Array ( [0] => 9 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Cronaca

    Finanza scopre tre frodi gasolio in una settimana


    La caccia della Guardia di Finanza alle frodi nel carburanti non conosce tregua e solo nei primi quindici giorni di quest'anno ne sono state scoperte tre. La serie inizia il 10 gennaio a Brescia, quando gli agenti della Finanza hanno concluso l'operazione Free Fuel su un traffico di carburante "fiscalmente inquinato" che ha interessato sedici milioni di tonnellate di prodotto importato da Slovenia e Croazia: Dopo l'importazione in Italia, l'organizzazione lo trasportava con autocisterne in alcuni depositi fiscali a Roma, Genova e Vigevano (Pavia) e poi lo consegnava in breve tempo a distributori stradali.
    Nello stesso tempo, per rivendere il carburante senza versare l'accisa, la documentazione di tale prodotto compiva un viaggio più tortuoso. Quando usciva dai depositi sloveni e croati, il carburante risultava venduto a due società appositamente create in Bulgaria e Romania e poi rifatturato ad altre due società italiane, anch'esse appositamente costituite, che dichiaravano le imposte ma non le versavano allo Stato. Queste ultime società rivendevano regolarmente il carburante ai distributori, che erano convinti di acquistarlo regolarmente.
    Le due società italiane avevano sede a Napoli, in un edificio definito dalla Finanza un "bunker", perché era dotato di un ingresso blindato e telecamere di sorveglianza. Complessivamente, le società hanno generato un giro d'affari per oltre 65 milioni di euro. Al termine dell'indagine Fuel Free, la Procura di Brescia ha arrestato sette persone e ha applicato misure interdittive per altre due, disponendo anche il sequestro di beni per oltre 5,2 milioni. Secondo gli inquirenti, dietro le quinte di questa frode ci sarebbe la Camorra.
    La serie prosegue il 12 gennaio a Palermo con il sequestro di cinque distributori alla conclusione di un'indagine iniziata nel 2013 verso uno degli impianti coinvolti, che aveva il sistema di misurazione del carburante erogato manomesso, ovviamente a favore del venditore. Dai documenti allora sequestrati dai Finanziari emergeva che questa frode non era un caso singolo, ma faceva parte di un'organizzazione.
    La Finanza ha così approfondito l'inchiesta, scoprendo un'associazione delinquere che aveva intestato a prestanome una rete di distributori di carburanti che non si limitava a manomettere i misuratori, ma che produceva fatture per operazioni inesistenti e vendeva come gasolio, senza versare l'accisa, olio lubrificante importato dall'Albania o dagli impianti di rifornimento delle navi. Questa frode avrebbe evitato il versamento di sette milioni per l'Iva e di due milioni e mezzo per le accise.
    Al termine dell'indagine, la Procura ha disposto l'arresto di nove persone e posto sotto indagine complessivamente 42 persone, sequestrando cinque distributori a Palermo. Gli inquirenti ritengono che in questa frode ci sia l'interesse di Cosa Nostra, anche se non sono stati contestati agli indagati reati connessi alla criminalità organizzata. Però, la Finanza ha trovato un anello di congiunzione tra l'organizzazione e Cosa Nostra tramite un esponente considerato vicino alla mafia.
    La terza operazione si è conclusa il 16 gennaio a Crotone, dove la Finanza ha scoperto un contrabbando di prodotti petroliferi con un mancato versamento all'Erario di circa un milione di euro. In questo caso, la banda ha venduto come gasolio dell'olio lubrificante, che non è soggetto ad accisa. L'indagine è iniziata nel 2016 dopo il sequestro a Cutro di un'autocisterna polacca carica di gasolio, che ha portato a una fabbrica in Polonia che produceva una miscela assimilabile all'olio lubrificante, che era venduta a società della Repubblica Ceca e poi portata in Italia, sempre come olio, per essere venduta al dettaglio come gasolio. Al termine dell'indagine, la Finanza ha denunciato ventuno persone, arrestandone sei.

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
    Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

     


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

     bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee
    Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio
    Menu completo d’intralogistica per gli associati Astre
    LCT collabora con la Protezione Civile contro la Covid-19
    previous arrow
    next arrow
    Slider

     

Videocast K44

Autotrasporto

  • Unatras vuole incontrare il ministro dei Trasporti

    Unatras vuole incontrare il ministro dei Trasporti

    L’unione dell’autotrasporto Unatras chiede al ministro dei Trasporti, Enrico Giovannini, di aprire un Tavolo di confronto per individuare le questioni più urgenti su cui intervenire, tra cui i recenti ostacoli apparsi in Germania e Austria.

Mare

  • I porti di Anversa e Zeebrugge uniti rincorrono Rotterdam

    I porti di Anversa e Zeebrugge uniti rincorrono Rotterdam

    I due principali porti container del Belgio, Anversa e Zeebrugge, si fondono per offrire un'unica entità al trasporto globale di container. Nel 2020 hanno movimentato 13,8 milioni di teu, più del traffico dell’intera portualità italiana e vicino a quello di Rotterdam.

TECNICA

K44 videocast: quale sarà il motore del 2040

TECNICA

GM sviluppa un sistema elettrico completo per logistica urbana

TECNICA

Schiphol sperimenta trattore per bagagli autonomo

TECNICA

La Cina progredisce nel camion autonomo

TECNICA

Semirimorchi aerodinamici di Schmitz Cargobull
previous arrow
next arrow
Slider

LOGISTICA

Due viceministri e un sottosegretario ai Trasporti

LOGISTICA

Allarme per l’approvvigionamento dei pallet in legno

LOGISTICA

Supermulta da 773 milioni e denunce a quattro società per i rider

LOGISTICA

Fercam apre da remoto una filiale in Svezia

LOGISTICA

Sindacati interrompono negoziato su Ccnl Logistica e Trasporto
previous arrow
next arrow
Slider

BREXIT

La Brexit frena anche Amazon in Gran Bretagna

BREXIT

DB Schenker riprende le spedizioni per Gran Bretagna

BREXIT

DHL Express sospende alcune spedizioni verso la Gran Bretagna

BREXIT

Palletways sospende spedizioni per Gran Bretagna

BREXIT

DPD riattiva le spedizioni con la Gran Bretagna
previous arrow
next arrow
Slider

CAMIONSFERA

Altera cronotachigrafo, multa di 5500 euro

CAMIONSFERA

Denunciato camionista in Sicilia per manomissione cronotachigrafo

CAMIONSFERA

Cambio al volante di Scania dal primo maggio

CAMIONSFERA

Pontremolese in concessione per completarla

CAMIONSFERA

Arresti a Napoli contro rapinatori dell’autotrasporto

CAMIONSFERA

Guida 21 ore in un giorno e senza AdBlue, multa per autista e azienda

CAMIONSFERA

Arriva un nuovo operatore per il telepedaggio in Italia

CAMIONSFERA

Indagine per omicidio stradale sul tamponamento dell’A32

CAMIONSFERA

Autotrasporto protesta contro due autovelox sulla Fi-Pi-Li

CAMIONSFERA

Sciopero degli autisti della logistica Amazon di Padova

CAMIONSFERA

Tampone in Germania, lunghe code al Brennero

CAMIONSFERA

Il 2021 inizia in positivo per i veicoli industriali

CAMIONSFERA

Ferrovia trans-afghana tra l’Asia centrale e il Mar Arabico

CAMIONSFERA

Pagamento telematico del pedaggio in Marocco con DKV

CAMIONSFERA

Ispettorato Lavoro concede lavoro a chiamata per i camionisti
previous arrow
next arrow
Slider