Array ( [0] => 10 )

Primo piano

  • K44 podcast: come acquistare un camion elettrico

    K44 podcast: come acquistare un camion elettrico

    Entro pochi mesi gli autotrasportatori potranno acquistare veicoli industriali elettrici. Come cambia la vendita di questi automezzi e per quali attività sono più adatti? Risponde questo episodio del podcast K44 La voce del trasporto.

Podcast K44

Normativa

Cronaca

Autotrasporto

    Perché Bruxelles vuole tassare i porti italiani

    Dopo l'annuncio della Commissione Europea sulla conclusione del procedimento avviato nei confronti dei porti italiani e che porterà al pagamento all'imposta sul reddito generato dalle attività economiche, circola fra gli addetti ai lavori il documento di 23 pagine dove sono riportate le motivazioni di questa decisione. Nelle conclusioni si legge che "la mancata assoggettazione delle attività economiche svolte dai porti all'imposta sul reddito delle società comporta un vantaggio selettivo". Aggiungendo che, "tale trattamento più favorevole concesso dallo Stato e ad esso imputabile rischia di falsare la concorrenza e gli scambi intra-UE. Di conseguenza l'esenzione fiscale concessa alle AdSP costituisce un aiuto di Stato".
    Il documento di Bruxelles precisa che "sollevando tali imprese da oneri fiscali che altrimenti avrebbero dovuto sostenere e che grava sulle imprese concorrenti, l'esenzione dall'imposta sul reddito delle società libera risorse finanziarie che queste imprese possono investire nelle proprie attività commerciali, il che a sua volta incide sulle condizioni alle quali possono offrire i loro prodotti e servizi sul mercato e crea distorsioni della concorrenza sul mercato interno. Di conseguenza, la misura, che prevede un'esenzione fiscale per le AdSP, incide sugli scambi intra-UE e falsa o minaccia di falsare la concorrenza". Per queste ragioni Bruxelles ritiene che "l'Italia debba adottare opportune misure atte a garantire che le attività economiche dei porti siano assoggettate al medesimo regime di tassazione del reddito delle società delle imprese private".
    La comunicazione firmata dal Commissario europeo per la concorrenza, Margrethe Vestager, precisa che "le autorità italiane sono invitate ad adottare, entro dieci mesi a decorrere dal ricevimento della presente decisione, le misure necessarie per garantire che le AdSP siano assoggettate all'imposta sul reddito delle società. [...] Tale riforma dovrebbe essere attuata al più tardi entro il prossimo esercizio fiscale". Il 31 dicembre 2019 è dunque il termine ultimo concesso all'Italia per riorganizzare il modello delle Autorità portuali, rendendole conformi a quanto previsto dalla legislazione comunitaria in materia di concorrenza e aiuti di Stato.
    Per la Commissione Europea, "la nozione d'impresa abbraccia qualsiasi entità che esercita un'attività economica, a prescindere dallo status giuridico di detta entità e dalle sue modalità di finanziamento. Il fatto che un'entità non persegua scopo di lucro non è un criterio determinante per stabilire se si tratti o meno di un'impresa. Non lo è neanche il fatto che non sia di proprietà pubblica". Ciò tenendo comunque conto che "la costruzione e lo sfruttamento commerciale delle infrastrutture portuali costituiscono attività economiche". In tale contesto, le AdSP agiscono "in veste di 'landlord', affittano i terreni e le infrastrutture portuali a utenti privati contro il pagamento di canoni. Si tratta di un'attività economica equiparabile all'affitto di un bene qualsiasi contro pagamento".
    L'Italia, sostiene che "le AdSP si limitano a concedere autorizzazioni amministrative contro il pagamento dei canoni, che possono essere assimilati a imposte». Un'osservazione che Bruxelles contesta, giudicandola non rilevante per determinare se le Autorità portuali svolgano un'attività economica. "Ciò che conta è che sia pagato denaro a fronte di una contropartita", ribatte la Commissione, aggiungendo che i canoni devono "essere considerati come un prezzo per l'affitto di infrastrutture pubbliche e per la concessione di servizi portuali a operatori privati".
    L'Europa aggiunge che "una perdita di gettito fiscale è equivalente al consumo di risorse statali sotto forma di spesa fiscali". Esentando quindi le AdSP dall'imposta sul reddito delle società, le autorità italiane rinunciano a un introito che costituisce risorse statali. Per questo la Commissione Europea ritiene che "la misura in questione comporti una perdita di risorse statali e sia pertanto concessa tramite risorse statali".
    Un paragrafo della comunicazione riguarda la "Distorsione della concorrenza e incidenza sugli scambi". Qua La Commissione afferma che "i porti di diversi Stati membri possono avere lo stesso hinterland, per cui le Autorità portuali si fanno concorrenza per fornire servizi di trasporto a operatori disposti a rifornire quell'entroterra. I servizi offerti dalle Autorità portuali (che concedono alle navi l'accesso ai porti) sono quindi, almeno in una certa misura, in concorrenza con quelli offerti da altre Autorità portuali e da altri fornitori di servizi di trasporto, sia in Italia che in altri Stati membri". Più in generale, la Commissione osserva che, "poiché i porti sono in gran parte coinvolti nel trasporto internazionale di merci e passeggeri e poiché l'UE garantisce la libera circolazione delle merci e delle persone, un vantaggio per i porti italiani è anche per sua natura tale da incidere sulla concorrenza e sugli scambi all'interno dell'UE".

    Nicola Capuzzo

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
    Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

     


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

     bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

     

Videocast K44

Sponsorizzato

  • Cosa offre Amazon Relay ai trasportatori

    Cosa offre Amazon Relay ai trasportatori

    Amazon necessita di sempre maggiore capacità di trasporto, che viene alimentata grazie ad un programma dedicato, chiamato Amazon Relay. Ecco come funziona e come le imprese di autotrasporto vi possono aderire.
Contributi per camion a rischio per carenza di componenti

TECNICA

Contributi per camion a rischio per carenza di componenti
K44 podcast, i due nuovi volti del Mercedes Actros

TECNICA

K44 podcast, i due nuovi volti del Mercedes Actros
Iveco sospende la produzione per carenza di componenti

TECNICA

Iveco sospende la produzione per carenza di componenti
Il videocast K44 esplora il nuovo Renault Trucks T

TECNICA

Il videocast K44 esplora il nuovo Renault Trucks T
Fassi presenta la gru elettrica per camion

TECNICA

Fassi presenta la gru elettrica per camion
previous arrow
next arrow
Gruber Logistics investe sul porto di Trieste

LOGISTICA

Gruber Logistics investe sul porto di Trieste
Camionista indagato per incidente mortale a Bologna

LOGISTICA

Camionista indagato per incidente mortale a Bologna
Bomi cresce in Brasile acquisendo Linex

LOGISTICA

Bomi cresce in Brasile acquisendo Linex
Lgd denuncia l’assedio da parte del SiCobas

LOGISTICA

Lgd denuncia l’assedio da parte del SiCobas
Scioperi nella logistica all’Interporto di Bologna e alla FedEx

LOGISTICA

Scioperi nella logistica all’Interporto di Bologna e alla FedEx
previous arrow
next arrow
Gran Bretagna allenta i lacci del cabotaggio stradale

BREXIT

Gran Bretagna allenta i lacci del cabotaggio stradale
Italmondo crea sdoganamento in Belgio per trasporti in GB

BREXIT

Italmondo crea sdoganamento in Belgio per trasporti in GB
Peggiora la crisi logistica in Gran Bretagna

BREXIT

Peggiora la crisi logistica in Gran Bretagna
Albanesi si offrono gratis come camionisti in GB

BREXIT

Albanesi si offrono gratis come camionisti in GB
I militari guidano le autocisterne britanniche

BREXIT

I militari guidano le autocisterne britanniche
previous arrow
next arrow
Contributi per camion a rischio per carenza di componenti

CAMIONSFERA

Contributi per camion a rischio per carenza di componenti
Prima sentenza italiana sul cartello dei camion

CAMIONSFERA

Prima sentenza italiana sul cartello dei camion
Austria imporrà il Green Pass ma non a tutti i camionisti

CAMIONSFERA

Austria imporrà il Green Pass ma non a tutti i camionisti
I dipendenti della Fas commemorano Nicola D’Arcangelo

CAMIONSFERA

I dipendenti della Fas commemorano Nicola D’Arcangelo
Il camionista è tra i lavori meno pagati in Germania

CAMIONSFERA

Il camionista è tra i lavori meno pagati in Germania
Primo aumento per il contratto nazionale Trasporto, Logistica e Spedizione

CAMIONSFERA

Primo aumento per il contratto nazionale Trasporto, Logistica e Spedizione
Aggiornati i chiarimenti sul Green Pass nel trasporto

CAMIONSFERA

Aggiornati i chiarimenti sul Green Pass nel trasporto
Autostrada viaggiante respinta dal Green Pass

CAMIONSFERA

Autostrada viaggiante respinta dal Green Pass
Cresce la richiesta di riforma della Cqc in Europa

CAMIONSFERA

Cresce la richiesta di riforma della Cqc in Europa
L’ultimo miglio ferroviario è il grande assente nel Pnrr

CAMIONSFERA

L’ultimo miglio ferroviario è il grande assente nel Pnrr
Tamponi per autotrasportatori al porto di Genova

CAMIONSFERA

Tamponi per autotrasportatori al porto di Genova
Autotrasporto unito contro esenzione Green Pass agli stranieri

CAMIONSFERA

Autotrasporto unito contro esenzione Green Pass agli stranieri
Autostrade Italia risarcisce 1,5 miliardi a Genova

CAMIONSFERA

Autostrade Italia risarcisce 1,5 miliardi a Genova
Obbligo di Green Pass costerà all’autotrasporto 70 milioni

CAMIONSFERA

Obbligo di Green Pass costerà all’autotrasporto 70 milioni
Camionisti stranieri senza obbligo del Green Pass

CAMIONSFERA

Camionisti stranieri senza obbligo del Green Pass
previous arrow
next arrow