Array ( [0] => 9 )

Primo piano

  • Come avviene lo sfruttamento degli autisti extracomunitari

    Come avviene lo sfruttamento degli autisti extracomunitari

    Una ricerca mostra che la pandemia di Covid-19 ha accentuato i fenomeni di sfruttamento nell’Unione Europea di camionisti immigrati dai Paesi extra-comunitari da parte di catene di sub-appalto nell’autotrasporto, sorte soprattutto nell’Est. Ecco come funziona il sistema.

Podcast K44

Normativa

Evasione delle imposte nel trasporto altoatesino


Alcune aziende della provincia di Bolzano, tra cui almeno una che svolge attività di autotrasporto in conto terzi, avrebbero evitato di pagare le imposte e i contributi dei lavoratori indicando, in modo illegittimo secondo la Finanza, nella loro busta paga una parte delle retribuzioni come indennità di trasferta o rimborso chilometrico, ottenendo i relativi benefici fiscali e contributivi. Le posizioni irregolari rilevate sono 165, corrispondenti a dipendenti di sei imprese che hanno sede Bolzano, Gargazzone ed Egna (di cui non è stato rivelato in nome) e l'evasione corrisponde a redditi non sottoposti a tassazione per importi medi di 550 euro mensili. I controlli della Finanza hanno rilevato che nelle loro buste paga erano inserite trasferte e rimborsi chilometrici superiori a quelli effettivamente compiuti e in alcuni casi figuravano indennità in favore di dipendenti che non avevano mai effettuato alcuna trasferta. Complessivamente i compensi sottratti a tassazione corrispondono a un milione e mezzo di euro, con ritenute non versate allo Stato per 600mila euro.
La Finanza precisa che questo tipo di evasione è piuttosto diffusa e ha lo scopo di abbattere il cuneo fiscale, ossia a differenza tra il costo del personale sostenuto dal datore di lavoro e l'importo netto percepito dal dipendente. Nella nota, la Finanza aggiunge che "la normativa di settore prevista dal Testo Unico delle Imposte sui Redditi riserva un diverso trattamento fiscale e previdenziale agli emolumenti corrisposti agli addetti che si recano in trasferta per motivi lavorativi, distinguendo tra 'lavoratore in trasferta', ossia colui che si sposta dalla sede dell'azienda in modo temporaneo e occasionale e 'trasfertista', che, per contratto, presta la propria attività in sedi sempre diverse".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

Logistica

Mare

  • Contship punta sulla Spezia e sull’intermodale

    Contship punta sulla Spezia e sull’intermodale

    Contship Italia ha illustrato i progetti per lo sviluppo dell’attività in Italia, al centro dei quali c’è il terminal container della Spezia e il potenziamento dei servizi di trasporto intermodale svolti da Sogemar, Hannibal e Rail Hub Melzo.