Array ( [0] => 10 )

Primo piano

  • Girteka separa i trasporti verso l’oriente

    Girteka separa i trasporti verso l’oriente

    La guerra in Ucraina costringe il colosso dell’autotrasporto lituano Girteka a dividere le attività che riguardano l’Europa occidentale da quelle per l’oriente. Ma non potrebbe bastare, perché c’è il rischio della chiusura delle frontiere.

Podcast K44

Cronaca

  • Due denunce per manomissione di cronotachigrafo

    Due denunce per manomissione di cronotachigrafo

    La Polizia Stradale di Modena ha scoperto una manomissione del cronotachigrafo su un autoarticolato fermato sull’A1. Oltre alla multa, denuncia per autista e titolare dell’azienda di autotrasporto.

Normativa

Autotrasporto

  • Waberer’s ordina 350 veicoli industriali

    Waberer’s ordina 350 veicoli industriali

    La società ungherese di autotrasporto Waberer's International torna a investire in modo massiccio nella flotta di veicoli industriali con un ordine di 350 trattori stradali Daf XF.

    Perché Bruxelles vuole tassare i porti italiani

    Dopo l'annuncio della Commissione Europea sulla conclusione del procedimento avviato nei confronti dei porti italiani e che porterà al pagamento all'imposta sul reddito generato dalle attività economiche, circola fra gli addetti ai lavori il documento di 23 pagine dove sono riportate le motivazioni di questa decisione. Nelle conclusioni si legge che "la mancata assoggettazione delle attività economiche svolte dai porti all'imposta sul reddito delle società comporta un vantaggio selettivo". Aggiungendo che, "tale trattamento più favorevole concesso dallo Stato e ad esso imputabile rischia di falsare la concorrenza e gli scambi intra-UE. Di conseguenza l'esenzione fiscale concessa alle AdSP costituisce un aiuto di Stato".
    Il documento di Bruxelles precisa che "sollevando tali imprese da oneri fiscali che altrimenti avrebbero dovuto sostenere e che grava sulle imprese concorrenti, l'esenzione dall'imposta sul reddito delle società libera risorse finanziarie che queste imprese possono investire nelle proprie attività commerciali, il che a sua volta incide sulle condizioni alle quali possono offrire i loro prodotti e servizi sul mercato e crea distorsioni della concorrenza sul mercato interno. Di conseguenza, la misura, che prevede un'esenzione fiscale per le AdSP, incide sugli scambi intra-UE e falsa o minaccia di falsare la concorrenza". Per queste ragioni Bruxelles ritiene che "l'Italia debba adottare opportune misure atte a garantire che le attività economiche dei porti siano assoggettate al medesimo regime di tassazione del reddito delle società delle imprese private".
    La comunicazione firmata dal Commissario europeo per la concorrenza, Margrethe Vestager, precisa che "le autorità italiane sono invitate ad adottare, entro dieci mesi a decorrere dal ricevimento della presente decisione, le misure necessarie per garantire che le AdSP siano assoggettate all'imposta sul reddito delle società. [...] Tale riforma dovrebbe essere attuata al più tardi entro il prossimo esercizio fiscale". Il 31 dicembre 2019 è dunque il termine ultimo concesso all'Italia per riorganizzare il modello delle Autorità portuali, rendendole conformi a quanto previsto dalla legislazione comunitaria in materia di concorrenza e aiuti di Stato.
    Per la Commissione Europea, "la nozione d'impresa abbraccia qualsiasi entità che esercita un'attività economica, a prescindere dallo status giuridico di detta entità e dalle sue modalità di finanziamento. Il fatto che un'entità non persegua scopo di lucro non è un criterio determinante per stabilire se si tratti o meno di un'impresa. Non lo è neanche il fatto che non sia di proprietà pubblica". Ciò tenendo comunque conto che "la costruzione e lo sfruttamento commerciale delle infrastrutture portuali costituiscono attività economiche". In tale contesto, le AdSP agiscono "in veste di 'landlord', affittano i terreni e le infrastrutture portuali a utenti privati contro il pagamento di canoni. Si tratta di un'attività economica equiparabile all'affitto di un bene qualsiasi contro pagamento".
    L'Italia, sostiene che "le AdSP si limitano a concedere autorizzazioni amministrative contro il pagamento dei canoni, che possono essere assimilati a imposte». Un'osservazione che Bruxelles contesta, giudicandola non rilevante per determinare se le Autorità portuali svolgano un'attività economica. "Ciò che conta è che sia pagato denaro a fronte di una contropartita", ribatte la Commissione, aggiungendo che i canoni devono "essere considerati come un prezzo per l'affitto di infrastrutture pubbliche e per la concessione di servizi portuali a operatori privati".
    L'Europa aggiunge che "una perdita di gettito fiscale è equivalente al consumo di risorse statali sotto forma di spesa fiscali". Esentando quindi le AdSP dall'imposta sul reddito delle società, le autorità italiane rinunciano a un introito che costituisce risorse statali. Per questo la Commissione Europea ritiene che "la misura in questione comporti una perdita di risorse statali e sia pertanto concessa tramite risorse statali".
    Un paragrafo della comunicazione riguarda la "Distorsione della concorrenza e incidenza sugli scambi". Qua La Commissione afferma che "i porti di diversi Stati membri possono avere lo stesso hinterland, per cui le Autorità portuali si fanno concorrenza per fornire servizi di trasporto a operatori disposti a rifornire quell'entroterra. I servizi offerti dalle Autorità portuali (che concedono alle navi l'accesso ai porti) sono quindi, almeno in una certa misura, in concorrenza con quelli offerti da altre Autorità portuali e da altri fornitori di servizi di trasporto, sia in Italia che in altri Stati membri". Più in generale, la Commissione osserva che, "poiché i porti sono in gran parte coinvolti nel trasporto internazionale di merci e passeggeri e poiché l'UE garantisce la libera circolazione delle merci e delle persone, un vantaggio per i porti italiani è anche per sua natura tale da incidere sulla concorrenza e sugli scambi all'interno dell'UE".

    Nicola Capuzzo

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
    Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

     


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

     bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

     

Videocast K44

Notizie Brevi

Aereo

Ferrovia

  • Ferrovie in ritardo sui nodi al servizio del porto di Trieste

    Ferrovie in ritardo sui nodi al servizio del porto di Trieste

    Diversi progetti avviati da Rfi per potenziare il trasporto merci su rotaia nell’area della Venezia Giulia e del Friuli sono in ritardo e quindi vedranno slittare i tempi della loro conclusione, compresi alcuni che riguardano il porto di Trieste.
Nuovi carrelli elevatori multiruolo diesel-Gpl Yale N

TECNICA

Nuovi carrelli elevatori multiruolo diesel-Gpl Yale N
Robot di magazzino Linde per carichi pesanti

TECNICA

Robot di magazzino Linde per carichi pesanti
K44 video | Come è composta la nuova gamma Daf XD

TECNICA

K44 video | Come è composta la nuova gamma Daf XD
IAA 2022 |Daf rivoluziona i camion medi

TECNICA

IAA 2022 |Daf rivoluziona i camion medi
IAA 2022 | Mercedes svela l’eActros a idrogeno

TECNICA

IAA 2022 | Mercedes svela l’eActros a idrogeno
previous arrow
next arrow
La logistica nella tempesta elettrica

LOGISTICA

La logistica nella tempesta elettrica
Fusione a tre nell’autotrasporto veneto

LOGISTICA

Fusione a tre nell’autotrasporto veneto
UE seleziona 24 progetti per infrastrutture sostenibili

LOGISTICA

UE seleziona 24 progetti per infrastrutture sostenibili
Il Mims stanzia 500 milioni per le navi verdi

LOGISTICA

Il Mims stanzia 500 milioni per le navi verdi
Sindacati europei contestano l’apertura agli extraeuropei

LOGISTICA

Sindacati europei contestano l’apertura agli extraeuropei
previous arrow
next arrow
Inaugurato gasdotto dalla Norvegia ma il prezzo del gas cresce

ENERGIE

Inaugurato gasdotto dalla Norvegia ma il prezzo del gas cresce
Interrotto per possibile sabotaggio il gas per la Germania

ENERGIE

Interrotto per possibile sabotaggio il gas per la Germania
Frode fiscale da 14 milioni sul gasolio proveniente dai Balcani

ENERGIE

Frode fiscale da 14 milioni sul gasolio proveniente dai Balcani
Finanza scopre maxi frode nei carburanti dal 600 milioni

ENERGIE

Finanza scopre maxi frode nei carburanti dal 600 milioni
Il porto di Rotterdam vuole diventare hub dell’idrogeno verde

ENERGIE

Il porto di Rotterdam vuole diventare hub dell’idrogeno verde
previous arrow
next arrow
Nuova piattaforma digitale per il trasporto combinato

SERVIZI

Nuova piattaforma digitale per il trasporto combinato
K44 video | una nuova proposta per il telepedaggio

SERVIZI

K44 video | una nuova proposta per il telepedaggio
K44 podcast | UE si prepara alle emergenze nel trasporto

SERVIZI

K44 podcast | UE si prepara alle emergenze nel trasporto
K44 video | servizi digitali AS24 per l’autotrasporto

SERVIZI

K44 video | servizi digitali AS24 per l’autotrasporto
K44 video | tracciamento intermodale di Sipli Fleet

SERVIZI

K44 video | tracciamento intermodale di Sipli Fleet
L’incaglio della Ever Given è un incubo assicurativo

SERVIZI

L’incaglio della Ever Given è un incubo assicurativo
Berlino finanzia il noleggio di camion a idrogeno

SERVIZI

Berlino finanzia il noleggio di camion a idrogeno
K44 podcast | l’evoluzione della Borsa carichi

SERVIZI

K44 podcast | l’evoluzione della Borsa carichi
GLS acquisisce piattaforma digitale per l’ultimo miglio

SERVIZI

GLS acquisisce piattaforma digitale per l’ultimo miglio
K44 podcast | Una piattaforma digitale per autotrasporto container

SERVIZI

K44 podcast | Una piattaforma digitale per autotrasporto container
previous arrow
next arrow