Array ( [0] => 26 )

Primo piano

  • Come avviene lo sfruttamento degli autisti extracomunitari

    Come avviene lo sfruttamento degli autisti extracomunitari

    Una ricerca mostra che la pandemia di Covid-19 ha accentuato i fenomeni di sfruttamento nell’Unione Europea di camionisti immigrati dai Paesi extra-comunitari da parte di catene di sub-appalto nell’autotrasporto, sorte soprattutto nell’Est. Ecco come funziona il sistema.

Podcast K44

Normativa

Mercitalia acquisisce controllo della polacca Pol-Rail


Mercitalia Rail ha acquisito dalla società ferroviaria di Stato polacca PKP il 50% del capitale della compagnia ferroviaria merci Pol-Rail, ottenendone così il pieno controllo. Più precisamente, il 28,23% delle quote era nelle mani di PKP Cargo Connect e il 21,77% in quelle di PKP Cargo. La ferrovia italiana del Gruppo Ferrovie dello Stato aveva già in mano l'altra metà delle quote di Pol-Rail, costituita nel 1995 insieme con PKP. "Questa operazione rientra nel percorso di sviluppo del Polo Mercitalia, che si fonda sia sull'ampliamento del presidio della catena del valore dei servizi logistici sia sull'espansione delle società del Polo in ambito europeo", ha spiegato Marco Gosso, amministratore delegato e direttore generale di Mercitalia Logistics. Con Pol-Rail, Mercitalia acquisisce anche la controllata rumena Rom Rail, costituita nel 1997. Con questa operazione, precisa la società ferroviaria "Polo Mercitalia rafforza la sua presenza su un asse di traffico caratterizzato da importanti prospettive di sviluppo, come quello fra l'Italia e l'Est Europa". Pol-Rail produce un fatturato di circa 35 milioni di euro l'anno.
Lo scorso settembre Polo Mercitalia ha siglato un accordo di cooperazione con PKP Cargo per sviluppare nuovi servizi sul Corridoio Ten-T Baltico-Adriatico. In quella occasione, l'amministratore delegato di Mercitalia Rail, Gian Paolo Gotellli, dichiaro che: "Con il Gruppo PKP non abbiamo sovrapposizioni operative e potremo collaborare intensamente per sviluppare nuovi servizi sul Corridoio ferroviario Baltico-Adriatico, sia per i traffici intermodali, in grandissima crescita da e per il porto di Trieste, sia per quelli convenzionali. Potremo così interagire con un partner forte non solo in Polonia, ma anche in Repubblica Ceca. Inoltre, grazie all'accesso ai terminal intermodali e convenzionali in Polonia, svilupperemo anche il trasporto delle merci su ferro sulla rotta Est-Ovest verso i paesi del CIS e verso la Cina, e metteremo a disposizione di PKP le nostre strutture operative e i nostri servizi in Italia".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Sei Stati dell’Est contro il Primo Pacchetto Mobilità

    Sei Stati dell’Est contro il Primo Pacchetto Mobilità

    Secondo indiscrezioni provenienti dalla Francia, sei Paesi comunitari stanno presentando ricorso alla Corte di Giustizia Europea contro alcuni provvedimenti del Primo Pacchetto Mobilità, che riforma l’autotrasporto internazionale.

Logistica

  • Arcese potenzia la logistica in Romania

    Arcese potenzia la logistica in Romania

    La filiale rumena di Arcese Trasporti ha affittato una piattaforma logistica di 6500 metri quadrati nel parco logistico WDP di Dragomirești, dove è già presente con un impianto di 4500 metri quadrati.

Mare

  • Grendi potenzia ro-ro e logistica in Sardegna

    Grendi potenzia ro-ro e logistica in Sardegna

    Il Gruppo Grendi aumenta la frequenza della rotta per rotabili tra Marina di Carrara e Cagliari e conferma l'investimento sulla piattaforma logistica di Olbia, che si affianca a quelle di Cagliari e Sassari.