Array ( [0] => 13 )

Primo piano

  • Tribunale di Milano revoca commissariamento di Ceva Logistics

    Tribunale di Milano revoca commissariamento di Ceva Logistics

    La Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Milano ha accolto la richiesta di revocare in anticipo l’amministrazione giudiziaria della Divisione Contract Logistics di Ceva Logistics Italia, imposta nel maggio 2019 nell’ambito dell’inchiesta sul Consorzio Premium Net.

Podcast K44

Normativa

Ricorso contro l’algoritmo dei rider


La piattaforma di consegna di cibo a domicilio Deliveroo starebbe attuando una condotta discriminatoria nei confronti dei ciclo-fattorini tramite l'algoritmo dell'applicazione Frank, che gli stessi rider devono usare per gestire le consegne. Sulla base di queste convinzioni, le tre sigle sindacali Filt, Filcams e Nidil Cgil hanno promosso un'azione legale al Tribunale di Bologna per condotta discriminatoria contro la multinazionale delle consegne del cibo, basandosi sulla Legge 128/2019 che regola il lavoro dei ciclo-fattorini. L'algoritmo stabilisce un punteggio reputazionale per ciascun rider, sulla cui base assegna le priorità delle consegne e secondo il sindacato Frank "emargina, fino a estrometterli dal ciclo produttivo, coloro che non riescono a essere disponibili a loggarsi nelle aree di lavoro loro assegnate".
In pratica, sarebbero penalizzati i rider che per motivi personali, legati a diritti come la malattia e lo sciopero, non si rendono continuativamente disponibili al lavoro. I sindacati precisano che "il rider che non si adegua alla logica dell'algoritmo viene gradualmente escluso dalle possibilità di impiego, arrivando in alcuni casi a essere deloggato dal sistema".
Il giudice del Lavoro di Bologna ha fissato la prima udienza per il 2 gennaio 2020. Deliveroo replica che il funzionamento dell'applicazione è corretto e che i suoi collaboratori sono lavoratori autonomi e quindi liberi di accettare o rifiutare una proposta di consegna, senza alcuna discriminazione. La multinazionale precisa che l'algoritmo non attua alcuna discriminazione sulla base delle prestazioni e delle caratteristiche personali. "Frank non prende in considerazione informazioni personali dei rider quali sesso, età, nazionalità, ordini rifiutati e velocità", scrive in una nota la società. "Non esiste nessun sistema che favorisce i rider che accettano più ordini e non discrimina i rider che partecipano, legittimamente, a manifestazioni o scioperi".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    Questo episodio di K44 La voce del trasporto spiega che cosa si deve fare, che cosa non si deve fare e che cosa è consigliato fare nel caso un veicolo industriale sia coinvolto in un incidente di qualsiasi tipo.

Logistica

  • Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    La Guardia di Finanza di Parma ha sequestrato undici milioni di euro a due cooperative del Gruppo Taddei che operano nella logistica per evasione fiscale. Occupano quasi un migliaia di persone, tra soci e dipendenti.

Mare

  • Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Alla Camera è in corso la discussione su un emendamento al Decreto Rilancio che stabilisce con chiarezza l’impossibilità dell'autoproduzione nelle operazioni di rizzaggio e derizzaggio dei traghetti. E si scalda lo scontro tra armatori e sindacati.