TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Prosegue calo dell’autotrasporto italiano in UE

E-mail Stampa PDF

Autostrada A1 Sasso Marconi Barberino altoUna ricerca di Automotive Aftermarket Intelligence evidenzia le debolezze del sistema italiano del trasporto merci e della logistica nel contesto europeo.

Nell'Unione Europea, l'autotrasporto impiega tre milioni di persone e 6,6 milioni di veicoli industriali pesanti. Automotive Aftermarket Intelligence ha voluto analizzare questo settore, partendo dalla considerazione che strada e mare sono le principali modalità con cui si trasportano le merci (in Italia, con quote, rispettivamente, del 62% e 31%, mentre su rotaia viaggia il 6% e in aereo l'1%). Il peso dell'autotrasporto varia nei diversi Paesi europei, pur rimanendo sempre maggioritario: sale all'81% in Polonia e scende al 63% in Romania, si attesta al 79% in Francia, al 73% in Spagna, all'80% in Germania, al 72% in Gran Bretagna e al 74% in Slovacchia.
Per quanto riguarda la ripartizione dell'autotrasporto, mediamente nell'Unione Europea il 65% avviene all'interno dei confini nazionali, il 9% è cross-trade (estero su estero), il 24% è internazionale bilaterale e il 2% è in cabotaggio. Mentre gli autotrasportatori di Gran Bretagna e Francia lavorano in prevalenza all'interno dei propri confini, più ci si sposta verso Est, maggiore è la percentuale di trasporti effettuata all'estero. Anche in Italia gli autotrasportatori operano in prevalenza a livello nazionale: l'86% dei camion lavora entro i confini.
La ricerca sottolinea che il venti percento dei viaggi dei veicoli industriali avviene a vuoto. Riducendo questa percentuale – che secondo la ricerca può avvenire tramite lo sviluppo del cross-trade e del cabotaggio stradale - aumenterebbe la produttività dell'autotrasporto e si ridurrebbero le emissioni di CO2, ma bisogna sciogliere il nodo della forte differenza nelle condizioni socio-economiche in ambito UE, che favoriscono le imprese orientali a scapito di quelle occidentali.
Tornando in Italia, siamo l'unico Paese europeo che mostra valori negativi sulla variazione cumulata del Pil (-4%), sulla variazione della produzione industriale (-19%) e sulla variazione delle merci trasportate su veicoli nazionali (-33%), mentre la Germania ha le migliori prestazioni nell'ambito G5 con, rispettivamente +16%, +6% e +9%. In termini di crescita percentuale, le migliori prestazioni si rilevano in Polonia (+40%, +46% e +122%) e in Slovacchia (+36%, +47% e +30%).

Massimiliano Barberis

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1859

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed