Array ( [0] => 13 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Previsioni Prologis sull’immobiliare logistica dopo Covid-19

Prevedere il mondo che uscirà dalla pandemia di Covid-19 è impossibile, poiché siamo ancora in piena emergenza. Però, chi opera in settori che necessitano d’ingenti investimenti e una programmazione sul medio-lungo periodo deve comunque cercare d'intravvedere un percorso anche nella nebbia. Uno di questi settore è l’immobiliare per la logistica, che deve individuare i futuri flussi prima di realizzare nuovi impianti da vendere o affittare. Prologis si sta muovendo e ha già stilato un primo rapporto sull’impatto del coronavirus sul settore, diffuso ad aprile 2020.

Il testo ribadisce che la pandemia di Covid-19 ha pesanti ricadute sull’economia e quindi influenzerà il settore immobiliare a breve termine, anche se non si sa in quale misura. Tuttavia, prosegue il rapporto, “le tendenze strutturali indicano una certa resilienza per gli immobili logistici in questo periodo e oltre, modellando sia il panorama fondamentale che quello degli investimenti. Covid-19 è diventato per molti un catalizzatore per trovare soluzioni che potrebbero diventare permanenti, portando a una riduzione della domanda in alcuni settori immobiliari (per esempio telelavoro / ufficio, e-commerce / vendita al dettaglio)”.

Questa volatilità potrebbe favorire gli immobili per la logistica, grazie per esempio allo sviluppo del commercio elettronico e dell’Industria 4.0 ed è probabile che i mercati dei capitali reagiscano rapidamente. Però conseguenze negative sulla logistica potrebbero arrivare da un periodo prolungato di pandemia. Se la durata sarà relativamente breve, la riduzione della domanda di beni potrebbe subire un rimbalzo al termine dell'emergenza, con effetti positivi anche sulla logistica. Comunque il clienti della logistica immobiliare stanno pianificando sia per una riduzione dell’attività, sia per un successivo aumento dei rifornimenti.

Lo studio di Prologis afferma che “storicamente, questo tipo di volatilità è correlata con una domanda più forte per la logistica immobiliare”, citando i casi della Brexit e della guerra commerciale tra Usa e Cina. Finora la domanda dei beni che passano nella maggior parte delle piattaforme logistiche non è cambiata molto, anche perché consiste in prodotti che soddisfano le necessità quotidiane, di consumo o per forniture mediche.

Per quanto riguarda in specifico il mercato immobiliare, Prologis sottolinea alcuni elementi che potrebbero attenuare l’impatto negativo del coronavirus, tra cui l’aumento delle aspettative sul livello di servizio e termini di locazione più favorevoli, come contratti a lungo termine. Nella supply-chain, Prologis individua tre tendenze dopo l’emergenza: aumento dei livelli delle scorte, crescita ulteriore del commercio elettronico e diversificazione dei luoghi di produzione.

Per quanto riguarda le scorte, potrebbe invertirsi la tendenza degli ultimi decenni a tenerle al minimo, soprattutto per le produzioni a basso costo. Ma l'aumento degli imprevisti (non solo pandemie, ma anche catastrofi naturali e interruzioni del lavoro nei porti) potrebbe portare a un aumento delle scorte in magazzino proprio o di terzi. La pandemia ha aumentato l’uso del commercio elettronico, anche di beni essenziali, e questa tendenza potrebbe rimanere anche dopo.

Infine la Covid-19 ha mostrato la debolezza di avere una concentrazione della produzione in poche aree del mondo, spingendo a un avvicinamento dei siti produttivi ai punti di consumo. Questi elementi pongono la logistica in posizione migliore rispetto ad altri comparti, a condizione di anticipare la resilienza per affrontare una volatilità maggiore.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • L’autotrasporto chiede un incontro su ArcelorMittal

    L’autotrasporto chiede un incontro su ArcelorMittal

    Cinque sigle dell’autotrasporto chiedono un incontro al Governo per affrontare i problemi degli autotrasportatori dell’acciaio che lavorano con l’ArcelorMittal, soprattutto il ritardo dei pagamenti e la revisione delle condizioni contrattuali.

Logistica

  • Cresce il cluster di Covid-19 nella logistica di Bologna

    Cresce il cluster di Covid-19 nella logistica di Bologna

    Dopo i 107 casi di positività al coronavirus, i controlli dell’Ausl di Bologna hanno rivelato almeno diciotto persone positive che operano nella vicina piattaforma Tnt. I sindacati chiedono provvedimenti per fermare il contagio.

Mare

  • Sciopero del SiCobas al Conateco di Napoli

    Sciopero del SiCobas al Conateco di Napoli

    Il sindacato di base SiCobas ha bloccato per alcune ore l’accesso del terminal container del porto di Napoli Conateco nell’ambito di una vertenza contro il licenziamento di alcuni lavoratori. Ripercussioni anche nella viabilità cittadina.