Array ( [0] => 13 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Più treni e pedaggi autostradali all’Autorità portuale di Genova

Anche lunedì 6 luglio si registrano lunghe code nei tratti autostradali che fanno capo a Genova, a causa dei controlli nelle gallerie che fermano la circolazione di notte e spesso si prolungano fino alla mattina. Una situazione che sta causando forti proteste degli autotrasportatori, dei lavoratori (con una mobilitazione dei sindacati confederali) e nell'intera filiera logistica. Quest’ultima è intervenuta oggi per bocca di Federlogistica, associazione aderente a Conftrasporto, che ha presentato alcune proposte per evitare la fuga delle merci dal porto di Genova a causa proprio dell’intasamento delle strade.

Il presidente di Federlogistica, Luigi Merlo, spiega che “negli ultimi vent’anni i tre porti liguri sono cresciuti tantissimo mentre la viabilità non solo non è accresciuta, ma è peggiorata. Questo è dovuto al fatto che la gestione passata di Autostrade per l’Italia, oltre a essere stata assolutamente inadeguata dal punto di vista degli investimenti, ha scontato il prezzo di non avere alcuna percezione della propria funzione logistica per il Paese, comportandosi esclusivamente come un gabelliere”.

E proprio sui pedaggi verte la prima proposta dell’associazione, che consiste nel girare all’Autorità di Sistema Portuale i pedaggi delle autostrade genovesi, almeno fino a quando non sarà tornata la normalità. Questo introito dovrà servire per “avviare azioni immediate, con l’obiettivo di ridurre i disagi dell’autotrasporto e compensare la riduzione di tutte le tariffe portuali e ferroviarie affinché i clienti dei porti liguri non scelgano, in alterativa i nostri, gli scali stranieri. Questa misura sarebbe importante anche per ‘riparare’, pur se in minima parte, all’esclusione dei porti italiani dalle risorse previste dal Decreto Rilancio. Una ‘dimenticanza’ che aggraverà ulteriormente la situazione dello scalo di Genova”.

Il secondo punto riguarda il potenziamento del trasporto ferroviario: “Bisogna ridurre i costi per tracce e manovre ferroviarie”, precisa Merlo. Il presidente di Federlogistica chiede anche l’ampliamento dell'apertura per l’accesso noi porti, l’aumento della digitalizzazione e applicazioni per l’autotrasporto e la logistica.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Recupero formazione Cqc per assenze dovute a Covid-19

    Recupero formazione Cqc per assenze dovute a Covid-19

    Una circolare del ministero dei Trasporti chiarisce che le assenze dei partecipanti a corsi di qualificazione iniziale o periodica per la Carta di Qualificazione del Conducente dovute alla pandemia Covid-19 si possono recuperare entro sei mesi.

Logistica

  • Autotrasporto escluso dal coprifuoco nazionale del 25 ottobre

    Autotrasporto escluso dal coprifuoco nazionale del 25 ottobre

    Il Decreto del Presidente dei Consiglio emanato domenica 25 ottobre esclude le attività di trasporto e di logistica dalle nuove limitazioni, anche in ambito internazionale, imposte per contrastare la nuova ondata di Covid-19. Proseguono anche i corsi.

Mare