Array ( [0] => 12 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Toninelli vuole riorganizzare il ministero Trasporti

Dopo che la Lega ha liberato le due poltrone al ministero dei Trasporti, a causa dei guai giudiziari di Siri e Rixi, il ministro Danilo Toninelli ha deciso di ristrutturare il ministero. Non è detto che questi eventi abbiano una correlazione, ma sicuramente ora il ministro non ha ostacoli politici all'interno del dicastero per proporre la sua ristrutturazione, che illustrerà il 6 giugno ai sindacati. Secondo alcune anticipazioni, il Decreto prevede tre Dipartimenti, ossia uno in più rispetto ai due attuali: a quelli per le infrastrutture e dei trasporti i aggiungerebbe quello per lo sviluppo delle costruzioni edili e idriche, le risorse umane, strumentali e informatiche. Questi tre Dipartimenti sarebbero poi suddivisi in quindici Direzioni generali.
Resta ancora ignoto il destino politico del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Per ora non si parla di sostituire l'ex vice-ministro Edoardo Rixi e l'ex sottosegretario Armando Siri, anzi il capo della Lega, matteo Salvini, cui erano in quota i due esponenti estromessi, ha dichiarato che non vuole rimpiazzarli bensì rimetterli al loro posto. Piuttosto, potrebbe essere lo stesso Toninelli a rischiare il posto, perché nei giorni scorsi si è parlato di rimpasto del Governo, citando esplicitamente il ministero dei Trasporti. Le Lega ha ormai messo nel mirino il ministro pentastellato e in un'intervista al Messaggero l'ex vice-ministro Rixi ha affermato che "era impossibile lavorare con Toninelli".
Rixi ha anche rivelato i retroscena su alcune nomine: "Da qualche tempo il ministro grillino ha proceduto a nomine, come il presidente dello Stretto, in settori che riguardavano le mie deleghe senza neppure consultarmi. E ha finito per occupare militarmente tutti i posti all'interno del dicastero, spesso senza alcuna attenzione al merito. E questo non è giusto, né corretto".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • L’Europa riconosce le proroghe dei documenti di camion e autisti

    L’Europa riconosce le proroghe dei documenti di camion e autisti

    Il 20 maggio 2020, il Consiglio d’Europa ha definitivamente approvato il Regolamento che estende all’intera Unione Europea le proroghe attuate da alcuni Paesi sulle scadenze dei documenti degli autisti e le revisioni dei veicoli industriali. Rinvio anche delle tasse portuali.

Logistica

  • Confetra vuole più risorse per i porti

    Confetra vuole più risorse per i porti

    Commentando il Decreto Rilancio, il presidente di Confetra riconosce passi in avanti sulle agevolazioni fiscali, ma chiede maggiori risorse per i porti e un processo di semplificazione.

Mare