Array ( [0] => 9 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Cronaca

Autotrasporto

  • Il podcast K44 entra nella cabina del Mercedes GenH2 Truck

    Il podcast K44 entra nella cabina del Mercedes GenH2 Truck

    Mercedes-Benz ha iniziato la sperimentazione in circuito del trattore stradale elettrico a celle combustibili GenH2 Truck e a ottobre ha ricevuto l’autorizzazione alla circolazione sulle strade pubbliche tedesche. In questo episodio del podcast K44 La voce del trasporto Domenico Andreoli racconta la sua esperienza nella cabina di questo prototipo.

    Tar Lazio dichiara illegittimi costi autotrasporto


    La sentenza emessa il 21 gennaio 2017, e pubblicata il 21 febbraio, è un altro passo importante nella lunga vicenda dei costi minimi dell'autotrasporto, diventati ora costi d'esercizio, influendo anche sui ricorsi ancora aperti in diversi Tribunali italiani per ottenere il risarcimento dei costi non pagati dalla committenza. Infatti, i giudici amministrativi hanno deciso che i costi previsti dall'articolo 83 bis della Legge 112/2008 sono comunque illegittimi, anche se stabiliti dal solo ministero dei Trasporti, perché fissati con la stessa formula applicata dall'Osservatorio.
    La vicenda è iniziata con due ricorsi avviati nel 2012 (poi integrati) contro le tabelle emesse dal ministero tra il 2012 e 2014. Il primo è firmato dalla Esso Italia nei confronti della Autosped G, il secondo è stato presentato da alcune imprese committenti e associazioni di categoria contro il ministero dei Trasporti e nei confronti della Fedit e dell'Autosped G.
    In entrambi i casi, i proponenti hanno chiesto l'annullamento dei provvedimenti sui valori dei costi d'esercizio dell'autotrasporto pubblicati periodicamente da settembre 2012 (con riferimento ai trasporti di agosto) a novembre 2014 (con riferimento ai trasporti di luglio). Nel corso degli aggiornamenti del ricorso, i ricorrenti hanno motivato la loro richiesta con la sentenza della Corte di Giustizia Europea del 4 settembre 2014, che ritiene incompatibili i costi d'esercizio stabiliti dall'Osservatorio sull'autotrasporto con la normativa comunitaria sulla libera concorrenza.
    La difesa erariale ha ribattuto che nel 2012 le competenze dell'Osservatorio sono passate al ministero dei Trasporti, citando anche la sentenza della Corte Europea del 21 giungo 2016 che legittima i valori dei costi d'esercizio dell'autotrasporto presi da un organismo ministeriale, senza interventi di terzi. A questa testi, la controparte ha replicato il 5 gennaio 2017 e il Tar ha preso una decisione nell'udienza del 27 gennaio 2017, stabilendo che il ricorso è fondato e annullando quindi i citati provvedimenti del ministero dei Trasporti.
    Nella motivazione, i giudici amministrativi ricordano innanzitutto la sentenza della Corte Europea del 2014 che ha "accertato il contrasto dell'articolo 83-bis del decreto-legge n. 112 del 2008, convertito in legge n. 133 del 2008, con l'articolo 101 TFUE e la conseguente violazione del principio di concorrenza tutelato dalla disposizione comunitaria". Il testo prosegue affermando che "questo Tar, pertanto, come già avvenuto nel precedente di cui alla richiamata sentenza n. 2889 del 2015, nel prendere atto del contrasto tra norma interna e norma comunitaria, è obbligato, in virtù del principio di primazia del diritto comunitario, desumibile dal TFUE e dalla nostra Carta costituzionale (articoli 11 e 117 Costitusione), come interpretati dalla Corte costituzionale (sentenze n. 168 del 1991, n. 113 del 1985 e n. 170 del 1984), a disapplicare l'art. 83-bis del decreto-legge n. 112 del 2008, convertito in legge n. 133 del 2008, ossia proprio la norma attributiva del potere in virtù del quale sono stati adottati gli atti impugnati nel presente giudizio".
    Riguardo alla seconda sentenza della Corte Europea – quella che stabilisce la legittimità dei provvedimenti presi dopo l'abolizione dell'Osservatorio – il Tar del Lazio ritiene che essa non ha superato una delle criticità evidenziate dalla prima sentenza "ossia quella concernente la composizione e le modalità di funzionamento dell'Osservatorio: in realtà, come accaduto successivamente, il ministero ha proseguito nella determinazione mensile dei costi minimi utilizzando la medesima formula matematica già elaborata dall'Osservatorio con la delibera del 13 giugno 2012, non rinvenendo motivi per discostarsene".
    Il testo prosegue affermando che "quella delibera (del 13 giugno 2013), però, è stata anch'essa annullata dalla sentenza n. 2889 del 2015, per i motivi direttamente discendenti dalla pronuncia della Corte comunitaria, e – come correttamente evidenziato dalla ricorrente – non può di conseguenza escludersi l'effetto viziante pure sui successivi provvedimenti ministeriali di determinazione mensile (impugnati in questa sede) i quali – come detto – hanno acriticamente recepito quella delibera facendo mera applicazione della formula matematica già definita dall'Osservatorio (come riconosce la stessa difesa erariale)".
    Quindi, secondo i giudici, non conta l'abolizione dell'Osservatorio e il trasferimento delle sue competenze al ministero, che oggi redige mensilmente i valori dei costi d'esercizio, perché tale calcolo viene svolto con la stessa formula matematica usata dall'Osservatorio. Inoltre, i giudici affermano che la sentenza della Corte Europea del 21 giugno 2016 non è in contrasto con quella del 2014 perché "questa pronuncia del 2016, invero, ha riguardato la diversa fattispecie dei decreti ministeriali che, in forza della normativa transitoria di cui al comma 10 dell'art. 83-bis del decreto-legge n. 112 del 2008, convertito in legge n. 133 del 2008, dovevano essere adottati dal ministero in attesa che fossero disponibili le determinazioni dell'Osservatorio, e non può dunque essere riferita né al regime entrato in funzione con l'istituzione dell'Osservatorio né tantomeno con quello iniziatosi all'indomani della soppressione di quest'ultimo".
    La sentenza conclude che "come già statuito da questo TAR nella più volte richiamata sentenza n. 2889 del 2015, deve riaffermarsi la fondatezza della censura articolata sulla violazione del principio di concorrenza, di matrice comunitaria, avente carattere evidentemente pregiudiziale in quanto la stessa comporta l'inapplicabilità alla presente fattispecie della norma interna attributiva del potere amministrativo esercitato (ciò giustifica l'assorbimento degli altri motivi proposti), con conseguente accoglimento del gravame ed annullamento degli atti impugnati con il ricorso introduttivo e con i motivi aggiunti".

    SENTENZA TAR LAZIO 02656/2017 COSTI AUTOTRASPORTO

    SENTENZA TAR LAZIO 02655/2017 COSTI AUTOTRASPORTO

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
    Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

     


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

     bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

     

Videocast K44

Sponsorizzato

  • Cosa offre Amazon Relay ai trasportatori

    Cosa offre Amazon Relay ai trasportatori

    Amazon necessita di sempre maggiore capacità di trasporto, che viene alimentata grazie ad un programma dedicato, chiamato Amazon Relay. Ecco come funziona e come le imprese di autotrasporto vi possono aderire.
Il podcast K44 entra nella cabina del Mercedes GenH2 Truck

TECNICA

Il podcast K44 entra nella cabina del Mercedes GenH2 Truck
Ecomondo attacca la spina al camion

TECNICA

Ecomondo attacca la spina al camion
Carenza di microchip continuerà anche nel 2022

TECNICA

Carenza di microchip continuerà anche nel 2022
Germania approva test dell’Actros a idrogeno su strade pubbliche

TECNICA

Germania approva test dell’Actros a idrogeno su strade pubbliche
Arriva il nuovo Citan, che sarà anche elettrico

TECNICA

Arriva il nuovo Citan, che sarà anche elettrico
previous arrow
next arrow
Il podcast K44 entra nella cabina del Mercedes GenH2 Truck

LOGISTICA

Il podcast K44 entra nella cabina del Mercedes GenH2 Truck
Nagel-Group acquisisce la società logistica B+S Gruppe

LOGISTICA

Nagel-Group acquisisce la società logistica B+S Gruppe
BRT acquisterà 3800 furgoni elettrici entro il 2025

LOGISTICA

BRT acquisterà 3800 furgoni elettrici entro il 2025
In Usa Amazon consegna più pacchi di FedEx

LOGISTICA

In Usa Amazon consegna più pacchi di FedEx
Germania approva test dell’Actros a idrogeno su strade pubbliche

LOGISTICA

Germania approva test dell’Actros a idrogeno su strade pubbliche
previous arrow
next arrow
Gran Bretagna allenta i lacci del cabotaggio stradale

BREXIT

Gran Bretagna allenta i lacci del cabotaggio stradale
Italmondo crea sdoganamento in Belgio per trasporti in GB

BREXIT

Italmondo crea sdoganamento in Belgio per trasporti in GB
Peggiora la crisi logistica in Gran Bretagna

BREXIT

Peggiora la crisi logistica in Gran Bretagna
Albanesi si offrono gratis come camionisti in GB

BREXIT

Albanesi si offrono gratis come camionisti in GB
I militari guidano le autocisterne britanniche

BREXIT

I militari guidano le autocisterne britanniche
previous arrow
next arrow
Forti limitazioni per i treni merci tra Roma e Orte

CAMIONSFERA

Forti limitazioni per i treni merci tra Roma e Orte
Carenza di microchip continuerà anche nel 2022

CAMIONSFERA

Carenza di microchip continuerà anche nel 2022
Aumentano in Italia le offerte di lavoro per camionisti

CAMIONSFERA

Aumentano in Italia le offerte di lavoro per camionisti
Autotrasportatori portoghesi risarciti per tempi di attesa

CAMIONSFERA

Autotrasportatori portoghesi risarciti per tempi di attesa
Controlli a Pordenone, autista multato con 27mila euro

CAMIONSFERA

Controlli a Pordenone, autista multato con 27mila euro
Autotrasporto britannico contro il Governo sul cabotaggio

CAMIONSFERA

Autotrasporto britannico contro il Governo sul cabotaggio
Il traffico spinge gli investimenti sulle ferrovie moldave e ceche

CAMIONSFERA

Il traffico spinge gli investimenti sulle ferrovie moldave e ceche
Rfi scommette 23 miliardi sulla Salerno-Reggio Calabria

CAMIONSFERA

Rfi scommette 23 miliardi sulla Salerno-Reggio Calabria
Contributi per camion a rischio per carenza di componenti

CAMIONSFERA

Contributi per camion a rischio per carenza di componenti
Prima sentenza italiana sul cartello dei camion

CAMIONSFERA

Prima sentenza italiana sul cartello dei camion
Austria imporrà il Green Pass ma non a tutti i camionisti

CAMIONSFERA

Austria imporrà il Green Pass ma non a tutti i camionisti
I dipendenti della Fas commemorano Nicola D’Arcangelo

CAMIONSFERA

I dipendenti della Fas commemorano Nicola D’Arcangelo
Il camionista è tra i lavori meno pagati in Germania

CAMIONSFERA

Il camionista è tra i lavori meno pagati in Germania
Primo aumento per il contratto nazionale Trasporto, Logistica e Spedizione

CAMIONSFERA

Primo aumento per il contratto nazionale Trasporto, Logistica e Spedizione
Aggiornati i chiarimenti sul Green Pass nel trasporto

CAMIONSFERA

Aggiornati i chiarimenti sul Green Pass nel trasporto
previous arrow
next arrow