Array ( [0] => 10 )

Primo piano

  • Francia investirà tre miliardi nelle idrovie

    Francia investirà tre miliardi nelle idrovie

    Voies Navigables de France ha stabilito il piano d’investimenti fino al 2030, che prevede uno stanziamento fino a tre miliardi di euro per potenziare il trasporto fluviale delle merci. Trecento milioni saranno spesi quest’anno.

Podcast K44

Normativa

Cronaca

    24mila teu sarà nuovo limite delle portacontainer?


    La corsa alle dimensioni delle portacontainer per ridurre i costi unitari di trasporto marittimo incontrerà un limite tecnico od operativo? DNV GL ha cerato di rispondere a questa domanda in un Forum organizzato nei giorni scorsi ad Amburgo. Il direttore della società, Jost Bergmann, ha risposto che dal punto di vista tecnico si possono costruire scafi fino a 24mila teu, basandosi sugli attuali progetti di quelli da 19mila teu. Basterebbe allungarli di una fila di container, allargarli di due e aggiungerne una in altezza. Nella progettazione, però, potrebbe emergere qualche nodo da affrontare, perché l'allungamento riduce la stabilità e ci vorrebbero lastre d'acciaio più spesse.
    Ma il vero problema, prosegue il dirigente, riguarda l'operatività delle portacontainer da 24mila teu nei porti, perché richiedono fondali più profondi e gru ship-to-shore con bracci più lunghi. Quindi altri investimenti, che si aggiungerebbero a quelli appena attuati da molti scali per adeguarsi alle 18mila teu. Inoltre, alcuni porti – come Hong Kong, Amburgo e Osaka - hanno ponti che limitano l'altezza delle navi in transito. Anche i canali sarebbero sottodimensionati. Bergmann ha portato l'esempio di Suez, la sua sezione consente il passaggio di navi con pescaggio fino a 15 metri e larghezza fino a 65 metri. "Insomma, ci stiamo lentamente avvicinando al limite della dimensione delle navi portacontainer", conclude.
    L'alternativa, ha spiegato Marcus Ihms (esperto di DNV GL), è il Route Specific Container Stowage, un nuovo approccio che migliora lo stivaggio dei contenitori sulla base delle specifiche rotte che devono affrontare, considerando diversi fattori, tra cui le condizioni meteorologiche. Finora, le modalità di fissaggio dei container sulle navi è progettata per le rotte dell'Atlantico settentrionale, caratterizzate da numerose tempeste, ma tali condizioni non si hanno in altre regioni. In pratica, nelle rotte più "calme" si potrebbero caricare più container, fino al 18%, pur mantenendo gli stessi livelli di sicurezza.
    "Il Route Specific Container Stowage non è solo un trend, ma è diventato uno standard industriale", afferma Ihms. "La relativa documentazione è disponibile da maggio 2013 e abbiamo già approvato piani di stivaggio per 411 navi". DNV GL prevede che questo numero potrebbe raddoppiare entro la fine del 2015. Ihms ha anche spiegato i vantaggi dello StowLash, uno strumento informatico che verifica la sicurezza dei container caricati sulla nave.

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata

     


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

     bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

    Teleroute affronta il futuro con un fermo impegno sulla sicurezza
    Accordo tra Astre Italia e Keepintouch sui servizi alle flotte
    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee
    Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio
    Menu completo d’intralogistica per gli associati Astre
    LCT collabora con la Protezione Civile contro la Covid-19
    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    previous arrow
    next arrow
    Slider

     

Videocast K44

Autotrasporto

Mare

  • Grimaldi acquista traghetti e terminal in Spagna

    Grimaldi acquista traghetti e terminal in Spagna

    Il gruppo armatoriale napoletano Grimaldi potenzia la sua presenza in Spagna tramite l’acquisto dalla Naviera Armas Trasmediterránea di cinque traghetti e due terminal portuali a Barcellona e Valencia.

TECNICA

Bruxelles studia la cybersicurezza nei veicoli autonomi

TECNICA

Alleanza tra Iveco e Plus per il camion autonomo

TECNICA

Aggancio automatico del semirimorchio di Jost

TECNICA

K44 Tecno: al volante (virtuale) del nuovo Renault Trucks T

TECNICA

Boston Dynamics presenta un robot per caricare i camion
previous arrow
next arrow
Slider

LOGISTICA

K44 podcast: come cambia l’offerta di lavoro nella logistica

LOGISTICA

Venezia vuole produrre idrogeno verde per il trasporto

LOGISTICA

Alibaba.com con Nola Business Park nel commercio elettronico

LOGISTICA

Allarme anche per la carenza di materie plastiche

LOGISTICA

Amazon aprirà tre logistiche in Veneto
previous arrow
next arrow
Slider

BREXIT

Camionisti esonerati dal tampone Covid tra GB e Francia

BREXIT

La Brexit svuota l’export britannico

BREXIT

Eurotunnel offre lo sdoganamento digitale

BREXIT

Nuovo quadro giuridico per eTir dal 25 maggio

BREXIT

La Brexit frena anche Amazon in Gran Bretagna
previous arrow
next arrow
Slider

CAMIONSFERA

Bosch produrrà microprocessori per veicoli in Germania

CAMIONSFERA

Dimezzato il potenziamento della ferrovia di Capodistria

CAMIONSFERA

Camionisti scioperano nei Paesi Bassi per aumento salario

CAMIONSFERA

Parte il bando per la galleria del Verghereto sull’E45

CAMIONSFERA

Ancora ritardi nelle consegne di camion in Europa e Usa

CAMIONSFERA

Piano di sorveglianza ministeriale per le gallerie

CAMIONSFERA

K44 podcast: come funziona l’assistenza 24h dei camion

CAMIONSFERA

Assolti due dirigenti Michelin per incidente a camionista

CAMIONSFERA

Bando per formazione autisti container

CAMIONSFERA

La Francia rifinanzia e rilancia la Torino-Lione

CAMIONSFERA

Ferrovie tedesche in contropiede sulla frana del Reno

CAMIONSFERA

Il Canale di Suez sta potenziando la sicurezza della navigazione

CAMIONSFERA

Il raddoppio della ferrovia adriatica fa solo un mezzo passo

CAMIONSFERA

Progetto di nuovo canale tra Mar Rosso e Mediterraneo

CAMIONSFERA

Libera circolazione dei camion per tutto aprile
previous arrow
next arrow
Slider