Array ( [0] => 26 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Sesto hub di DB Cargo Italia

È diventato pienamente operativo il sesto terminal di DB Cargo Italia, quello di Pisa aperto nel dicembre 2019. La compagnia tedesca ha così posto un altro tassello alla propria rete di hub dove si concentra e viene movimentato tutto il traffico a carro singolo. La società controllata in maggioranza dalle ferrovie federali tedesche ha sei scali dislocati prevalentemente nel centro nord Italia e precisamente Torino, Brescia, Verona, Cervignano, Roma e per ultimo Pisa. Sull'asse nord-sud, la porta d'ingresso principale da e verso l'Italia è l'hub di Chiasso, seguito dai valichi del Brennero e di Tarvisio.
Sull'asse est-ovest, invece, opera collegamenti verso la Francia attraverso Modane e verso la Slovenia via Villa Opicina, dove un ruolo di primo piano lo gioca l'hub di Cervignano aperto nel luglio 2019. I poli di riferimento in Germania sono Mannheim e Monaco di Baviera. DB Cargo Italia effettua in media 46 treni la settimana su Chiasso e una trentina suddivisi tra gli altri due corridoi del Brennero e di Tarvisio.
Oltre alla produzione di treni completi, DB Cargo si distingue sul mercato italiano per l'offerta di trasporto a carro singolo, una modalità di fatto abbandonata da molte altre imprese ferroviarie. Il servizio a carro singolo è stato proposto all'inizio solo come destinazione finale di un trasporto internazionale, mentre dal 2016 DB Cargo ha iniziato a produrre anche i primi servizi nazionali. Nei vari hub di riferimento, i carri sono suddivisi per i punti di consegna, anche con treni di pochi vagoni che raggiungono le oltre cinquanta destinazioni, suddivise tra scali pubblici, raccordi privati e railport, vale a dire impianti di interscambio ferro-gomma per i clienti non raccordati alla ferrovia.
Cuore del servizio di DB Cargo Italia sono i trasporti di merci ad alta intensità ferroviaria, in particolare automotive, materie prime e prodotti siderurgici, chimici e per le costruzioni, a cui nel tempo si sono aggiunte merci pallettizzate in genere (food e non food). È varia quindi la tipologia di carri utilizzati in funzione della merce e a questo scopo l'offerta è caratterizzata da un mix di vagoni di proprietà e a noleggio.

Piermario Curti Sacchi

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

  • Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee

    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee

    Il progetto ADRIPASS ha lo scopo di migliorare l’accessibilità delle reti di trasporto europee con connessioni più efficienti dai porti dell’Adriatico all’entroterra e riducendo i tempi di attese alle frontiere dei Balcani. Ne parla una conferenza online il 2 dicembre.

Videocast K44

Autotrasporto

  • Tornano  costi minimi dell’autotrasporto

    Tornano costi minimi dell’autotrasporto

    Il 27 novembre 2020 il ministero dei Trasporti ha annunciato la pubblicazione del Decreto sui “costi indicativi di riferimento dell’attività di autotrasporto merci”.

Logistica

Mare

  • Porti liguri puntano sulla Svizzera dal 2024

    Porti liguri puntano sulla Svizzera dal 2024

    La connessione ferroviaria tra i porti di Genova e Savona e la Svizzera è stata la centro della terza edizione di “Un mare di Svizzera”. L’anno di svolta sarà il 2024 e PSA annuncia una filiale nella Confederazione Elvetica.