Array ( [0] => 13 )

Primo piano

  • Il 2019 è peggior anno del cargo aereo del decennio

    Il 2019 è peggior anno del cargo aereo del decennio

    Le rilevazioni della Iata sul trasporto aereo delle merci del 2019 mostrano che è stato il peggiore anno dal 2009, quando scoppiò la crisi macroeconomica da cui il settore è emerso lentamente. Un’eventuale ripresa quest’anno potrebbe essere ostacolata dall’epidemia di coronavirus.

Podcast K44

Normativa

Londra agevolerà il transito delle merci dopo la Brexit

Il 15 giugno 2020 proseguiranno le trattative per trovare un accordo sull’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea attraverso una teleconferenza al vertice, ossia tra il premier Boris Johnson e la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen. Il loro compito sarà sbloccare lo stallo che finora non ha portato alcun passo in avanti nei negoziati. Non si sa se verrà raggiunta un’intesa, oppure se dal primo gennaio 2021 il Regno Unito uscirà con la hard Brexit. In tutti i casi, Londra ha dichiarato che non chiederà l’estensione dell’attuale regime transitorio.

Però il Governo britannico ha annunciato che durante i primi sei mesi del 2021 le merci in ingresso nel Regno Unito subiranno controlli più leggeri di quelli che lo stesso Governo aveva anticipato lo scorso febbraio. In pratica, i controlli saranno introdotti da gennaio a luglio e sarà rinviato il pagamento delle tariffe doganali. Lo ha fatto per un atteggiamento “pragmatico e flessibile” nei confronti delle proprie imprese, che vorrebbero una proroga del regime transitorio in attesa di un accordo commerciale con l’UE. Bruxelles, invece, ha già comunicato che non intende applicare una misura reciproca, quindi avvierà controlli rigorosi sulle merci che entreranno dal Regno Unito.

Quindi, a gennaio i controlli britannici saranno focalizzati su alcune merci, come alcol, tabacco, animali vivi o certe piante e da aprile saranno estesi ai prodotti di origine animale, come carne, latte e uova. Da luglio, i controlli, le dichiarazioni e i dazi comprenderanno tutte le merci. Il Governo britannico ha annunciato le realizzazione di strutture per svolgere i controlli, compresi quelli sanitari e fitosanitari, sia nei porti, sia nell’entroterra. Queste misure sono state apprezzate dall’associazione dei trasportatori britannica Freight Transport Association.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Dimissioni dei vertici camion dell’Unrae

    Dimissioni dei vertici camion dell’Unrae

    Annunciate le dimissioni improvvide del presidente della Sezione Veicoli Industriali, Franco Fenoglio, e di quello della Sezione Rimorchi dell'associazione dei costruttori di veicoli esteri Unrae.

Logistica

  • Le proposte di Fedespedi per il Recovery Fund

    Le proposte di Fedespedi per il Recovery Fund

    L'associazione degli spedizionieri Fedespedi indica le priorità per il trasporto delle merci e la logistica da inserire nel programma di spesa che il Governo italiano dovrà presentare all'UE per ottenere le risorse del Recovery Fund. Tre temi: digitalizzazione, connettività e sostenibilità.

Mare