Array ( [0] => 13 )

Primo piano

  • Il 2019 è peggior anno del cargo aereo del decennio

    Il 2019 è peggior anno del cargo aereo del decennio

    Le rilevazioni della Iata sul trasporto aereo delle merci del 2019 mostrano che è stato il peggiore anno dal 2009, quando scoppiò la crisi macroeconomica da cui il settore è emerso lentamente. Un’eventuale ripresa quest’anno potrebbe essere ostacolata dall’epidemia di coronavirus.

Podcast K44

Normativa

Kuehne+Nagel rileva autotrasporto e logistica di Rotra


Kuehne+Nagel prosegue la sua campagna acquisti in Europa nell'ambito di un progetto di espansione nelle spedizioni e nel trasporto. Poco dopo avere acquisito il Gruppo austriaco Jöbstl, a novembre ha annunciato l'acquisizione delle attività di autotrasporto e di logistica di Rotra, impresa fondata un secolo fa nei Paesi Bassi e con sedi anche nel Belgio. La società olandese impiega ottocento persone e produce un fatturato annuo superiore a cento milioni di euro. Le due aziende non hanno comunicato l'importo della transazione. "Rotra è un'azienda leader e ben radicata nei Paesi Bassi e in Belgio, due dei centri di gravità per la logistica in Europa", afferma Stefan Paul, membro del Consiglio di amministrazione di Kuehne+Nagel International AG, responsabile per Overland. "Le loro attività completano strategicamente la rete esistente di Kuehne+Nagel in tutta Europa, a vantaggio dei nostri clienti locali e internazionali che avranno accesso al nostro portafoglio di servizi ampliato in questa regione".
Nel suo secolo di vita, Rotra ha mantenuto l'assetto d'impresa familiare e oggi offre un'ampia gamma di servizi di trasporto e logistica. Nel trasporto stradale opera con una flotta di duecento veicoli industriali che viaggiano in tutta Europa, mentre nella logistica in conto terzi serve committenti di vari Paesi e ha impianti di cross dock nei Paesi Bassi e in Belgio. "Dopo oltre un secolo di crescita della nostra azienda di famiglia, è giunto il momento di offrire ai nostri clienti una rete stradale ancora più ampia e una gamma più vasta di servizi", ha dichiarato Harm Roelofsen, direttore e comproprietario di Rotra. "Kuehne+Nagel, uno dei principali fornitori di logistica a livello mondiale, è il nostro partner preferito per consentire un'ulteriore crescita e allo stesso tempo offrire ai nostri dipendenti le migliori opportunità di sviluppo futuro". Kuehne+Nagel rileva solamente le attività di trasporto stradale e di logistica in conto terzi, mentre le spedizioni marittime e aeree e le attività di terminal container resteranno nelle mani degli attuali proprietari di Rotra.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    Questo episodio di K44 La voce del trasporto spiega che cosa si deve fare, che cosa non si deve fare e che cosa è consigliato fare nel caso un veicolo industriale sia coinvolto in un incidente di qualsiasi tipo.

Logistica

  • Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    La Guardia di Finanza di Parma ha sequestrato undici milioni di euro a due cooperative del Gruppo Taddei che operano nella logistica per evasione fiscale. Occupano quasi un migliaia di persone, tra soci e dipendenti.

Mare

  • Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Alla Camera è in corso la discussione su un emendamento al Decreto Rilancio che stabilisce con chiarezza l’impossibilità dell'autoproduzione nelle operazioni di rizzaggio e derizzaggio dei traghetti. E si scalda lo scontro tra armatori e sindacati.