Array ( [0] => 14 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

I vantaggi dell’apertura della galleria del Ceneri

Durante l'assemblea annuale del primo giugno 2018, la società di trasporto intermodale si è dichiarata ottimista sul futuro della rotaia nel traffico delle merci che attraversa la Svizzera. Il primo motivo è la prossima apertura – prevista a dicembre del 2020 – della galleria di base del Ceneri, che completa la "ferrovia di pianura" avviata da quella del San Gottardo. Questa galleria non solo ridurrà i tempi di viaggio dei treni, ma permetterà il transito di convogli lunghi fino a 740 metri e il carico di semirimorchi alti fino a quattro metri. Poi ci sono gli incentivi al trasporto combinato strada-rotaia previsti dalla Germania, che nel 2019 ridurranno i costi delle tracce ferroviarie fino al 50% e il ferrobonus italiano. Hupac chiede che anche la Svizzera riduca i costi delle tracce, dopo la riduzione dei sussidi statali all'intermodalità.
Secondo Nicolas Perrin, Ceo di FFS Cargo, l'apertura della galleria del Ceneri e del corridoio di quattro metri tra Italia e Germania aumenterà in modo significativo la produttività del trasporto intermodale già dal 2021. Per dimostralo ha portato alcune cifre: il peso del treno fino a 1800 tonnellate consentirà di aumentare la capacità del 13%; i treni più lunghi di 740 metri incrementano la capacità del 23%; il corridoio di quattro metri via Gottardo amplierà il mercato del 50%; il progetto di digitalizzazione ETCS consentirà una maggiore frequenza dei treni, con un aumento della capacità del 20%; l'aumento della velocità media dei treni da 50 a 75 km/h aumenterà la capacità di un ulteriore 50%.
Egli però ammonisce che per attuare tali aumenti di produttività bisognerà intensificare il coordinamento tra i gestori dell'infrastruttura. La sfida consiste nel gestire i flussi di traffico internazionale con un'unica prospettiva. RFI, FFS Infrastruttura e DB Netz hanno iniziato a lavorare in questo senso, preparando un primo set di 24 tracce giornaliere per l'orario 2019, con una riduzione del 25% dei tempi di percorrenza tra Colonia e Milano.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    Questo episodio di K44 La voce del trasporto spiega che cosa si deve fare, che cosa non si deve fare e che cosa è consigliato fare nel caso un veicolo industriale sia coinvolto in un incidente di qualsiasi tipo.

Logistica

  • Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    La Guardia di Finanza di Parma ha sequestrato undici milioni di euro a due cooperative del Gruppo Taddei che operano nella logistica per evasione fiscale. Occupano quasi un migliaia di persone, tra soci e dipendenti.

Mare

  • Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Alla Camera è in corso la discussione su un emendamento al Decreto Rilancio che stabilisce con chiarezza l’impossibilità dell'autoproduzione nelle operazioni di rizzaggio e derizzaggio dei traghetti. E si scalda lo scontro tra armatori e sindacati.