Array ( [0] => 9 )

Primo piano

  • Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    A meno di due mesi dall’uscita ufficiale del regno Unito dall’Unione Europea e alla vigilia dei negoziati per gli accordi in diversi settori, tra cui il trasporto, Londra minaccia che di ridurre la fase transitoria di sei mesi se nelle prossime settimane non avverranno “buoni progressi”.

Podcast K44

Normativa

Frode sui carburanti da 100 milioni di euro


Un comune controllo su strada attuato dalla Guardia di Finanza di Sora su un'autocisterna di carburate ha attivato un'indagine internazionale su una frode fiscale sul carburante che ha coinvolto un'azienda italiana che ha venduto solo formalmente prodotti petroliferi in tutta Italia. Secondo gli inquirenti, questa impresa avrebbe prodotto fatture false per 471 milioni di euro che le hanno permesso di evitare il pagamento di cento milioni d'Iva. Questa società ha usato come "cartiera" un'impresa con sede a Budapest, in Ungheria, ma costituita da un cittadino italiano. La società ungherese aveva il solo compito di emettere fatture per operazioni insistenti alla sua stabile organizzazione italiana, che aveva sede a Roma e che impiegava una sola persona che produceva fattura gravate d'Iva per la vendita, mai realmente avvenuta, di carburanti a diverse imprese italiane, permettendo loro di detrarre l'Iva. In realtà il prodotto arrivava in nero da un altro fornitore. Il finto cliente versava effettivamente il denaro, compresa l'Iva, alla società cartiera, che però non versava l'imposta allo Stato annullando il debito tramite altre fatture per operazioni inesistenti.
Questo complesso schema ha favorito tutti i partecipanti: la società cartiera tratteneva l'Iva non versata e le imprese che formalmente erano sue clienti hanno acquisito un illecito credito d'Iva, oltre a acquistare il carburante a un prezzo ridotto. Il profitto generato dalla cartiera, che ha prodotto fatture per un paio di anni, era girato in una banca ungherese. Per confondere ulteriormente le tracce, il cittadino italiano che ha fondato la società ungherese ha ceduto le sue quote a un finto acquirente sloveno. La complessa indagine della Finanza ha comunque individuato sia l'amministratore di diritto, sia quello di fatto della società cartiera, denunciando tre persone: un italiano di 33 anni originario della Campania, che era l'amministratore di fatto della società, e due persone considerate prestanome, una italiana e l'altra slovena.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Falso allarme sull’aumento delle accise gasolio per camion

    Falso allarme sull’aumento delle accise gasolio per camion

    I giornali di agosto hanno lanciato l'allarme sull’aumento delle accise sul gasolio e Conftrasporto minaccia il fermo dell’autotrasporto. Ma per ora è solo un’ipotesi di lavoro del ministero dell’Ambiente, che comunque escluderebbe i veicoli industriali.

Logistica

Mare

  • Collaborazione tra i porti di Venezia e Amburgo

    Collaborazione tra i porti di Venezia e Amburgo

    L’ Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale ha avviato una collaborazione con alcuni enti italiani e tedeschi per sviluppare tecnologie terminalistiche e doganali col porto di Amburgo.