Array ( [0] => 24 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Da Panigaglia il Gnl per i distributori italiani


Il rigassificatore di Panigaglia (La Spezia), gestito da Snam, prima di distribuire gas naturale liquefatto alle navi inizierà a servire la rete terrestre di distributori per autotrazione e per questo sono allo studio specifici investimenti. Lo ha spiegato Carla Roncallo, presidente dell'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale (Spezia e Marina di Carrara) durante l'Italian Cruise Day di Cagliari. Rispondendo alla domanda circa i preparativi per rifornire di Gnl le navi da crociera in porto, Roncallo ha spiegato: "Per il bunkeraggio delle navi probabilmente ci vorrà ancora un po' di tempo perché gli investimenti necessari sono elevati e il mercato forse non è ancora maturo. Snam, che è l'operatore che ha in gestione l'impianto, inizialmente si concentrerà sulla distribuzione del gas naturale liquefatto via terra ai distributori che già esistono e che oggi vedono il Gnl arrivare da Marsiglia o da Barcellona".
La presidente dell'Autorità portuale spezzina ha precisato che il gestore del rigassificatore di Panigaglia, attivo già da molti anni, "in una prima fase preferisce raggiungere una certa massa critica vendendo il gas alla rete terrestre e, una volta che ci saranno i primi ritorni e il mercato navale avrà fatto assi avanti, si dedicherà al rifornimento via mare». Da non sottovalutare, ha aggiunto ancora, che «le bettoline per rifornire le navi di Gnl hanno un costo molto elevato", ma in Liguria tre operatori riuniti in una nuova società (i gruppi Autogas, Fratelli Cosulich e Novella) si sono già detti pronti per fare questo acquisto. Panigaglia, e prima ancora il rigassificatore offshore al largo di Livorno, saranno i punti di approvvigionamento da dove le bettoline caricheranno il Gnl da fornire poi alle navi. Secondo i dati di Federmetano ad oggi esistono 54 distributori di gas naturale liquefatto; di questi, 51 si trovano sulla rete stradale ordinaria mentre tre sulla rete autostradale. Per quanto riguarda invece le nuove stazioni in programma sono 35 i distributori in progetto o prossimi all'apertura.

Nicola Capuzzo

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • L’Europa riforma l’autotrasporto internazionale

    L’Europa riforma l’autotrasporto internazionale

    La sera dell’8 luglio il Parlamento Europeo ha approvato definitivamente il Primo Pacchetto Mobilità, che cambia le regole sul riposo e il distacco degli autisti, il cabotaggio stradale, il cronotachigrafo e la costituzione di società di comodo all’estero. Un passo avanti contro il dumping sociale e la concorrenza sleale nell’autotrasporto.

Logistica

Mare