Array ( [0] => 9 )

Primo piano

  • K44 podcast: come Autamarocchi affronta la carenza di autisti

    K44 podcast: come Autamarocchi affronta la carenza di autisti

    Dopo una tregua causata dalla Covid-19, si riparla del problema della carenza di autisti. In questo episodio del podcast K44 La voce del trasporto l’amministratore delegato di Autamarocchi, Ervino Harvej, spiega come l’azienda di autotrasporto affronta questo fenomeno.

Podcast K44

Normativa

Cronaca

    Autotrasporto contro il degrado delle autostrade


    Prima i viadotti, poi le volte delle gallerie, ma anche guardrail e barriere antirumore: le autostrade italiane stanno sbriciolandosi e proprio lungo le arterie più frequentate dai veicoli industriali, come quelle dirette ai porti liguri o al sud, lungo la dorsale adriatica. Aumentano le restrizioni o le chiusure di viadotti e gallerie a causa dei rischi di crollo connessi alla scarsa manutenzione, causando deviazioni o lunghe code e la lista potrebbe allungarsi, poiché una recente relazione della Commissione Lavori Pubblici ha identificato duecento tunnel autostradali che non sono a norma, che si aggiungono all'elenco dei ponti ammalorati emerso nei mesi successi al crollo del Morandi.
    In Liguria le cattive condizioni delle autostrade condizionano il futuro dei porti fino dall'interruzione dell'A10 per il cedimento del viadotto Polcevera. Dopo i primi interventi d'emergenza la situazione sembrava tornare a una parvenza di normalità, ma la limitazione al traffico di due viadotti e il crollo della volta di una galleria hanno reso anche la A26 un'autostrada debole, mentre il crollo del cavalcavia Madonna del Monte sull'A6 ha creato una strozzatura proprio in concomitanza con l'apertura del nuovo terminal container di Vado Ligure, a Savona.
    Riguardo a questo ponte, un articolo del Sole 24 Ore del 28 novembre 2019 afferma che il pilone crollato a causa di una frana era quello più a rischio nel caso di tale evento, perché era il più esposto, ma non era stato rinforzato, a differenza di quello successivo, che è rimasto in piedi. Questa è una circostanza su cui stanno indagando gli inquirenti per verificare eventuali responsabilità della concessionaria dell'autostrada, la società Autostrada dei Fiori, del Gruppo Gavio. Infatti, il rinforzo di una delle due pile del ponte indica la consapevolezza del rischio di valanghe e quindi la necessità di agire sull'intera struttura e non solo su una parte.
    Sui problemi causati dal crollo del Madonna del Monte sono intervenuti più volte gli autotrasportatori piemontesi, chiedendo l'abrogazione o la riduzione dei pedaggi, ma anche un intervento presso la Francia, che sta vietando il transito dei veicoli pesanti su una possibile alternativa all'autostrada tra Piemonte e Liguria, come per esempio avviene nella valle della Roja. Intanto, Autostrada dei Fiori ha annunciato di avere iniziato le procedure per la ricostruzione del viadotto, che sarà lungo 58 metri e a una sola campata. Per le esigenze del nuovo terminal container sarà costruito un nuovo svincolo autostradale a Bossarino, che eviterà ai camion di percorrere la viabilità urbana.
    I problemi sull'A14 sono più recenti, ma altrettanto gravi perché incidono su un'arteria fondamentale per il traffico tra nord e sud. Il 19 dicembre 2019 la Società Autostrade per l'Italia ha vietato la circolazione dei veicoli sopra le 3,5 tonnellate tra Pineto e Pescara Nord per problemi al viadotto Cerrano, scaricando il traffico pesante sulla Statale Adriatica – con una stima di quattromila camion al giorno - con le conseguenti code chilometriche. Non si sa ancora quando il ponte sarà completamente accessibile.
    Il 9 gennaio si è svolto un incontro al ministero dei Trasporti con Autostrade per l'Italia (che gestisce l'autostrada) dove la società autostradale ha presentato ai rappresentanti del ministero dati che "hanno messo in evidenza risultati delle prove positivi e come tali, favorevoli alla riapertura del traffico pesante sul viadotto", come scrive una nota del ministero. Sulla base di queste informazioni, il 13 gennaio il ministero potrebbe fornire parere favorevole al ripristino della circolazione per i mezzi pesanti, seppure "ad andatura distanziata e contenuta". Dovrebbero esserci presupposti favorevoli anche per la barriere laterali.
    Nel frattempo sono sorte vivaci proteste degli autotrasportatori delle regioni attraversate dall'autostrada, dopo casi di file lunghe fino a venti chilometri, con attese da tre a cinque ore. Il 10 gennaio, Confartigianato Trasporti, Fita Cna e Fai-Conftrasporto delle regioni Marche, Abruzzo e Puglia hanno dichiarato la mobilitazione dell'autotrasporto. "L'autotrasporto non è più in grado di programmare i propri viaggi, di rispettare i tempi di consegna e se permane questa situazione le imprese dovranno passare dalla tariffa a chilometro alla tariffa oraria secondo i tempi di percorrenza dato che per effettuare un trasporto che prima richiedeva 3/5 ore oggi ne servono oltre il doppio e con le limitazioni dei tempi di guida previsti dalla legge si dimezza il servizio di trasporto effettuato", scrivono le associazioni in una nota.
    Oltre al ripristino della viabilità autostradale ai mezzi pesanti, gli autotrasportatori adriatici chiedono la riapertura del casello di Roseto e lo sblocco di restrizioni in altri viadotti. Tutti ostacoli che non danneggiano solo l'autotrasporto, ma anche gli altri utenti della strada e i paesi lungo l'Adriatica, come precisa la nota delle associazioni: "Sono ormai innumerevoli gli incidenti con feriti verificatisi a seguito di queste abnormi limitazioni, anche sulla viabilità ordinaria vanificando gli eventuali obiettivi di sicurezza che le misure cautelari si prefiggono. Inoltre queste restrizioni alla circolazione creano ai cittadini e alle località interessate gravissimi problemi di inquinamento, per via della concentrazione di emissioni derivanti dalle migliaia di mezzi pesanti che quotidianamente sono costretti a circolare sulla viabilità ordinaria". Le tre sigle annunciano che se non saranno risolti questi problemi organizzeranno manifestazioni nella aree interessate.

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
    Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

     


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

     bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

    Teleroute affronta il futuro con un fermo impegno sulla sicurezza
    Accordo tra Astre Italia e Keepintouch sui servizi alle flotte
    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee
    Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio
    Menu completo d’intralogistica per gli associati Astre
    LCT collabora con la Protezione Civile contro la Covid-19
    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    previous arrow
    next arrow
    Slider

     

Videocast K44

Autotrasporto

Mare

TECNICA

Bruxelles studia la cybersicurezza nei veicoli autonomi

TECNICA

Alleanza tra Iveco e Plus per il camion autonomo

TECNICA

Aggancio automatico del semirimorchio di Jost

TECNICA

K44 Tecno: al volante (virtuale) del nuovo Renault Trucks T

TECNICA

Boston Dynamics presenta un robot per caricare i camion
previous arrow
next arrow
Slider

LOGISTICA

Operazione antimafia nei trasporti e nel commercio di carburanti

LOGISTICA

Strage in magazzino FedEx d’Indianapolis

LOGISTICA

K44 podcast: come cambia l’offerta di lavoro nella logistica

LOGISTICA

Venezia vuole produrre idrogeno verde per il trasporto

LOGISTICA

Alibaba.com con Nola Business Park nel commercio elettronico
previous arrow
next arrow
Slider

BREXIT

Camionisti esonerati dal tampone Covid tra GB e Francia

BREXIT

La Brexit svuota l’export britannico

BREXIT

Eurotunnel offre lo sdoganamento digitale

BREXIT

Nuovo quadro giuridico per eTir dal 25 maggio

BREXIT

La Brexit frena anche Amazon in Gran Bretagna
previous arrow
next arrow
Slider

CAMIONSFERA

Dkv avvia il pagamento telematico in Italia

CAMIONSFERA

Bosch produrrà microprocessori per veicoli in Germania

CAMIONSFERA

Dimezzato il potenziamento della ferrovia di Capodistria

CAMIONSFERA

Camionisti scioperano nei Paesi Bassi per aumento salario

CAMIONSFERA

Parte il bando per la galleria del Verghereto sull’E45

CAMIONSFERA

Ancora ritardi nelle consegne di camion in Europa e Usa

CAMIONSFERA

Piano di sorveglianza ministeriale per le gallerie

CAMIONSFERA

K44 podcast: come funziona l’assistenza 24h dei camion

CAMIONSFERA

Assolti due dirigenti Michelin per incidente a camionista

CAMIONSFERA

Bando per formazione autisti container

CAMIONSFERA

La Francia rifinanzia e rilancia la Torino-Lione

CAMIONSFERA

Ferrovie tedesche in contropiede sulla frana del Reno

CAMIONSFERA

Il Canale di Suez sta potenziando la sicurezza della navigazione

CAMIONSFERA

Il raddoppio della ferrovia adriatica fa solo un mezzo passo

CAMIONSFERA

Progetto di nuovo canale tra Mar Rosso e Mediterraneo
previous arrow
next arrow
Slider