Array ( [0] => 9 )

Primo piano

  • Come chiedere gli incentivi per acquisto camion nel 2020 e 2021

    Come chiedere gli incentivi per acquisto camion nel 2020 e 2021

    La Gazzetta Ufficiale numero 206 del 19 agosto 2020 ha pubblicato il Decreto del ministero dei Trasporti del 7 agosto 2020 che stabilisce tempi e modi per ottenere i contributi per l’acquisito di veicoli industriali a basso impatto ambientale e gli equipaggiamenti per il trasporto intermodale nel biennio 2020-2021.

Podcast K44

Normativa

14 arresti per una frode nelle accise del gasolio

Questa volta l'ennesima inchiesta sulle frodi fiscali legate al commercio di carburante ha avuto come centro Taranto, dove il 15 giugno la Guardia di Finanza ha annunciato la conclusione dell’operazione Gipsy Fuel. I Finanzieri hanno eseguito ordinanze di custodia cautelare nei confronti di quattordici indagati e un sequestro preventivo per sei milioni e 700mila euro.

L’organizzazione è accusata di avere venduto gasolio agricolo agevolato per uso in autotrazione. Il gasolio agricolo era acquistato da sei depositi compiacenti, che facevano figurare che la vendita era stata compiuta verso soggetti autorizzati usando autorizzazioni Uma false, intestate a posizioni cessate oppure ad aziende agricole ignare della fornitura.

Dopo il prelievo, il gasolio era venduto per l’autotrazione attraverso distributori abusivi situati nelle campagne di Laterza. Erano impianti artigianali che non seguivano alcuna norma di sicurezza, costruiti usando motori di vecchie lavatrici collegati a pistole erogatrici. Molti di tali impianti erano posti vicino a casolari abitati, con rischio per la salute dei residenti. Durante le indagini, i Finanzieri hanno sequestrato cinque di tali impianti, ma ciò non ha fermato la banda, che ha ne ha realizzati altri in posti diversi. Non solo: in una caso la banda aveva simulato il furto di gasolio già sequestrato per rivenderlo.

Gli inquirenti ritengono che la frode abbia riguardato 3,9 milioni di litri di carburante, causando un’evasione di accisa di 1,9 milioni di euro e dell’Iva di 725mila euro. Oltre a non pagare le imposte, la banda lucrava sulla differenza tra il prezzo di acquisto e quello di vendita, guadagnando così almeno 6,7 milioni di euro. Al termine dell’indagine, la Finanza ha sequestrato beni per 6,7 milioni, più dodici autocisterne usate per il trasporto del gasolio. Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata al falso, alla sottrazione di imposta e all’emissione di fatture per operazioni inesistenti.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 podcast: quando il camion frena da solo

    K44 podcast: quando il camion frena da solo

    Questo episodio del podcast K44 La voce del trasporto parla dell'ultima generazione dei sistemi di rallentamento e franta automatica dei veicoli industriali, che sono uno dei principali sistemi di sicurezza sulla strada.

Logistica

  • Arrestato “emiro vesuviano” per frode fiscale sui carburanti

    Arrestato “emiro vesuviano” per frode fiscale sui carburanti

    La Guardia di Finanza di Napoli ha chiuso l’inchiesta soprannominata Emiro Vesuviano con gli arresti domiciliari di un imprenditore di San Giorgio a Cremano operante nel commercio di carburanti, che avrebbe attuato una frode fiscale da dieci milioni di euro.

Mare

  • DB Schenker scende dalle portacontainer di Maersk

    DB Schenker scende dalle portacontainer di Maersk

    Lo spedizioniere tedesco DB Schenker starebbe lasciando le portacontainer di Maersk perché considera la compagnia marittima danese più un concorrente che un fornitore di servizi, dopo che ha integrato Damco nella sua struttura. Potrebbe essere l'inizio di una tendenza.