Array ( [0] => 26 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Cronaca

    Le ferrovie europee verso un unico gancio automatico

    Anche se lodevoli, le innovazioni tecniche messe a punto e sperimentate ultimamente da diverse amministrazioni ferroviarie europee, sembrano andare in ordine sparso. Occorre invece trovare una regia comune per favorire l’integrazione tra le varie esperienze e giungere a soluzioni uniche e condivise. È questo il senso del memorandum d’intesa sottoscritto nell’ambito dell’Uic, l’Unione internazionale delle ferrovie. Obiettivo: rendere le ferrovie europee sempre più competitive, ridurre i costi, aumentare la produttività e puntare sull’efficienza. Oggetto dell’accordo, l’automazione e la digitalizzazione.

    Il primo progetto al centro di quest’intesa è l’accoppiamento automatico digitale (Dac), versione evoluta e tecnologica del semplice gancio automatico, conosciuto da tempo e utilizzato in pratica solo nei treni passeggeri e in particolare negli elettrotreni. Se applicato su larga scala, il Dac può rivoluzionare il trasporto merci ferroviario europeo, cambiando drasticamente il modo di gestire tutte le operazioni di formazione dei treni con una netta riduzione dei tempi e con il valore aggiunto rappresentato dalla tecnologia digitale. Rispetto al gancio automatico classico, infatti, qui è possibile giungere e quindi gestire il database di ogni carro fino al treno completo. Non a caso l’accoppiamento automatico digitale viene visto come un tassello di un mosaico tecnologico che si completa con la prova freni digitale e la localizzazione satellitare.

    Esistono numerosi prototipi, alcuni dei quali sono stati già sperimentati dalle amministrazioni ferroviarie più avanzate in questo senso, tra cui in prima fila le tedesche DB, le svizzere SBB Cargo e le austriache OBB. Si tratta di ricondurre tutte queste esperienze sotto l’egida dell’impresa comune Shift2Rail per arrivare a definire uno standard aperto di Dac europeo. La fase successiva è rappresentata dalla migrazione dai prototipi al carro definitivo insieme alla definizione di un programma di finanziamento europeo per accelerare la transizione.

    L’Unione internazionale delle ferrovie segnala come l’Europa è ancora saldamente ancorata all’utilizzo di ganci manuali standard, anche se in realtà gli accoppiatori automatici in uso sui carri merci in altri continenti, insieme alla Russia, sono sicuramente robusti oltreché spartani, ma tutt’altro che tecnologici e adatti soprattutto ai pesanti treni minerari. L’iniziativa pionieristica nell’accoppiamento automatico digitale portata avanti dalle ferrovie tedesche, svizzere e austriache viene ora sostenuta da tutte le altre amministrazioni ferroviarie europee che si riconoscono nel Rail Freight Forward oltre a diverse associazioni di settore. L’Unione europea aveva stabilito l’anno 2030 come una prima tappa verso il riequilibrio modale tra strada e ferrovia: entro quella data il Dac dovrà essere realtà per i treni merci comunitari.

    Piermario Curti Sacchi

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
    Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

      bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

     

     

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

    Teleroute affronta il futuro con un fermo impegno sulla sicurezza
    Accordo tra Astre Italia e Keepintouch sui servizi alle flotte
    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee
    Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio
    Menu completo d’intralogistica per gli associati Astre
    LCT collabora con la Protezione Civile contro la Covid-19
    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    previous arrow
    next arrow
    Slider

     

Videocast K44

Autotrasporto

Mare

TECNICA

Alleanza tra Iveco e Plus per il camion autonomo

TECNICA

Aggancio automatico del semirimorchio di Jost

TECNICA

K44 Tecno: al volante (virtuale) del nuovo Renault Trucks T

TECNICA

Boston Dynamics presenta un robot per caricare i camion

TECNICA

K44 videocast: Bruxelles prepara l’Euro VII per il diesel
previous arrow
next arrow
Slider

LOGISTICA

Il profilo di chi cerca lavoro nella logistica

LOGISTICA

Prosegue lo sciopero SiCobas alla FedEx

LOGISTICA

Amazon avvia apprendistato per manutenzione nella logistica

LOGISTICA

Via ai cantieri per logistica Amazon di Vicenza

LOGISTICA

Ceva lancia la divisione Forpatients per la logistica sanitaria
previous arrow
next arrow
Slider

BREXIT

Camionisti esonerati dal tampone Covid tra GB e Francia

BREXIT

La Brexit svuota l’export britannico

BREXIT

Eurotunnel offre lo sdoganamento digitale

BREXIT

Nuovo quadro giuridico per eTir dal 25 maggio

BREXIT

La Brexit frena anche Amazon in Gran Bretagna
previous arrow
next arrow
Slider

CAMIONSFERA

Dimezzato il potenziamento della ferrovia di Capodistria

CAMIONSFERA

Camionisti scioperano nei Paesi Bassi per aumento salario

CAMIONSFERA

Parte il bando per la galleria del Verghereto sull’E45

CAMIONSFERA

Ancora ritardi nelle consegne di camion in Europa e Usa

CAMIONSFERA

Piano di sorveglianza ministeriale per le gallerie

CAMIONSFERA

K44 podcast: come funziona l’assistenza 24h dei camion

CAMIONSFERA

Assolti due dirigenti Michelin per incidente a camionista

CAMIONSFERA

Bando per formazione autisti container

CAMIONSFERA

La Francia rifinanzia e rilancia la Torino-Lione

CAMIONSFERA

Ferrovie tedesche in contropiede sulla frana del Reno

CAMIONSFERA

Il Canale di Suez sta potenziando la sicurezza della navigazione

CAMIONSFERA

Il raddoppio della ferrovia adriatica fa solo un mezzo passo

CAMIONSFERA

Progetto di nuovo canale tra Mar Rosso e Mediterraneo

CAMIONSFERA

Libera circolazione dei camion per tutto aprile

CAMIONSFERA

Campagna di controlli nell’autotrasporto animali a Pasqua
previous arrow
next arrow
Slider