Array ( [0] => 21 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Entra in vigore l’omicidio stradale


Dal 25 marzo 2016 sono in vigore i reati di omicidio stradale e di lesioni personali gravi, che prevedono pene fino a quindici anni di carcere e l'impossibilità di conseguire una nuova patente di guida per trent'anni dopo la revoca. È un provvedimento che modifica non solo il Codice della Strada, ma anche il Codice Penale e il Codice di Procedura Penale. L'approvazione tramite fiducia è giunta dopo un tormentato iter parlamentare e il testo ha subito diverse critiche, anche da parte delle associazioni degli avvocati, che lo ritengono inutile e demagogico. Contemporaneamente alla pubblicazione della Legge, il ministero dell'Interno ha diffuso la prima circolare sull'omicidio stradale che riassume i provvedimenti e fornisce le prime indicazioni operative. È quindi uno strumento utile per conoscere tutti gli aspetti della nuova Legge.
CIRCOLARE MINISTERO INTERNI OMICIDIO STRADALE 25 MARZO 2016

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Trasportounito mobilita l’autotrasporto ligure

    Trasportounito mobilita l’autotrasporto ligure

    L’associazione degli autotrasportatori Trasportounito pone un ultimatum di 48 ore per risolvere l’emergenza viabilistica in Liguria, poi avvierà manifestazioni fino al fermo dei servizi. Il porto programma ingressi dei camion a fasce orarie.

Logistica

Mare

  • Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Alla Camera è in corso la discussione su un emendamento al Decreto Rilancio che stabilisce con chiarezza l’impossibilità dell'autoproduzione nelle operazioni di rizzaggio e derizzaggio dei traghetti. E si scalda lo scontro tra armatori e sindacati.