Array ( [0] => 9 )

Primo piano

  • Il 2019 è peggior anno del cargo aereo del decennio

    Il 2019 è peggior anno del cargo aereo del decennio

    Le rilevazioni della Iata sul trasporto aereo delle merci del 2019 mostrano che è stato il peggiore anno dal 2009, quando scoppiò la crisi macroeconomica da cui il settore è emerso lentamente. Un’eventuale ripresa quest’anno potrebbe essere ostacolata dall’epidemia di coronavirus.

Podcast K44

Normativa

Bruxelles ridisegna la politica europea dei trasporti


"I cittadini si aspettano dall'Unione Europea un intervento decisivo per affrontare le grandi sfide socioeconomiche e vogliono che l'UE interferisca meno nelle questioni a cui gli Stati membri sono maggiormente in grado di rispondere con efficienza", spiega il presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker. "Per questo abbiamo assunto l'impegno di dirigere il cambiamento e di guidare un'UE che sia più grande e più ambiziosa sulle grandi cose e più piccola e più modesta sulle piccole cose". E il suo vice-presidente, Frans Timmermans, ha precisato che "Per poter concentrare l'impegno politico sulle vere priorità dobbiamo liberarci delle pastoie: abbiamo quindi analizzato ogni singola proposta attualmente all'esame delle istituzioni dell'UE per decidere se vogliamo mantenerla, modificarla o ritirarla".
La Commissione Europea ha sintetizzato le nuove linee programmatiche in un documento, che mostra anche otto punti sul trasporto (dal punto 72 al punto 79). Il primo riguarda la direttiva 2007/38/EC sull'installazione obbligatoria degli specchi anteriori sui veicoli industriali in circolazione prima dell'obbligo della loro installazione sui veicoli di prima immatricolazione. Tale direttiva sarà abrogata perché, afferma la Commissione, "La direttiva ha raggiunto il suo obiettivo e tutti i veicoli sottoposti all'obbligo, ossia quelli immatricolati tra il 1° gennaio 2000 e il 27 gennaio 2007) hanno montato i nuovi specchi".
La Commissione intende abrogare anche il Regolamento 569/2008 (che modifica il regolamento 11/1960) sull'abolizione della discriminazione sulle tariffe e le condizioni del trasporto, perché "Non più necessaria e superata dallo sviluppo tecnologico e da altre normative". Saranno invece semplificati i Regolamenti 1071/2009 e 1072/2009 sulle norme di accesso all'autotrasporto: "Gli emendamenti faciliteranno l'implementazione delle regole da parte degli Stati membri e porteranno un'applicazione uniforme nell'Unione. Inoltre, ridurranno gli oneri amministrativi per la Pubblica Amministrazione e gli operatori".
La Commissione Juncker intende sottoporre a esame le direttive sul trasporto combinato (direttiva 92/106/EEC), sui porti (direttiva 2000/59/EC), sulle norme di sicurezza delle navi passeggeri (per le quali è previsto un controllo di "fitness"), sui benefici per i veicoli meno inquinanti (direttiva 009/33/EC) e sulla sicurezza delle gallerie (direttiva 2004/54/EC). Su questi temi, Juncker non ha ancora fornito indicazioni precise, che arriveranno nel corso del prossimo anno.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    Questo episodio di K44 La voce del trasporto spiega che cosa si deve fare, che cosa non si deve fare e che cosa è consigliato fare nel caso un veicolo industriale sia coinvolto in un incidente di qualsiasi tipo.

Logistica

  • Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    La Guardia di Finanza di Parma ha sequestrato undici milioni di euro a due cooperative del Gruppo Taddei che operano nella logistica per evasione fiscale. Occupano quasi un migliaia di persone, tra soci e dipendenti.

Mare

  • Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Alla Camera è in corso la discussione su un emendamento al Decreto Rilancio che stabilisce con chiarezza l’impossibilità dell'autoproduzione nelle operazioni di rizzaggio e derizzaggio dei traghetti. E si scalda lo scontro tra armatori e sindacati.