Array ( [0] => 9 )

Primo piano

  • Tribunale di Milano revoca commissariamento di Ceva Logistics

    Tribunale di Milano revoca commissariamento di Ceva Logistics

    La Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Milano ha accolto la richiesta di revocare in anticipo l’amministrazione giudiziaria della Divisione Contract Logistics di Ceva Logistics Italia, imposta nel maggio 2019 nell’ambito dell’inchiesta sul Consorzio Premium Net.

Podcast K44

Normativa

Italia ammonita dall’UE sulla sosta per i camion

L’Italia e altri sei Paesi dell’Unione Europea (oltre al Regno Unito) non sono in regola con le norme comunitarie relative alle informazioni sulla aree di parcheggio sicure per i veicoli industriali. Lo ha annunciato a maggio 2020 la Commissione Europea, che ha inviato le lettere di costituzione in mora ai Governi di Bulgaria, Estonia, Grecia, Italia, Lettonia, Romania, Slovenia e Regno Unito. Secondo la Commissione, questi Paesi “non hanno reso disponibili in formato digitale, attraverso i punti di accesso nazionali, le informazioni relative alle aree di parcheggio (ad esempio l'ubicazione delle aree di parcheggio e le strutture e i servizi disponibili) e alle aree di parcheggio che forniscono informazioni dinamiche (ad esempio circa la disponibilità di parcheggi o le zone prioritarie)”.

Quest'obbligo è previsto dal Regolamento delegato (UE) numero 885/2013, adottato nel quadro della direttiva sui sistemi di trasporto intelligenti (ITS). In Europa, i conducenti degli automezzi pesanti devono spesso far fronte a un'insufficienza di aree di sosta e d’informazioni su tali luoghi; di conseguenza parcheggiano spesso in zone non protette o luoghi non sicuri. I Paesi interessati dispongono ora di quattro mesi per rispondere alla lettera di costituzione in mora, trascorsi i quali la Commissione potrà decidere di adottare un parere motivato.

Sempre in tema di autotrasporto, la Commissione ha anche deferito alla Corte di Giustizia Cipro, i Paesi Bassi e il Portogallo perché non hanno aggiornato i loro registri delle imprese, cosa che avrebbero dovuto fare entro il 30 gennaio 2019, come richiesto dal Regolamento di esecuzione (UE) 2016/480 della Commissione. Questi registri permettono di scambiare le informazioni sulle imprese di autotrasporto tra gli Stati membri per garantire l’applicazione delle regole comunitarie e la concorrenza leale tra gli operatori.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Due camionisti scoperti con documenti falsi

    Due camionisti scoperti con documenti falsi

    Nel giro di pochi giorni la Polizia ha scoperto due autisti di veicoli industriali, a Brescia e a Novara, che viaggiavano con patenti e documento d’identità falsi. Un fenomeno di cui non si conoscono ancora i contorni, ma per pochi euro si può acquistare un documento online.

Logistica

  • Arriveranno in Europa i camion a idrogeno  Hyzon

    Arriveranno in Europa i camion a idrogeno Hyzon

    Con un tweet diffuso l’11 luglio, l'imprenditore olandese Max Holthausen ha annunciato la nascita della filiale europea del costruttore statunitensi di veicoli industriali elettrici alimentati a idrogeno Hyzon Motors. Produrrà camion a celle combustibili con cabina Daf.

Mare

  • La filiera del trasporto genovese punterà su Roma

    La filiera del trasporto genovese punterà su Roma

    Aumentano le adesioni al comitato Salviamo Genova e la Liguria, che riunisce le associazioni del trasporto merci che ruotano intorno allo scalo ligure e che il 22 luglio viaggeranno verso Roma per sollecitare soluzioni al caos viabilistico. Spediporto valuta danni per un miliardo di euro.