Primo piano

Podcast K44

Normativa

Morto Franco Fassi, pioniere del sollevamento

Franco Fassi aveva compiuto 89 anni nel febbraio 2019 ed è morto la mattina del 20 agosto a Pinzolo, in provincia di Trento, dove stava trascorrendo le vacanze. Iniziò l'attività lavorativa nell'azienda di famiglia costituita nel 1946 da Giacomo Fassi per la vendita e il trasporto di legname, ma nel 1955 avviò una propria attività di allestitore di veicoli industriali che lo portò nel comparto delle gru retrocabina, in forte crescita a causa della ricostruzione e del boom economico. Prima lo fece come importatore e poi, dal 1965, come costruttore nello stabilimento di Albino, che oggi è il quartier generale di un'azienda che ha assunto dimensioni multinazionali.
La via per l'estero Franco Fassi l'aprì subito, nel 1968, con la prima concessionaria in Francia e negli anni Settanta crebbe l'attività in Europa. Da allora l'azienda fondata da Franco Fassi si è affermata tra le principali imprese del settore nel mondo, crescendo anche tramite acquisizioni in Francia e Scandinavia. In questo comparto, Fassi è sempre stato un innovatore, caratteristica ereditata dal figlio Giovanni, che oggi guida l'azienda. Franco Fassi lascia la moglie Angela e i figli Giovanni, Anna Maria e Raffaella.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Autotrasporto

Logistica

Mare

  • Sequestro conti correnti di Cin, Tirrenia ferma i traghetti

    Sequestro conti correnti di Cin, Tirrenia ferma i traghetti

    I commissari della “vecchia” Tirrenia hanno hanno eseguito il 30 marzo il sequestro conservativo dei conti correnti di Compagnia Italiana di Navigazione, che ha quindi deciso di sospendere le corse della giornata verso Sardegna, Sicilia e Tremiti.