TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Europarlamento vota salario minimo, ma senza autotrasporto

E-mail Stampa PDF

Il 29 maggio, la maggioranza degli europarlamentari ha approvato la nuova Direttiva che regola il distacco dei lavoratori, imponendo il salario minimo del Paese ospitante, ma escludendo per ora il comparto del trasporto stradale delle merci.


Autista guida occhiali soleCon 456 voti favorevoli, 147 contrari e 49 astenuti, il Parlamento Europeo ha approvato la Direttiva che riforma le norme sui lavoratori distaccati, che dovrebbero assicurare maggiori tutele ai lavoratori di un Paese che operano temporaneamente in un altro Paese membro dell'Unione. Però, le nuove norme non riguardano l'autotrasporto internazionale delle merci, perché l'Europarlamento ha deciso che gli autisti saranno soggetti a regole specifiche che rientrano nel Pacchetto Mobilità (che proprio in questi giorni si discute in Commissione Trasporti e che lo voterà in prima lettura il 4 giugno). Fino all'entrata in vigore del Pacchetto Mobilità, per l'autotrasporto resteranno in vigore le norme dell'attuale Direttiva del 1996.
Per gli altri lavoratori, le nuove regole sul distacco transnazionale stabiliscono che per i lavoratori distaccati si applicheranno le norme del Paese ospitante in materia di retribuzione. Gli Stati membri dovranno, inoltre, applicare anche i contratti collettivi regionali o settoriali, se di ampia portata e rappresentativi, finora applicati solo nel settore delle costruzioni. La durata del distacco è stata fissata a dodici mesi, con una possibile proroga di sei mesi. Trascorso tale termine, il lavoratore può restare o lavorare nel Paese ospitante, ma dovrà a quel punto essere soggetto all'intera normativa sul lavoro vigente in quello Stato. In caso di distacco fraudolento, ad esempio operato da una società di comodo, gli Stati membri dovrebbero cooperare per garantire che i lavoratori distaccati siano protetti perlomeno dalle tutele contenute nella direttiva. Gli Stati membri avranno due anni di tempo per recepire le norme nei propri ordinamenti nazionali.
Ricordiamo che un lavoratore distaccato è un dipendente che viene inviato dal suo datore di lavoro a prestare temporaneamente servizio in un altro Stato membro dell'UE. Nel 2016 i lavoratori distaccati nell'UE erano 2,3 milioni. Il fenomeno distacco è aumentato del 69% tra il 2010 e il 2016. In Italia sono 114.515 i lavoratori distaccati inviati, di cui il 18,7% in Francia, il 10,2% in Germania e il 36,6% al di fuori dell'UE, in Svizzera. Sono invece 61.321 i lavoratori distaccati ricevuti, più della metà provenienti da Germania (18,8%), Francia (18,3%) e Spagna (14%).

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 1863

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed