Array ( [0] => 10 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Cronaca

UE richiama l’Italia sulle tasse alle Autorità portuali

La Commissione Europea è tornata il 4 dicembre 2020 sulla questione delle imposte alle società che operano nei porti italiani, ribadendo la richiesta di abolire le attuali esenzioni dal 1° gennaio 2020. Questo è l’ultimo capitolo di una vicenda iniziata con un’indagine avviata nel 2013 su tutti i porti europei, da cui è emerso che nella maggior parte degli Stati membri le attività economiche dei porti, comprese quelle delle Autorità portuali, erano soggette al regime fiscale ordinario applicato alle imprese. Nel 2016, la Commissione ha cominciato a chiedere ai Paesi che non lo facevano di eliminare le esenzioni fiscali.

Il primo Stato a ricevere il richiamo è stato i Paesi Bassi, nel gennaio 2016, e l’anno successivo è stata la volta di Francia e Belgio. Tali decisioni, precisa Bruxelles “sono state confermate dal Tribunale nelle cause T-160/16 (Paesi Bassi), T-673/17, T-674/17 e T-696/17 (Belgio), T-747/17 e T-754/17 (Francia). Nel 2019 la Spagna ha accolto la richiesta e dal 2020 ai porti spagnoli si applica il regime d’imposizione ordinario”.

La Commissione ha inviato il primo invito all'Italia in tal senso a gennaio 2019 e nel dicembre 2019 ha avviato un’indagine approfondita per “accertare il fondamento delle sue preoccupazioni iniziali sulla compatibilità delle esenzioni fiscali concesse ai porti italiani con le norme sugli aiuti di Stato dell'UE”, come scrive nella nota del 4 dicembre. Al termine della valutazione, la Commissione “ha concluso che l'esenzione dall'imposta sulle società conferisce ai porti italiani un vantaggio selettivo, violando così le norme UE in materia di aiuti di Stato”.

La nota del 4 dicembre spiega che “l'esenzione non persegue un chiaro obiettivo di interesse pubblico, ad esempio la promozione della mobilità o del trasporto multimodale, mentre le Autorità portuali possono usare il risparmio d'imposta che ne deriva per finanziare qualunque tipo di attività o sovvenzionare i prezzi praticati dai porti ai clienti, a scapito dei loro concorrenti e della concorrenza leale”. E precisa che “se le Autorità portuali realizzano profitti grazie alle loro attività economiche, questi dovrebbero essere soggetti all'imposizione ordinaria prevista dalla normativa fiscale italiana per evitare distorsioni della concorrenza”.

La Commissione ha comunicato al Governo italiano di “adottare le misure necessarie ad abolire l'esenzione, in modo da garantire che dal 1º gennaio 2022 a tutti i porti si applichino le stesse norme fiscali che valgono per le altre imprese”, aggiungendo che “l'Italia e la Commissione continueranno a confrontarsi in modo costruttivo al riguardo”. La richiesta non è retroattiva perché questa esenzione risale a prima del 1958, anno in cui il Trattato è entrato in vigore in Italia, essendo quindi un “aiuto esistente”. Perciò il Governo non deve recuperare le imposte non versate in passato.

Per spiegare la sua posizione, la Commissione afferma che le Autorità portuali svolgono attività sia di tipo economico, sia di tipo non economico. Le seconde comprendono le attività di sicurezza e di controllo del traffico marittimo o di sorveglianza antinquinamento. Sono servizi pubblici cui non si applicano le norme UE in materia di aiuti di Stato e quindi non sono soggette a tassazione, mentre “lo sfruttamento commerciale delle infrastrutture portuali – ad esempio la concessione dell'accesso al porto a fronte di un pagamento – costituisce invece un'attività economica. A questo secondo tipo di attività si applicano le norme UE in materia di aiuti di Stato”.

La Commissione precisa che la “eliminazione dei vantaggi fiscali ingiustificati non significa che i porti non possano più ricevere contributi statali”. Gli Stati devono però farlo “nel rispetto delle norme UE in materia di aiuti di Stato, ad esempio al fine di conseguire gli obiettivi dell'Unione nel settore dei trasporti o di realizzare i necessari investimenti infrastrutturali che non sarebbero possibili senza l'intervento pubblico”.
La Commissione ha semplificato le regole sugli investimenti pubblici nei porti nel 2017, estendendo l’applicazione del Regolamento generale di esenzione per categoria agli investimenti non problematici. “Grazie a tale modifica, gli Stati membri possono ora investire fino a 150 milioni di euro nei porti marittimi e fino a 50 milioni di euro nei porti interni nella piena certezza giuridica e senza previo controllo della Commissione”, afferma la nota, ponendo come esempio le spese per i dragaggi. Inoltre, “le norme dell'UE consentono agli Stati membri di compensare i porti per i costi sostenuti nello svolgimento di compiti di servizio pubblico (i cosiddetti ‘servizi di interesse economico generale’)”.

"Le norme UE in materia di concorrenza riconoscono l'importanza dei porti per la crescita economica e lo sviluppo regionale e consentono agli Stati membri di investire in questo settore”, ha dichiarato Margrethe Vestager, Commissaria per la Concorrenza. “Al tempo stesso, per tutelare la concorrenza, la Commissione deve garantire che eventuali utili generati dalle attività economiche delle autorità portuali siano tassati allo stesso modo degli utili delle altre imprese. La decisione odierna indirizzata all'Italia – come già quelle rivolte ai Paesi Bassi, al Belgio e alla Francia – ribadisce che concedere ai porti esenzioni ingiustificate dall'imposta sulle società falsa la parità delle condizioni concorrenziali e nuoce alla concorrenza leale. Queste esenzioni vanno quindi abolite".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • L’autotrasporto ittico scozzese protesta a Londra

    L’autotrasporto ittico scozzese protesta a Londra

    Oltre cinquanta veicoli industriali scozzesi hanno manifestato a Londra, sotto la sede del Governo, per protestare contro le norme successive alla Brexit che ostacolano l’esportazione di prodotti ittici.

Mare

TECNICA

Gli Usa si preparano alla guida autonoma dei camion

TECNICA

UE finanzia con 20 milioni il camion autonomo

TECNICA

Uber vende la divisione sulla guida autonoma

TECNICA

Ford Trucks amplia la gamma dei camion in Italia

TECNICA

Appare il prototipo del Nikola Tre costruito in Europa
previous arrow
next arrow
Slider

LOGISTICA

Amazon aprirà due logistiche in Piemonte ed Emilia

LOGISTICA

Voli cargo a zero emissioni tra Europa e Nord America

LOGISTICA

In fiamme piattaforma logistica di Amazon a Milano

LOGISTICA

Total ed Engie produrranno idrogeno da fonti rinnovabili in Francia

LOGISTICA

Grendi potenzia logistica e rotte per la Sardegna
previous arrow
next arrow
Slider

BREXIT

L’autotrasporto ittico scozzese protesta a Londra

BREXIT

Riboni ha aperto una filiale in Gran Bretagna

BREXIT

La Brexit ostacola il trasporto espresso verso la Gran Bretagna

BREXIT

Primi problemi per l’autotrasporto dopo la Brexit

BREXIT

Aumentano i prezzi dell’autotrasporto per la Gran Bretagna
previous arrow
next arrow
Slider

CAMIONSFERA

Chiesto processo per due camionisti per investimento su A2

CAMIONSFERA

K44 podcast: la grande trappola del Kent

CAMIONSFERA

Sindacati francesi mobilitano gli autisti di veicoli industriali

CAMIONSFERA

Scoperti 22 kg di cocaina su un camion bulgaro

CAMIONSFERA

Italia e Germania alleate contro i divieti dell’Austria

CAMIONSFERA

Il mercato dei veicoli industriali limita le perdite del 2020

CAMIONSFERA

Il britannico Consortium Purchasing ordina 2250 camion Scania

CAMIONSFERA

Sequestrato un panino al prosciutto a camionista proveniente da GB

CAMIONSFERA

Massicci investimenti delle ferrovie russe sull’asse Europa-Asia

CAMIONSFERA

Consegnati in Italia i primi nuovi Scania V8 da 770 CV

CAMIONSFERA

Prosegue l’obbligo del test Covid-19 da GB alla Francia

CAMIONSFERA

Il Salone del trasporto per l’edilizia è rinviato al 2023

CAMIONSFERA

Multa di 9700 euro in Danimarca per manomissione cronotachigrafo

CAMIONSFERA

Aspi estende chiusura caselli Genova fino a 11 gennaio

CAMIONSFERA

CNH tratta con la cinese FAW per la vendita d’Iveco
previous arrow
next arrow
Slider