TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Processo per truffa nell’autotrasporto

E-mail Stampa PDF

Il Gup di Nocera Inferiore ha rinviato a giudizio sei persone accusati di avere partecipato a una frode attuata usando una falsa impresa di autotrasporto, con cui l'organizzazione ha rubato merce a diverse imprese committenti per almeno dieci milioni di euro.


Giudice Martelletto Fotolia 71240213 XSAlla fine di aprile 2016, la Procura di Nocera Inferiore annunciò la chiusura dell'indagine soprannominata Big Boat con quattro arresti in carcere, ventitré domiciliari, nove obblighi di dimora e tre di presentazione. Gli indagati erano accusati di avere organizzato diverse truffe usando un'azienda di autotrasporto con sede a Milano che trovava carichi, portava gli autocarri alla ribalta dei clienti per far poi sparire la merce in una rete logistica clandestina che la rivendeva. In alcuni casi, la banda si presentava ai committenti con l'identità rubata di un'altra impresa di autotrasporto, ovviamente ignara, e sempre aveva falsi documenti che ne provavano la regolare iscrizione alla Camera di Commercio e all'Albo degli Autotrasportatori. Durante l'indagine, i Carabinieri hanno intercettato una telefonata dove uno dei truffatori affermava che "la nostra è una grande barca, impossibile affondarla", da cui è sorto il nome dell'indagine. Al termine dell'inchiesta, i Carabinieri avevano sequestrato diciassette carichi di merce rubata e due depositi a Sarno dove erano stoccate merci per un valore di circa due milioni di euro, ma secondo gli inquirenti il valore totale della truffa ha toccato i dieci milioni di euro.
Nei due anni successivi è proseguito l'iter giudiziario per i reati di associazione per delinquere dedita alla commissione di truffe, falsi, ricettazione ed appropriazione indebita. Nell'aprile del 2017 sono state emesse le prime quattro sentenze per altrettanti imputati che avevano scelto il rito abbreviato, con condanne che variano da quattro anni e quattro mesi a due anni e due mesi. A febbraio 2019, si è aperto un nuovo filone, con il rinvio a giudizio per altre sei persone e in questo caso il processo si svolgerà con rito ordinario.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1811

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed