Array ( [0] => 9 )

Primo piano

  • K44 podcast: la riforma dell’autotrasporto UE inquina?

    K44 podcast: la riforma dell’autotrasporto UE inquina?

    La Commissione Europea ha diffuso uno studio che mostra come l’obbligo di rientro in sede dei camion che svolgono autotrasporto internazionale dopo otto settimane, previsto dal Primo Pacchetto Mobilità, può aumentare l’impatto ambientale del trasporto. Vero problema o manovra politica per modifiche? Ne parla Paolo Cesaro in questo podcast di …

Podcast K44

Normativa

Cronaca

    Caos nelle autostrade del mare della Sicilia


    Le grandi manovre delle compagnie marittime che servono la Sicilia stanno penalizzando l'autotrasporto dell'isola, soprattutto quello a temperatura controllata che porta verso il continente frutta e verdura dalla parte orientale. Il punto di svolta che sta creando gravi problemi agli autotrasportatori è stata la chiusura della compagnia New TTT Lines, che ha levato due traghetti sulla rotta tra Catania e Napoli, che operavano dall'aprile del 2015. Ogni nave poteva trasportare un centinaio di veicoli industriali e il collegamento aveva un orario compatibile con le necessità degli autotrasportatori.
    "I camion frigoriferi ritirano i prodotti ortofrutticoli in una fascia che va dalle 16.00 alle 20.00, per poi dirigersi verso i porti per imbarcasi. Le navi della New TTT Lines partivano alle 23.45 da Catania per arrivare la mattina successiva a Napoli e poter ripartire su strada per tutta Italia. Per esempio, si poteva arrivare entro mezzanotte al mercato ortofrutticolo di Milano", spiega un autotrasportatore siciliano a TrasportoEuropa.it. La chiusura di questa rotta, avvenuta il 22 aprile scorso ha messo in crisi questi autotrasportatori, perché le alternative o non hanno stiva sufficiente, oppure hanno orari incompatibili con le loro esigenze. In pratica, centinaia di camion sono tornati sul tutto strada, traghettando sullo Stretto di Messina.
    La prima alternativa è la nave di Caronte Tourist tra Messina e Salerno, che parte dal porto siciliano alle 2.30, ma non ha stiva sufficiente per imbarcare tutti i veicoli industriali quindi molti restano a terra. Ci racconta un altro autotrasportatore: "Sabato 5 maggio la nave è arrivata nel porto di Messina intorno alle 22.30 e ha cominciato a caricare alle 23.00 con le banchine già piene di camion e a mezzanotte non si poteva più acquistare il biglietto, perché erano occupati tutti i posti. Sono riuscito a salire, ma quando la nave è salpata c'erano sul molto almeno ottanta veicoli industriali, più quelli che si erano già imbarcati sul traghetto per la Calabria e avrebbero quindi continuato il viaggio su strada".
    Da Catania parte anche una linea di Grimaldi per Salerno che però secondo le nostre fonti non è adatta per chi trasporta prodotti ortofrutticoli: "La nave salpa dalla Sicilia alle 20.30 o alle 21.30, che per molti è troppo presto, tenendo conto che bisogna arrivare prima per acquistare il biglietto e imbarcare". Un altro problema su questa rotta è l'intasamento che nei giorni feriali si registra al porto di Salerno, dove i camion che scendono dalla nave proveniente dalla Sicilia s'incrociano con le bisarche che caricano gli autoveicoli nuovi e i portacontainer. Questo problema sta mobilitando gli autotrasportatori salernitani, che oggi hanno avuto un primo incontro alla sede dell'ASP, ma che nello stesso tempo hanno proclamato un fermo dal 21 al 25 maggio.
    Dalla Sicilia partono anche altri traghetti, come quelli tra Catania e Napoli  o tra Termini Imerese e Civitavecchia, ma non tutti però per tipologia di nave (dedicata prevalentemente ai semirimorchi non accompagnati), per orari (incompatibili con i mercati ortofrutticoli) o per tempi di viaggio (troppo lunghi per il refrigerato accompagnato) non possono servire l'autotrasporto di prodotti ortofrutticoli. Come abbiamo detto, per molti autotrasportatori  resta solo l'alternativa del traghettamento in Calabria per poi proseguire su strada, ma anche in questo caso la situazione è difficile, come ci spiega una nostra fonte: "Su questa rotta l'offerta è comunque insufficiente e ora che si avvicina l'estate potrà accadere, come lo scorso anno, che le compagnie lascino a terra i camion per imbarcare le autovetture".
    In tutti i casi, risalire l'intera Penisola su strada comporta una scelta tra due situazioni, entrambe penalizzanti per gli autotrasportatori: arrivare nei mercati ortofrutticoli dopo la chiusura, con relativa contestazione del servizio da parte dei committenti, oppure violare le norme sui tempi di guida e di riposo, con gravi rischi per la sicurezza e con la possibilità di gravi sanzioni pecuniarie se scoperti. Non ci si deve quindi sorprendere se poi la Polstrada trova numerose calamite o schede elettroniche sui cronotachigrafi, molte delle quali sono proprio sui camion refrigerati.
    Nei giorni scorsi, il Gruppo Onorato ha annunciato il prossimo avvio di una linea tra Catania e Napoli con tre viaggi settimanali in entrambe le direzioni. Da Catania si avranno partenze il martedì, giovedì e sabato con navi che permettono di alloggiare gli autisti. Finora, la compagnia non ha precisato l'orario della partenza, dichiarando solamente che il viaggio avverrà di notte. Ma ovviamente l'orario dell'imbarco sarà cruciale per gli autotrasportatori siciliani. Inoltre, la frequenza è ancora insufficiente per servire la domanda, che è giornaliera.

    Aggiornamento del 9 maggio 2018 - Dopo la pubblicazione di questo articolo, Grandi Navi Veloci precisa che da ottobre 2017 ha inserito una partenza da Termini Imerese a Napoli di sabato e che ha tarato altre partenze dal porto vicino a Palermo per favorire l'autotrasporto ortofrutticolo, come spiega in una nota: "Le partenze da Termini Imerese sono alle ore 02:00 dal martedì a domenica, ad eccezione della partenza del venerdì, anticipata alle ore 01:30, per permettere una maggiore competitività durante il weekend ai clienti del comparto ortofrutticolo. Inoltre è stato introdotto il collegamento con Napoli, con partenze da Termini Imerese verso Napoli il sabato alle ore 02.00 e da Napoli verso Termini Imerese il sabato alle ore 13:30, a supporto delle specifiche esigenze sia dei clienti courier sia di quelli legati al trasporto dell'ortofrutta. Inoltre, il collegamento con il terminal di Civitavecchia consente alle merci in uscita dalla Sicilia di raggiungere i mercati di riferimento entro la sera successiva".

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
    Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

     


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

     bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

    Teleroute affronta il futuro con un fermo impegno sulla sicurezza
    Accordo tra Astre Italia e Keepintouch sui servizi alle flotte
    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee
    Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio
    Menu completo d’intralogistica per gli associati Astre
    LCT collabora con la Protezione Civile contro la Covid-19
    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    previous arrow
    next arrow
    Slider

     

Videocast K44

Autotrasporto

Mare

  • L’Egitto sequestra la portacontainer Ever Given

    L’Egitto sequestra la portacontainer Ever Given

    Un Tribunale egiziano ha ordinato alla società giapponese Shoei Kisen Kaisha, proprietaria della portacontainer Ever Given, di pagare 900 milioni di dollari per i danni causati dall’incagliamento nel Canale di Suez e ha sequestrato la nave.

TECNICA

Bruxelles studia la cybersicurezza nei veicoli autonomi

TECNICA

Alleanza tra Iveco e Plus per il camion autonomo

TECNICA

Aggancio automatico del semirimorchio di Jost

TECNICA

K44 Tecno: al volante (virtuale) del nuovo Renault Trucks T

TECNICA

Boston Dynamics presenta un robot per caricare i camion
previous arrow
next arrow
Slider

LOGISTICA

Deutsche Post stanzia sette miliardi nella logistica sostenibile

LOGISTICA

Il profilo di chi cerca lavoro nella logistica

LOGISTICA

Prosegue lo sciopero SiCobas alla FedEx

LOGISTICA

Amazon avvia apprendistato per manutenzione nella logistica

LOGISTICA

Via ai cantieri per logistica Amazon di Vicenza
previous arrow
next arrow
Slider

BREXIT

Camionisti esonerati dal tampone Covid tra GB e Francia

BREXIT

La Brexit svuota l’export britannico

BREXIT

Eurotunnel offre lo sdoganamento digitale

BREXIT

Nuovo quadro giuridico per eTir dal 25 maggio

BREXIT

La Brexit frena anche Amazon in Gran Bretagna
previous arrow
next arrow
Slider

CAMIONSFERA

Bosch produrrà microprocessori per veicoli in Germania

CAMIONSFERA

Dimezzato il potenziamento della ferrovia di Capodistria

CAMIONSFERA

Camionisti scioperano nei Paesi Bassi per aumento salario

CAMIONSFERA

Parte il bando per la galleria del Verghereto sull’E45

CAMIONSFERA

Ancora ritardi nelle consegne di camion in Europa e Usa

CAMIONSFERA

Piano di sorveglianza ministeriale per le gallerie

CAMIONSFERA

K44 podcast: come funziona l’assistenza 24h dei camion

CAMIONSFERA

Assolti due dirigenti Michelin per incidente a camionista

CAMIONSFERA

Bando per formazione autisti container

CAMIONSFERA

La Francia rifinanzia e rilancia la Torino-Lione

CAMIONSFERA

Ferrovie tedesche in contropiede sulla frana del Reno

CAMIONSFERA

Il Canale di Suez sta potenziando la sicurezza della navigazione

CAMIONSFERA

Il raddoppio della ferrovia adriatica fa solo un mezzo passo

CAMIONSFERA

Progetto di nuovo canale tra Mar Rosso e Mediterraneo

CAMIONSFERA

Libera circolazione dei camion per tutto aprile
previous arrow
next arrow
Slider