TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Le grandi portcontainer favoriscono i porti italiani

E-mail Stampa PDF

Il gigantismo delle portacontainer e l'eccesso di capacità rallentano la velocità media dei servizi e allungano le soste in banchina. Secondo un'analisi di Cosco Italia sarebbero avvantaggiati gli scali italiani rispetto a quelli del Nord Europa.


Maersk Emma ponte navigazioneLa crescita dimensionale della navi portacontainer, fenomeno noto sotto il nome di gigantismo navale e sviluppatosi per sfruttare al massimo le economie di scala del trasporto marittimo sulle grandi rotte intercontinentali, sta favorendo i porti italiani quanto meno lungo le direttrici che mettono in collegamento Asia ed Europa. Il motivo lo spiega Marco Donati, vertice della società Cosco Shipping Lines Italy che è agente in Italia del gruppo armatoriale cinese Cosco, affermando che fino a qualche anno fa i porti nel Mediterraneo e in Nord Europa (con servizi diretti) venivano serviti più o meno con gli stessi tempi dall'Asia mentre ora la situazione è cambiata.
"Le moderne portacontainer da oltre 12mila teu possono entrare in pochi porti anche in Italia, hanno bisogno di almeno due giorni di tempo per svolgere mediamente tremila operazioni di imbarco e sbarco (prima bastava un giorno) e questo, pur considerando i miglioramento operativi nelle prestazioni delle gru, allunga la rotazione dei servizi di linea", spiega Donati. L'allungamento dei transit time è tale per cui la merce per partire da uno stabilimento produttivo in Asia e giungere all'utilizzatore finale in Europa (o viceversa) impiega fino a sessanta giorni passando dai porti del nord e questo chiaramente sta cambiando certi ragionamenti fra i produttori.
"I porti italiani oggi consentono di risparmiare da sette a dieci giorni sui transit time rispetto agli scali del Nord Europa e questo vantaggio competitivo non dev'essere vanificato con inefficienze di vario genere nel ciclo d'importazione delle merci", aggiunge Donati, sottolineando che un time to market di dieci giorni inferiore ha un valore commerciale e finanziario importante per le imprese. C'è poi un'altra conseguenza imposta dalla crescita dimensionale media delle navi portacontainer ed è quella di aver ridotto le alternative possibili di scalo in determinate regioni di mercato.
Nel Nord Tirreno, ad esempio, i servizi operati con le maxi-navi devono necessariamente scalare La Spezia o il Vte di Genova Prà. "Non esiste più concorrenza fra porti e si assiste a uno strapotere di alcuni terminal nei confronti delle compagnie di navigazione", lamenta Donati. "Non a caso società come Vte e Lsct da anni chiudono bilanci con oltre 30 milioni di euro di utile netto ma questo, ripeto, è una delle conseguenze del gigantismo navale. Cosco ha voluto investire in un terminal portuale a Vado Ligure per garantire un accosto alle proprie navi e per offrire ai caricatori una via d'accesso alternativa verso il Nord Italia e il Centro Europa da servire via treno". I cinesi sono entrati in società (al 49,9%) con Apm Terminals e si sono posti l'obiettivo di "aggredire aree di mercato verso la Svizzera e la Germania".

Nicola Capuzzo

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 2020

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed