous arrow
next arrow
Slider

LOGISTICA

I Trasporti escono dal ministero dei Trasporti

LOGISTICA

Due viceministri e un sottosegretario ai Trasporti

LOGISTICA

Allarme per l’approvvigionamento dei pallet in legno

LOGISTICA

Supermulta da 773 milioni e denunce a quattro società per i rider

LOGISTICA

Fercam apre da remoto una filiale in Svezia
previous arrow
next arrow
Slider

BREXIT

La Brexit frena anche Amazon in Gran Bretagna

BREXIT

DB Schenker riprende le spedizioni per Gran Bretagna

BREXIT

DHL Express sospende alcune spedizioni verso la Gran Bretagna

BREXIT

Palletways sospende spedizioni per Gran Bretagna

BREXIT

DPD riattiva le spedizioni con la Gran Bretagna
previous arrow
next arrow
Slider

CAMIONSFERA

Altera cronotachigrafo, multa di 5500 euro

CAMIONSFERA

Denunciato camionista in Sicilia per manomissione cronotachigrafo

CAMIONSFERA

Cambio al volante di Scania dal primo maggio

CAMIONSFERA

Pontremolese in concessione per completarla

CAMIONSFERA

Arresti a Napoli contro rapinatori dell’autotrasporto

CAMIONSFERA

Guida 21 ore in un giorno e senza AdBlue, multa per autista e azienda

CAMIONSFERA

Arriva un nuovo operatore per il telepedaggio in Italia

CAMIONSFERA

Indagine per omicidio stradale sul tamponamento dell’A32

CAMIONSFERA

Autotrasporto protesta contro due autovelox sulla Fi-Pi-Li

CAMIONSFERA

Sciopero degli autisti della logistica Amazon di Padova

CAMIONSFERA

Tampone in Germania, lunghe code al Brennero

CAMIONSFERA

Il 2021 inizia in positivo per i veicoli industriali

CAMIONSFERA

Ferrovia trans-afghana tra l’Asia centrale e il Mar Arabico

CAMIONSFERA

Pagamento telematico del pedaggio in Marocco con DKV

CAMIONSFERA

Ispettorato Lavoro concede lavoro a chiamata per i camionisti
previous arrow
next arrow
Slider