Array ( [0] => 11 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Prima licenza per droni cargo in Cina

L'Autorità aeronautica cinese Caac ha rilasciato a Jiangxi Fengyu Shuntu – società controllata da SF Express - la prima autorizzazione per usare velivoli a guida autonoma per consegnare pacchi. L'autorizzazione consente di svolgere le consegne per ora in alcune aree pilota ed è considerata dal corriere cinese "una pietra miliare". SF Express non è l'unico operatore cinese che intende usare i droni: anche il colosso del commercio elettronico Alibaba e il concorrente JD.Com stanno valutando questa possibilità, ma SF Express è la prima ad avere completato l'iter previsto dalla Caac.
La sperimentazione del corriere avverrà sia su droni per lunghe distanze, sia su quelli per le consegne nell'ultimo miglio. Per attuarla, la società cinese sta collaborando con la keniota Astral, anche perché l'Africa può essere una delle regioni più interessate all'uso dei droni per la consegna delle merci. Astral produce sia i droni, sia sistemi di gestione del traffico di aerei a guida autonoma.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Dimissioni dei vertici camion dell’Unrae

    Dimissioni dei vertici camion dell’Unrae

    Annunciate le dimissioni improvvide del presidente della Sezione Veicoli Industriali, Franco Fenoglio, e di quello della Sezione Rimorchi dell'associazione dei costruttori di veicoli esteri Unrae.

Logistica

  • Le proposte di Fedespedi per il Recovery Fund

    Le proposte di Fedespedi per il Recovery Fund

    L'associazione degli spedizionieri Fedespedi indica le priorità per il trasporto delle merci e la logistica da inserire nel programma di spesa che il Governo italiano dovrà presentare all'UE per ottenere le risorse del Recovery Fund. Tre temi: digitalizzazione, connettività e sostenibilità.

Mare