Array ( [0] => 24 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Ups ordina 10mila furgoni elettrici e autonomi


All'inizio di febbraio 2020, Ups ha annunciato un imponente ordine di veicoli commerciali a trazione elettrica: diecimila unità, che saranno progettate e costruite dalla start-up Arrival secondo specifiche tecniche concordate con il corriere statunitense. Quest'ultimo non si limita ad acquistare i veicoli, ma ha anche deciso di entrare nel capitale del costruttore con una quota di minoranza acquista dalla controllata Ups Ventures. Grazie a questa transazione, Ups ottiene una precedenza negli ordini di altri furgoni elettrici. Oltre ad avere la trazione elettrica, i nuovi furgoni saranno equipaggiati con un sistema di assistenza alla guida che migliora la sicurezza e permette di muovere in modo autonomo i veicoli all'interno delle piattaforme Ups. La società comincerà a provare questo sistema nel 2020. I furgoni saranno usati in Europa e Nord America.
Arrival produce al suo interno tutti i componenti più importanti dei veicoli, dal telaio alla catena cinematica, ai controlli elettronici fino ad arrivare alla carrozzeria. La progettazione è modulare per ridurre i costi di manutenzione e la produzione avverrà in gabbriche di piccole dimensioni. "Come partner strategico di Arrival, Ups ha fornito preziose informazioni su come i furgoni elettrici adibiti alle consegne vengono utilizzati su strada e, cosa importante, come possono essere pienamente ottimizzati per chi li guida" ha spiegato Denis Sverdlov, Chief Executive di Arrival. "Insieme, i nostri team hanno lavorato alacremente per creare veicoli elettrici su misura, basati sulle nostre piattaforme flessibili Skateboard che soddisfano le esigenze end-to-end di Ups, quali guida, carico/scarico e attività di back-office. Siamo lieti che l'investimento e gli ordini dei veicoli annunciati oggi rinsaldino ulteriormente i rapporti tra le nostre due società".
Ups e Arrival collaborano dal 2016 alla progettazione di un furgone elettrico per le consegne nell'ultimo miglio. Carlton Rose, Presidente di Ups Global Fleet Maintenance & Engineering precisa che "questi mezzi rappresentano i veicoli più avanzati al mondo per la consegna di pacchi e ridefiniscono gli standard di settore relativamente alle soluzioni per veicoli elettrici, connessi e intelligenti". Juan Perez, Chief Information and Engineering Officer di Ups spiega che "alla luce della continua accelerazione di megatrend quali la crescita della popolazione, la migrazione verso i centri urbani e l'e-commerce, riconosciamo l'importanza di collaborare con partner di tutto il mondo per risolvere le problematiche della congestione stradale e dell'inquinamento, sia per i nostri clienti che per le comunità in cui operiamo. I veicoli elettrici rappresentano uno dei pilastri delle nostre strategie per la sostenibilità delle consegne nei centri urbani. Assumere un ruolo attivo come investitori di Arrival permette a UPS di collaborare alla progettazione e produzione dei veicoli elettrici per le consegne più avanzati al mondo".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    Questo episodio di K44 La voce del trasporto spiega che cosa si deve fare, che cosa non si deve fare e che cosa è consigliato fare nel caso un veicolo industriale sia coinvolto in un incidente di qualsiasi tipo.

Logistica

  • Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    La Guardia di Finanza di Parma ha sequestrato undici milioni di euro a due cooperative del Gruppo Taddei che operano nella logistica per evasione fiscale. Occupano quasi un migliaia di persone, tra soci e dipendenti.

Mare

  • Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Alla Camera è in corso la discussione su un emendamento al Decreto Rilancio che stabilisce con chiarezza l’impossibilità dell'autoproduzione nelle operazioni di rizzaggio e derizzaggio dei traghetti. E si scalda lo scontro tra armatori e sindacati.