Array ( [0] => 12 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Cronaca

Autotrasporto

    Settantuno indagati per il crollo del ponte Morandi

    A due anni e mezzo dal crollo del ponte Morandi, ossia il viadotto Polcevera dell’autostrada A10, la procura di Genova ha chiuso l’indagine sulle cause e sulle responsabilità. È stata un’inchiesta lunga e complessa, che ha coinvolto numerose persone e due società, Autostrade per l’Italia che gestisce l’autostrada e la sua controllata Spea, cui è affidata la manutenzione. Ricordiamo che il crollo improvviso del ponte, avvenuto il 14 agosto 2018, ha causato la morte di 43 persone che lo percorrevano e la sua ricostruzione ha imposto il trasferimento di centinaia di persone che abitavano gli edifici sottostanti al viadotto. Il 21 aprile 2021, la Guardia di Finanza ha notificato avvisi a sessantanove indagati e alle due società coinvolte.

    Dai documenti dell'indagine emergono gravissime mancanze nei controlli e nella manutenzione del ponte. I pubblici ministeri Massimo Terrile e Walter Cotugno scrivono che dall'inaugurazione del ponte, avvenuta nel 1967, non è mai stato eseguito alcun intervento di rinforzo sugli stralli della pila 9, una di quelle crollate. Ma è la manutenzione dell’intero ponte a essere sotto accusa: “Nei 36 anni e otto mesi intercorsi tra il 1982 e il crollo, gli interventi di natura strutturale eseguiti sull'intero viadotto Polcevera avevano avuto un costo complessivo di 24.578.604 euro". Ma il 98% di tale somma è stata spesa quando l’autostrada era controllata dall’ente pubblico Iri e solo il 2% da quando è passato alla gestione privata di Autostrade per l'Italia, precisano gli inquirenti. Ciò significa che “la spesa media annua del concessionario pubblico era stata di 1.338.359 euro (3665 al giorno), quella del concessionario privato di 26.149 euro (71 al giorno)".

    L’inchiesta mostra che già nel 1991 Autostrade per l’Italia sapeva che la pila 9 aveva gravi problemi, come "due trefoli lenti e due cavi scoperti su quattro". Ma dopo avere segnalato questo fatto, l’unico controllo visivo è stato svolto sulla pila 9 solamente nell’ottobre del 2015 e in modo insufficiente, per gli inquirenti, perché attuato “sui soli stralli lato mare e soltanto in orario notturno; la conseguente relazione evidenziava chiarissimi segnali d'allarme sulle condizioni degli stralli, accertando che tutti i trefoli che era stato possibile esaminare tramite i carotaggi risultavano 'scarsamente tesati' e 'si muovevano con facilità facendo leva con uno scalpello'".

    I magistrati affermano che la Spea avrebbe svolto la sorveglianza e l’ispezione in modo non conforme alle norme. Per esempio, le ispezioni visive degli stalli del ponte Morandi erano attuate dal basso con binocoli o cannocchiali invece di essere “a distanza di braccio”. Uno dei problemi è che la Spea era “inevitabilmente condizionata, nello svolgimento delle sue attività, da quel rapporto di dipendenza societaria, economica e contrattuale, tanto da attenuare e ammorbidire sistematicamente i contenuti delle proprie relazioni in modo da renderle gradite alla committente, sottovalutando la rilevanza dei difetti e delle criticità accertate".

    Le accuse per gli indagati sono, a vario titolo, attentato alla sicurezza dei trasporti, crollo colposo, omicidio colposo e omicidio stradale e rimozione dolosa di dispositivi per la sicurezza dei posti di lavoro. Dall’inchiesta principale sul Morandi ne sono nate altre per verificare i controlli e la manutenzione di altri viadotti e gallerie, dalle quali la procura ha aperto fascicoli su falsi rapporti su alcune opere, su barriere fonoassorbenti pericolose e sullo stato di alcune gallerie. In quest’ultimo caso le indagini sono state approfondite dopo il crollo della copertura della volta della galleria Berté, avvenuto il 30 dicembre 2019.

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
    Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

      bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

     

     

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

     

Videocast K44

Sponsorizzato

K44 podcast, i due nuovi volti del Mercedes Actros

TECNICA

K44 podcast, i due nuovi volti del Mercedes Actros
Iveco sospende la produzione per carenza di componenti

TECNICA

Iveco sospende la produzione per carenza di componenti
Il videocast K44 esplora il nuovo Renault Trucks T

TECNICA

Il videocast K44 esplora il nuovo Renault Trucks T
Fassi presenta la gru elettrica per camion

TECNICA

Fassi presenta la gru elettrica per camion
Il primo passo d’Iveco Group è il nuovo logo

TECNICA

Il primo passo d’Iveco Group è il nuovo logo
previous arrow
next arrow
L’idrogeno diventa realtà sui locomotori da manovra

LOGISTICA

L’idrogeno diventa realtà sui locomotori da manovra
Incendio distrugge la logistica di Sapa ad Airola

LOGISTICA

Incendio distrugge la logistica di Sapa ad Airola
Bimodale fiume-bici per le consegne a Lione

LOGISTICA

Bimodale fiume-bici per le consegne a Lione
Le cinque professioni più richieste nella logistica

LOGISTICA

Le cinque professioni più richieste nella logistica
Pronto software per verifica del Green Pass nelle aziende

LOGISTICA

Pronto software per verifica del Green Pass nelle aziende
previous arrow
next arrow
Gran Bretagna allenta i lacci del cabotaggio stradale

BREXIT

Gran Bretagna allenta i lacci del cabotaggio stradale
Italmondo crea sdoganamento in Belgio per trasporti in GB

BREXIT

Italmondo crea sdoganamento in Belgio per trasporti in GB
Peggiora la crisi logistica in Gran Bretagna

BREXIT

Peggiora la crisi logistica in Gran Bretagna
Albanesi si offrono gratis come camionisti in GB

BREXIT

Albanesi si offrono gratis come camionisti in GB
I militari guidano le autocisterne britanniche

BREXIT

I militari guidano le autocisterne britanniche
previous arrow
next arrow
Obbligo di Green Pass costerà all’autotrasporto 70 milioni

CAMIONSFERA

Obbligo di Green Pass costerà all’autotrasporto 70 milioni
Camionisti stranieri senza obbligo del Green Pass

CAMIONSFERA

Camionisti stranieri senza obbligo del Green Pass
Iveco sospende la produzione per carenza di componenti

CAMIONSFERA

Iveco sospende la produzione per carenza di componenti
La Germania sta reclutando autisti che lavorano in Italia?

CAMIONSFERA

La Germania sta reclutando autisti che lavorano in Italia?
Hupac conquista il controllo del terminal di Novara

CAMIONSFERA

Hupac conquista il controllo del terminal di Novara
Binario morto per la variante ferroviaria di Trento?

CAMIONSFERA

Binario morto per la variante ferroviaria di Trento?
Arrestato un rapinatore di camion ad Andria

CAMIONSFERA

Arrestato un rapinatore di camion ad Andria
Allarme sul Green Pass per il trasporto delle merci

CAMIONSFERA

Allarme sul Green Pass per il trasporto delle merci
Nuova ferrovia di Koper parte al rallentatore

CAMIONSFERA

Nuova ferrovia di Koper parte al rallentatore
Peggiora la crisi logistica in Gran Bretagna

CAMIONSFERA

Peggiora la crisi logistica in Gran Bretagna
Multa di 4500 euro per manomissione limitatore di velocità

CAMIONSFERA

Multa di 4500 euro per manomissione limitatore di velocità
Sequestrati 28 distributori di gasolio a Mantova

CAMIONSFERA

Sequestrati 28 distributori di gasolio a Mantova
Rinviata l’applicazione dei nuovi programmi per la Cqc

CAMIONSFERA

Rinviata l’applicazione dei nuovi programmi per la Cqc
K44 podcast, come cambierà il pedaggio europeo

CAMIONSFERA

K44 podcast, come cambierà il pedaggio europeo
Polstrada contro le frodi ai pedaggi in Friuli VG

CAMIONSFERA

Polstrada contro le frodi ai pedaggi in Friuli VG
previous arrow
next arrow