Array ( [0] => 13 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Cronaca

Raggiunto l’accordo anche sui trasporti tra UE e GB

All’ultimo momento Londra e Bruxelles hanno evitato la hard Brexit, ossia l’uscita senza alcun accordo della Gran Bretagna dall’unione al termine del periodo transitorio. Il 24 dicembre, la Commissione Europea ha annunciato la firma di accordo di principio “dopo intensi negoziati”. Questa prima intesa – che dovrà essere approvata dai Paesi dell’Unione e dal Parlamento europeo – è un primo passo per la stipula di futuri accordi e serve per evitare le conseguenze peggiori della Brexit, anche per il trasporto delle merci. È composta da tre parti che riguardano lo scambio delle merci, la sicurezza dei cittadini e la governance (ossia come saranno gestiti gli accordi e quali Autorità decideranno in caso di controversie).

La parte che interessa maggiormente il trasporto è quella sul libero scambio, che dispone l’assenza di tariffe e contingenti su tutte le merci conformi alle opportune regole in materia di origine. Quindi, nessun dazio da pagare e nessun contingente nella maggior parte dei casi. In una nota, la Commissione Europea scrive che “in merito ai trasporti l'accordo prevede che la connettività per via aerea, stradale, ferroviaria e marittima prosegua ininterrotta e in modo sostenibile, anche se l'accesso ai mercati si ridurrà rispetto alle opportunità offerte dal mercato unico. Sono comprese disposizioni volte a garantire che la concorrenza tra gli operatori dell'UE e del Regno Unito avvenga in condizioni paritarie, in modo da non compromettere i diritti dei passeggeri e dei lavoratori né la sicurezza dei trasporti”.

In pratica, UE e GB creano un’area di libero scambio delle merci, ma ciò non eviterà i controlli delle merci nell’ingresso e uscita dalla Gran Bretagna. Inoltre, alcuni prodotti restano fuori dall’accordo, come alcuni alimentari di origine animale, autoveicoli, tessili e calzature, che avranno così un dazio. La Commissione Europea precisa che “tutte le importazioni dovranno sottoporsi a formalità doganali” e dovranno rispondere agli standard comunitari, quindi saranno sottoposte a controlli di sicurezza e di salute.

Ancora più precisamente la Commissione Europea spiega che “dal 1° gennaio 2021 il Regno Unito non farà più parte dell'Unione doganale dell'UE. Pertanto, tutti i controlli e le formalità doganali richiesti dalla legislazione dell'UE (e in particolare dal Codice doganale dell'Unione), comprese le dichiarazioni sommarie di entrata e di uscita, si applicheranno a tutte le merci che entrano nel territorio doganale dell'UE dal Regno Unito o che lasciano tale territorio doganale per il Regno Unito. Ciò non riguarda gli scambi di merci tra l'UE e l'Irlanda del Nord, dove si applicherà il Protocollo sull'Irlanda e l'Irlanda del Nord incluso nell'Accordo di ritiro”.

Le parti riconoscono i programmi di Operatori Economici Autorizzati “consentendo agli operatori commerciali di fiducia che beneficiano di questo status di beneficiare di alcune semplificazioni e/o agevolazioni relative alla sicurezza nelle loro operazioni doganali con le autorità doganali dell'altra parte. Tuttavia, non vi è alcuna deroga a tali dichiarazioni di sicurezza, in quanto ciò richiede un allineamento tra le parti sulle norme di sicurezza”.

Per agevolare il lavoro degli operatori, l'accordo ribadisce alcuni meccanismi previsti dalla legislazione dell'UE (Codice doganale dell'Unione) e dalle norme doganali del Regno Unito per facilitare gli scambi e ridurre gli oneri amministrativi per le imprese. Ciò pone le basi per una futura cooperazione doganale per il traffico ro-ro e lo scambio d’informazioni per le Dogane. Un altro problema che le imprese di trasporto affronteranno è che dovranno contemporaneamente adeguarsi alle norme di certificazione sia dell’Unione Europea, sia della Gran Bretagna. Cambieranno quindi le formalità da espletare per passare la frontiera tra UE e GB.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

Mare

TECNICA

Nuovi carrelli diesel e Gpl di Still

TECNICA

Gli Usa si preparano alla guida autonoma dei camion

TECNICA

UE finanzia con 20 milioni il camion autonomo

TECNICA

Uber vende la divisione sulla guida autonoma

TECNICA

Ford Trucks amplia la gamma dei camion in Italia
previous arrow
next arrow
Slider

LOGISTICA

Ceva entra nella logistica globale dei vaccini Covid-19

LOGISTICA

Primo incontro nazionale tra sindacati e Amazon

LOGISTICA

DB Schenker riprende le spedizioni per Gran Bretagna

LOGISTICA

Sciopero nazionale SiCobas di due giorni in FedEx TNT

LOGISTICA

DHL Express sospende alcune spedizioni verso la Gran Bretagna
previous arrow
next arrow
Slider

BREXIT

DB Schenker riprende le spedizioni per Gran Bretagna

BREXIT

DHL Express sospende alcune spedizioni verso la Gran Bretagna

BREXIT

Palletways sospende spedizioni per Gran Bretagna

BREXIT

DPD riattiva le spedizioni con la Gran Bretagna

BREXIT

Aumentano le richieste di tampone Covid-19 da GB
previous arrow
next arrow
Slider

CAMIONSFERA

Perizia Tribunale scagiona camionista dell’incidente Zanardi

CAMIONSFERA

Tre camionisti morti in un incidente in Spagna

CAMIONSFERA

Multa di 79mila euro in Danimarca per tempi di guida

CAMIONSFERA

Chiesto processo per due camionisti per investimento su A2

CAMIONSFERA

K44 podcast: la grande trappola del Kent

CAMIONSFERA

Sindacati francesi mobilitano gli autisti di veicoli industriali

CAMIONSFERA

Scoperti 22 kg di cocaina su un camion bulgaro

CAMIONSFERA

Italia e Germania alleate contro i divieti dell’Austria

CAMIONSFERA

Il mercato dei veicoli industriali limita le perdite del 2020

CAMIONSFERA

Il britannico Consortium Purchasing ordina 2250 camion Scania

CAMIONSFERA

Sequestrato un panino al prosciutto a camionista proveniente da GB

CAMIONSFERA

Massicci investimenti delle ferrovie russe sull’asse Europa-Asia

CAMIONSFERA

Consegnati in Italia i primi nuovi Scania V8 da 770 CV

CAMIONSFERA

Prosegue l’obbligo del test Covid-19 da GB alla Francia

CAMIONSFERA

Il Salone del trasporto per l’edilizia è rinviato al 2023
previous arrow
next arrow
Slider