Array ( [0] => 26 )

Primo piano

  • Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    A meno di due mesi dall’uscita ufficiale del regno Unito dall’Unione Europea e alla vigilia dei negoziati per gli accordi in diversi settori, tra cui il trasporto, Londra minaccia che di ridurre la fase transitoria di sei mesi se nelle prossime settimane non avverranno “buoni progressi”.

Podcast K44

Normativa

Sfida digitale delle ferrovie russe


Obiettivo: diventare il principale motore per lo sviluppo dei trasporti nel grande continente russo. Le ferrovie statali RŽD hanno varato nell'ottobre 2019 un piano di trasformazione digitale che entro il 2025 cambierà radicalmente il volto della ferrovia in Russia. Secondo le stime di RŽD la ricaduta sui conti del gestore ferroviario supererà i due miliardi di euro mentre per l'economia nazionale nel suo complesso si parla di un ritorno positivo che sfiora i sei miliardi di euro. Il programma di digitalizzazione prevede la progettazione "in casa" di tutte le tecnologie necessarie, con l'introduzione di soluzioni innovative che prenderanno il posto degli apparati esistenti, spesso di provenienza straniera. Il progetto si basa su otto piattaforme digitali interconnesse. Ognuna di queste sovrintende a un settore particolare, da quello multimodale merci ai passeggeri, dagli hub logistici all'infrastruttura ferroviaria, dal controllo del traffico alla gestione del materiale rotabile. La strategia di sviluppo adottata dalle RŽD porterà all'attuazione di circa 50 progetti specifici, basati sull'innovazione tecnologia come i big data. La trasformazione digitale rientra nel programma di sviluppo a lungo termine delle ferrovie russe che intendono diventare il principale motore di crescita per l'industria nazionale dei trasporti.
La tecnologia non sarà però l'unica sfida. Si cercano anche nuovi mercati e nuovi sbocchi fuori dal continente russo, anche attraverso intese con altre amministrazioni ferroviarie. Sempre nell'ottobre 2019 è stato firmato un accordo di cooperazione tra le RŽD e il Governo della Serbia. Sarà ammodernata e potenziata la tratta lunga poco più di 200 km che da Valjevo, città della Serbia centrale situata a circa 90 km a sud-ovest di Belgrado verso la Bosnia-Erzegovina, raggiunge Vrbnica, località ai confini con il Montenegro lungo la direttrice che da Belgrado porta a Bar. Le ferrovie russe sono impegnate in un altro progetto in Serbia lungo l'itinerario tra Belgrado e Budapest. Qui è prevista una nuova tratta, parte in tunnel e parte in viadotto, nella pianura alluvionale del Danubio tra Novi Sad e Stara Pazova. Sempre in Serbia, le RŽD sono protagoniste anche di un prestito intergovernativo da 172 milioni di euro per finanziare la costruzione di un moderno centro di controllo centralizzato del traffico.

Piermario Curti Sacchi

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    Questo episodio di K44 La voce del trasporto spiega che cosa si deve fare, che cosa non si deve fare e che cosa è consigliato fare nel caso un veicolo industriale sia coinvolto in un incidente di qualsiasi tipo.

Logistica

  • Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    La Guardia di Finanza di Parma ha sequestrato undici milioni di euro a due cooperative del Gruppo Taddei che operano nella logistica per evasione fiscale. Occupano quasi un migliaia di persone, tra soci e dipendenti.

Mare

  • Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Alla Camera è in corso la discussione su un emendamento al Decreto Rilancio che stabilisce con chiarezza l’impossibilità dell'autoproduzione nelle operazioni di rizzaggio e derizzaggio dei traghetti. E si scalda lo scontro tra armatori e sindacati.