TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

In Germania sentenza contro salario minimo autisti stranieri

E-mail Stampa PDF

Il Tribunale civile di Ansbach ha accolto il ricorso di un'azienda di autotrasporto polacca contro la sospensione del pagamento da parte di un committente tedesco perché non aveva applicato il salario minimo ai suoi autisti.


Giudice Martelletto Fotolia 71240213 XSSi aprono le prime crepe nella norma tedesca che impone il pagamento del salario minimo anche agli autisti stranieri che svolgono autotrasporti internazionali che hanno come partenza o destinazione la Germania o che avvengono in regime di cabotaggio. La crepa è apparsa nella decisione dei giudici di Ansbach, annunciata il 14 marzo 2018 nell'ambito di una causa tra un'azienda di autotrasporto polacca e il suo committente tedesco. Quest'ultimo aveva sospeso il pagamento dei trasporti nell'ambito di attività regolari di cabotaggio stradale svolte dall'impresa polacca perché quest'ultima non aveva presentato una documentazione per attestare il salario minimo tedesco ai suoi autisti, come impone una recente norma anti-dumping. Quindi, il trasportatore polacco è ricorso in Tribunale per ottenere quanto dovuto, affermano che la norma tedesca infrange quella comunitaria.
Come spiega lo studio legale Balduin & Pfnür (che rappresentava l'azienda polacca), già in primo grado un Tribunale di Berlino aveva accolto il 7 febbraio scorso il ricorso dell'azienda polacca, precisando che per le attività stradali di cabotaggio l'obbligo del salario minimo tedesco contrasta le regole comunitarie sulla libera circolazione dei servizi. Durante l'appello presso il Tribunale di Ansbach, il giudice ha chiaramente eespresso che avrebbe confermato la decisione del collega berlinese, quindi i legali dell'azienda tedesca hanno deciso di rinunciare alla causa, che è stat così vinta dai polacchi in maniera definitiva. In realtà, dubbi sull'applicazione del salario minimo al cabotaggio erano già emersi in ambito comunitario, ma questo caso crea un concreto precedente che potrà aprire nuovi ricorsi in Germania, arrivando magari fino alla Corte di Giustizia Europea.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 3321

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed