Array ( [0] => 9 )

Primo piano

  • Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    A meno di due mesi dall’uscita ufficiale del regno Unito dall’Unione Europea e alla vigilia dei negoziati per gli accordi in diversi settori, tra cui il trasporto, Londra minaccia che di ridurre la fase transitoria di sei mesi se nelle prossime settimane non avverranno “buoni progressi”.

Podcast K44

Normativa

Waberer’s sparirà dalle strade d’Europa nel 2018


Il nuovo padrone di Waberer's International, il fondo Mid Europa Partners, dovrà cercare un nuovo nome per una delle più grandi aziende europee di autotrasporto, perché in un'intervista al giornale ungherese Világgazdaság il fondatore dell'azienda, György Wáberer, ha annunciato che nel 2018 scadranno i diritti per usare il suo nome e che non intende rinnovarli. Dopo la vendita dell'azienda al fondo d'investimenti, Wáberer ha deciso di lasciare il settore del trasporto per dedicarsi allo sviluppo immobiliare.
"Ho sviluppato la società di autotrasporto per ventidue anni, ma ora che non ho più voce nella sua direzione da un anno, ritengo importante che non abbia più collegamenti con me", ha spiegato György Wáberer al giornale, precisando che il contratto di cessione dell'azienda prevedeva un lasso di tempo, che scadrà nel 2018, per cambiare il nome alla società.
Proprio in questi giorni, il fondo Mid Europa Partners ha annunciato i dettagli per la quotazione in Borsa, con lo scopo di raccogliere le risorse necessarie per acquisire la società di autotrasporto polacca Link. Su questa operazione, Wáberer dichiara che "nei Paesi più importanti per l'autotrasporto stanno apparendo provvedimenti discriminatori per limitare le attività delle aziende dell'Est, comprese quelle ungheresi e polacche, riducendo quindi la loro capacità di produrre risultati". Quindi, precisando che è ormai fuori da ogni decisione, egli conclude che lui non compirebbe un passo di questo genere.
György Wáberer resta presidente dell'associazione degli autotrasportatori ungheresi MKFE, sostenendo che intende opporsi alle "misure protezioniste" attuate dai Paesi dell'Europa occidentale e che intende sviluppare un pacchetto di provvedimenti per compensarle: "Continuerò a fare tutto ciò che posso per rappresentare la professione e fornire risposte alle misure dei Paesi occidentali".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Camion a due piazze causa multa all’autista

    Camion a due piazze causa multa all’autista

    La Polizia Locale di Lonato, Bedizzole e Calcinato ha fermato un autoarticolato dove viaggiava anche la fidanza dell’autista. Multa e ritiro del libretto di circolazione del camion.

Logistica

  • Enel entra nella logistica partendo dai porti

    Enel entra nella logistica partendo dai porti

    Dopo l’annuncio di un nuovo piano mirato a riconvertire aree portuali e retroportuali a depositi doganali per container e merci, il Gruppo Enel ha rivelato alcuni dettagli su quali saranno in concreto le idee e le ambizioni di Enel Logistics in questa nuova area di business.

Mare